MTB Carsoli alone : Conciarelle e petrekte

Carsoli alone : Conciarelle e petrekte

Ci sono dei momenti in cui devi tirare il freno a mano, fare i conti con la realta’ dei fatti e fare qualche passo indientro, lasciare da parte elettrici e frettolosi, e rimettersi a pedalare con il proprio ritmo per ritrovare il puro e semplice piacere di stare all’aria aperta lontano dalla citta’ e conquistarsi un paio di bei trail in discesa.
La location scelta per questo “reset” è Carsoli, che grazie alle salite ampiamente pedalabili ben si adatta anche a monitorare le mie
“performance” cardio. Fortunatmente il meteo, che a Roma tendeva al nuvolo, pare regalare una splendida giornata, dunque si pedala, stavolta senza fretta. Senza sforzi con frequenze tra i 145 e i 155 salgo in circa 45 minuti di asfalto all’inizio della sterrata “mangia e bevi” ovvero saliscendi che porta verso il primo trail, Conciarelle. Se l’asfato si lasciava scorrere tranquillo, qua la musica cambia , i continui saliscendi spesso con strappi non indifferenti rendono la cosa, almeno per me impegnativa, talvolta dove la strada diventa particolarmente sconnessa preferisco darmi allo spingismo. Con una 40ina di minuti arrivo all’inizio del primo trail previsto, Conciarelle. Lo abbiamo gia percorso altre volte, ma stavolta , grazie al costante lavoro dei trailbuilder, è veramente tirato a lucido e presenta alcune nuove sponde.

concìar3ll3
Molto bene direi, considerato che un paio di passaggi mi avevano dato noia. Stavolta trovo il ritmo giusto e giro bene anche le curve piu’ strette. Un buon inizio, che fa soltanto bene al morale e al “confidence level”. Anche se da soli bisogna essere piu’ prudenti la calma e l’essere saliti con il proprio ritmo sono state d’aiuto e lo saranno in tutto il giro.
Prosegiamo su uno sterrato di collegamento su cui prendere fiato, per poi risaire ancora su facile asfalto per una 20ina di minuti verso l’imbocco di quello che reputo il capolavoro di Carsoli (e forse il piu’ bel trail man made della zona), ovvero il Petrekte.
Anche di questo si è gia’ detto … un capolavoro flow, tra spondoni e northsore, tutto da guidare sfruttando il flow, in pratica una giostra:

pètrèktè

Purtoppo un bel gioco dura poco, ma le sensazioni che da questo trail valgono tutto il resto. Anche l’uscita finale nei prati, in cui comincia a rispuntare l’erbetta verde, ha il suo perchè … pace e silenzio solo il rumore della ruota libera.
Ogni tanto ci vuole. Sono proprio i giri e le giornate come questa in cui piu’ apprezzo la mia amata biciclettina ….

Relive

Relive ‘Carsoli alone …’

 
Traccia gps gpx

MTB: Malpasso – Carsoli

MTB Malpasso – Carsoli

l’ora d’aria allungata …

Lasciate alle spalle tutte le esercitazioni, i bunnyhop e le slide del corso TM1 si ritorna a girare per davvero, fresca di una qualifica da maestro mtb che rappresenta solo l’inizio, consapevole che c’è una cosa sola da fare, pedalare, allenarsi ma sopratutto ritrovare la fiducia sul tecnico,
fiducia che va ritrovata con pazienza cercando di lasciarsi alle spalle dolori e microtraumi.
Dunque torniamo in sella a fare qualcosa che va ben oltre l’ora d’aria … il trail Malpasso di carsoli era nella to-do-list, e quindi mi unisco coraggiosamente al gruppo di bicinatura che ha organizzato il giro. Coraggiosamente in quanto la mia forma fisica è penosa, non pedalo con un certo dislivello da più di un mese … insomma so bene che faro’ il fanalino di coda, ma non importa, se non ricomincio da qualche parte non va bene.
il giro prevede due trail, Conciarelle, gia’ percorso in passato, e la new entry per me Malpasso, trail naturale molto vario.

kìaz concìar Foto action tnx to Marco di Bicinatura

malpass1 malpass2
Molto faticosamente, non tanto per le pendenze ma quanto per il mio scarso allenamento e conseguente incapacita’ di stare dietro al gruppo, arrivo a Collegiove, paese da cui inizia uno sterrato panoramico gia’ percorso in passato per raggiungere il trail “la mola” … purtoppo qua si tratta di pedalare e il tempo x guardarsi attorno (e quindi di fare foto) è poco.

malpasso 4 malpasso 31 malpasso up maplasso 6

Speriamo che la discesa sia degna della fatica , anche se purtoppo ci risiamo :… tra confidence level sotto zero, fretta, sindrome del ruotino, non scendo come vorrei su un trail che impegna, che passa da tratte tipiche da sentiero di montagna a rockgarden piu’ o meno rognosi, da pietre mosse ad una terra secchissima e scivolosa che mi impone di optare per scendere a piedi un paio di volte . La fiducia sia in me che nella specy è bassa, bene nelle curve strette e nei passaggi su roccia, male nel guidato specie se la pendenza aumenta. Cerco di trovare qualche istante per guardarmi attorno … ma la fretta di raggiungere il gruppo la fa da padrona. Malgrado tutto il trail è molto bello e vario, dovrei pero’ percorrerlo con altri ritmi e il tempo per visualizzare e provare i passaggi piu’ ostici, magari meccanizzando.

kìaz malpasso

Foto action tnx to Marco di Bicinatura

Dulcis in fundo 10 km di asfalto x tornare alle macchine … che dire merita un’altra chance, ma magari meccanizzata e con la dovuta calma …

Video tnx to Angelo Benfante ( magari andar così…)

Traccia:

Splitboard in appennno Mt Ocre

Splitboard in Appennino – Monte Ocre

The Splitboard Chronicles #2

Non e’ assolutamente stato facile, dopo la prima esperienza non propriamente positiva e le difficolta’ incontrate nel trovare informazioni ed eventuali skialper disposti ad accettare la sottoscritta principiante in salita, riuscire a far quadrare impegni, meteo e orari per finalmente andare a capire cosa possono offrire queste montagne del centro sud, cosi’ tanto diverse dalla mia Valle.
Dunque finalmente in compagnia di Ottavio, biker, skialper profondo conoscitore dell’Appennino centrale inizia quest’avventura sulla neve.
l’itinerario previsto e’ il Monte Ocre: 2200 di quota con circa 900 d+ per arrivare in vetta.
La sveglia suona presto ma non mi pesa, la curiosita’ di collaudare per davvero la split e’ molta. Raggiungiamo la location di partenza attorno alle 10, un paesuncolo non molto distante da Campo Felice, Casamaina. E’ l’ennesimo dei “posti improbabili” gia’ incontrati in bici, insomma uno di quei posti dove ti sembra di capitarci per sbaglio. La neve apparentemente sul versante che dovremmo affrontare e’ poca, sono scettica nella mente ma mi fido cecamente della mia guida. Iniziamo a salire per uno stradotto, poi zig zag tra cespugli e sassi, neve poca e dura. I miei pensieri sono il non rovinare la split e sperare di scendere indenni. Il panorama e’ particolare, molto diverso da quelli che conosco, e guardandomi attorno penso che queste pendenze sarebbero molto interessanti da visionare in estate per vedere se c’e’ un qualche percorso adatto alla mtb.

(foto fontana e parte bassa)
ocre up 2 oxee up 1

Si continua a macinare metri in salita, senza grossi intoppi, fino all’avvicinarsi ad un “muretto“, diciamo ad una pendenza da pista rossa difficile o nera facile. E, come volevasi dimostrare qua iniziano i problemi. Dopo un gia’ complicato traverso, nel tentativo di cambiare direzione, scivolo e cado rotolando all’indietro come una patata lessa. Un bello spavento, considerata la pendenza e la presenza di pietre, fortunatamente l’incrocio con un pianetto mi fa fermare. A questi punti c’e’ da fare una cosa sola: farsi passare la paura, montare i rampant e affrontare lo strappo. In qualche modo piu’ o meno ortodosso e ancora incerta e non fiduciosa al 100% nel mezzo raggiungo il primo scollinamento, da cui finalmente si intravede il nostro obbiettivo. La neve migliora di qualita’ facendomi sperare e sognare qualche cuvra perlomento dignitosa.

pianetti 2 pianetti 1 split rampant 2 up rampant 1

Si prosegue con piu’ facilita’, senza rampant, lasciandosi a destra uno splendido pianoro su cui si affacciano altre alture dalle pendenze perfette, capace di far sognare qualunque amante del freeride. La particolaritadell’appennino e’ la vastita di pendiisurfabili” senza ne alberi ne niente a quote basse, cosa che sulle alpi non c’e’, o meglio ha conformazione completamente diversa.
uphill 2 uphill 1

Salendo ulteriormente si ha sempre piu’ la percezione di un paesaggio extraterrestre, che potrebbe essere adatto ad un set di star wars. La neve inizia a mollare, le temperature poco coerenti con la stagione fan si che si ottenga il cosiddetto “firn“, neve primaverile trasformata portante, molto godibile con attrezzi quali la mia splitboard. Abbiamo passato i 2000 e la fatica inizia a farsi sentire … io procedo sempre piu’ a rilento, preferendo linee molto dirette anche se piu’ faticose. La paura di cadere in un inversione sta sempre li, ma pian piano la fiducia con il mezzo di salira arriva. Lentamente arriviamo su un anticima. quota 2140, la cresta del monte Ocre e’ proprio in faccia, ma la mia stanchezza sommata alla paura di cadere mi fa optare per accontentarmi di questo montarozzo. Per me e’ gia’ un gran risultato, circa 800 d+ #conlemiegambe , al momento e’ il dislivello piu’ importante raggiunto con la split.

top m4 top ocr3 top 8 1

Ripreso fiato e riportata la split in posizione di discesa, iniziamo a scendere. Le prime curve regalano ancora qualche sprazzo di powder compatta un po’ gessata, ma decisamente apprezzabile, poi giu’ sul firn, che rimane comunque di gradevole sensazione sotto la soletta.
Curve di diverso raggio, tendenti allo stretto visto che devo seguire uno skier, poi giu’ sempre su trasformata, con qualche breve punto in cui ricompare la powder gessata. Tirando le somme e considerato il meteo ballerino non ci si lamenta. L’ultima parte diventa un po’ piu’ macchinosa e crostosa, ma il know-how di Ottavio fa si di trovare sempre il passaggio giusto anche per la tavola. Per tutta la discesa solo una volta ho dovuto fare buta/gava (metti e togli la tavola x i non piemontesi) e il bastoncino che ho tenuto preventivamente a portata di mano e’ serivto piuttosto di rado. Gita perfetta per la tavola dunque … magari da ripetere in condizioni di neve “recente” .
(video discesa)

Concludendo, anche d’inverno l’appennino centrale mostra di avere un suo perche’. Sono montagne diverse dalle alpi, con paesaggi estremamente vasti e sconfinati, e le alterzze e pendenze non eccessive fanno piu’ effetto di enormi collinoni innevati, tutti adattissimi ad essere “surfati”. C’e’ tanto da fare e da esplorare, non e’ facile muoversi in autonomia in quanto il territorio e’ molto, molto differente da quello alpino ed il numero di praticanti dello skialp molto basso, quindi e’ frequente poter tracciare per primi (oggi sul versante da noi scelto cosi’ e’ stato). Le variabili meteo in gioco sono molte piu’ che sulle alpi, e mi ci vorra’ del tempo per imparare a comprenderle ed interpretarle in maniera corretta. Ma, km da tritare in macchina a parte, c’e’ tutto un mondo da scoprire (e da surfare) la fuori …..

Un enorme ringraziamento alla mia guida, Ottavio “otto”, che ha avuto la pazienza di introdurmi a questo territorio per me completamente inesplorato 😉

Traccia GPX : fornisco la traccia, ma raccomando di usarla solo se ben coscienti di quello che si va a fare. Il territorio e’ vasto, privo a volte di punti di riferimento, ed un errore puo’ portare su versanti completamente opposti. Il mio consiglio e’, se non siete del posto, di cercare di affidarvi a qualche esperto.

MtB Liguria : Monte Gazzo (GE)

MtB Liguria : Monte Gazzo (GE)

L’occasione di girare in Liguria va sempre sfruttata, dunque perche’ non approfittare del meteo favorevole sulla via del ritorno e lanciarsi alla scoperta di qualche nuovo percorso?
Detto, fatto, un breve scambio di messaggi con Sara delle #ragazzeFreeride e siamo pronte ad avventurarci alla scoperta del monte Gazzo, o meglio di “Gazzolandia” come lo chiama Sara. Ci riferiamo all’ennesima altura sopra Genova, stavolta siamo sul versante di ponente, in una zona con un ottima esposizione e ventilazione che dovrebbe aver ben drenato la pioggia e la neve dei giorni precedenti.
Giunta con qualche complicazione al punto di partenza, iniziamo a pedalare lungo una tranquilla strada secondaria asfaltata, molto panoramica e godibile, insomma una di quelle strade che fanno apprezzare anche la salita. Qualche strappo ma nulla di che, la vista verso il mare come sempre in questi giri ripaga la fatica. La temperatura e’ ottima, un po’ di venticello da nord ma un cielo super limpido e soleggiato mettono i presupposti per una giornata perfetta.

up cz
Scolliniamo verso l’entroterra, e dopo una breve discesa arriviamo al primo trail,chiamato “Muskat” una new entry a detta di Matteo, la nostra guida. Anche per lui e’ la prima run su questo trail che scende nel bosco, che dovrebbe essere come genere un enduro abbastanza easy con qualche rilancio pedalato. Mettiamo le protezioni e via, si scende tranquilli tra curve abbastanza strette e rilanci, ma tutto molto apprezzabile e guidabile.

sara
Il sentiero finisce su una strada asfaltata in una vallata interna, ho perso un po’ il senso dell’orientamento ma ci fidiamo della guida. Ora c’e’ da pedalare nuovamente per un po’, dobbiamo scollinare e riportarci verso il mare. La salita fortunatamente anche qua e’ sempre tranquilla, panoramica e appagante: si costeggia un torrente abbastanza impervio, con cascatelle e canyon, che all’altezza dei paesini molto caratteristici dell’entroterra, viene attraversato da una serie di ponticelli abbastanza particolari, che presentano al centro cappellette e piloni votivi.

capp ponttprr pt
Lasciato il fondovalle si sale verso un colle, qua il vento si fa sentire, ma passata un’ultima rampa dopo una breve discesa su asfalto imbocchiamo il primo trail della lunga discesa che ci riportera’ nel fondovalle.
Questo primo sterrato in realta’ e’ un po’ un collegamento tra i versanti, ma presenta comunque qualche passaggetto su roccia a cui prestare attenzione, per poi attraversare una radura molto panoramica e ritrovare l’asfalto gia’ percorso all’andata.

sun mtb
Un breve falsopiano e entriamo nel bello del giro, ci aspettano due trail lato mare da leccarsi i baffi : Cippo e Fortini.

m1x

1 22

Sono due trail molto panoramici, a tratti tecnici senza mai sfociare nel troppo difficile, con curve piu’ o meno strette, qualche passaggio su roccia e qualche gradone un po’ piu’ ostico. Tutto molto fattibile anche con una front con la giusta cautela, un trail ben calibrato per divertirsi e progredire, senza mai sfociare nel banale o nel “cuocifreni”, restano infatti abbastanza frequenti i rilanci o comunque tratte in cui tocca dare qualche giro di pedale. Con Sara ci motiviamo a vicenda sui passaggi piu’ ostici, e’ divertente ed e’ piu’ motivante mettersi in gioco tra ragazze.
——–

——-

L’ultima sezione e’ un po’ piu’ flow e veloce, per il resto un bellissimo tracciato, di quelli che solo la Liguria riesce a regalare, unendo splendidi panorami a sentieri che hanno sempre qualcosa di bello per cui valga la pena farti venire la voglia di ripeterli .
Una regione, una citta’ (Genova) ed un territorio incredibile per i bikers, con innumerevoli versanti e comprensori sfruttabili al meglio in base al clima. Percorsi mai banali, mai ripetitivi, per tutti gli stili e i livelli. Davvero un paradiso per chi ci abita e per chi, come la sottoscritta, ha occasione di andarci abbastanza di frequente 😉
Concludendo, una gran giornata, un grosso grazie a Sara che all’ultimo mi ha “organizzato” questo super giro che in numeri si traduce in 23km con 800 d+. Promosse anche le mie gambe, che han girato bene probabilmente grazie all'”allenamento” fatto in quota con la splitboard.
Non posso che sperare di tornare prestissimo a girare in Liguria !!!

Traccia:

The Splitboard Chronichles #1

The Splitboard Chronicles

Con questo articolo odierno inauguro una serie dedicata alla splitboard, e alle mie esperienze/evoluzioni con la stessa … insomma voglio cercare di raccontarvi le mie sensazioni man mano che “faccio amicizia” con il nuovo mezzo, nel bene e nel male.

Oggi e’ de facto l’ultimo giorno di cui disponevo quassu’ in alta Valsusa, prima del mio rientro a Roma. Non potevo non chiudere questa seconda (e temo ultima) parentesi alpina senza un’altra gitarella “splittata“.

Come sempre quando si tratta di decidere dove andare la cosa non e’ facile, o meglio lo sarebbe se le condizioni della neve fossero ottimali. Qua siamo in una situazione di “poca ma a tratti buona” dai 1800 in su, ergo non e’ semplice trovare posti raggiungibili in macchina da cui partire immediatamente splittati. Per non tornare sull’ormai collaudato e ravanato sises, decido di rimanere vicino alle piste, approfittando dell’ottimo innevamento in zona Jafferau verificato nei giorni precedenti con la groomer. L’idea e’ quella di lasciare la macchina ai bacini di Frejusia, e salire su in qualche modo in direzione Ban, e dove arrivo arrivo.  Detto, fatto pronti a partire.
bacini start

Dopo un brevissimo tratto a piedi calzo la split e circumnavigo l’hotel jafferau. Arrivata a borodopista arriva il primo dilemma, considerato il divieto di risalire lungo le tratte battute.. il dilemma e’ decidere se attraversare la pista in diagonale in leggera discesa con le tavole in modalita’ “salita” quindi a mo’ di sci, oppure seguire una linea di uno skiaper che vedo tirare dritta lungo i piloni della seggiovia. Il mio pensiero prevalente e’ “se l’ha fatto un’altro perche’ non posso farlo io”, quindi decido la linea diretta, via sotto i piloni.

Salire con le pelli sotto la seggiovia in funzione non e’ chissa’ quanto divertente … sia il rumore, che i non faticanti paganti sono elementi di disturbo, e il mio pensiero e’ solo quello di levarmi da la sotto a breve, cosa che purtoppo non risultera’ cosi’ semplice. Visto che prendere una multa (la risalita a bordopista e’ vietata) e’ l’ultimo dei miei desideri, mi ostino a seguire la linea intrapresa, finendo su una tratta dalla pendenza non indifferente, con conseguente inizio dei problemi. Fatico a tenere la tavola di spigolo, la neve e’ una crosta coperta da uno straterellino piccolissimo di neve nuova, seguo le linee del “bipede” che mi ha preceduto ma niente da fare … scivolo ad ogni tentativo di cambio direzione.
Scivolo, derapo verso il basso, faccio due passi avanti e quattro indietro. 
Dovrei mettere i rampant” – penso – ma la posizione in cui mi trovo e’ talmente scomoda e ripida, che per mettere mano allo zaino dovrei dinuovo scendere (di culo) , trovarmi un pianetto, liberarmi dagli “assi” , trovare i rampant e montarli. Ma la capoccia per fortuna la ho molto dura, e quel poco di “istinto” rimasto del mio remoto passato da bipede viene fuori, e mi salvo tirandomi su a scaletta sfruttando un punto con neve un po’ piu’ morbida fino a raggiungere una zona di pendenza piu’ umana. 
Stremata dalla fatica fatta per tirarmi fuori dalla zona balorda finalmente raggiungo il pianetto che precede il vecchio arrivo della seggiovia, e qua se non altro le cose iniziano a fare ben sperare per la discesa :
pianetto last

Il peggio e’ passato, approfitto del bar per un caffe’ e poi riparto … seguendo sempre una linea che lascia ben sperare. Decido di non salire oltre la fine del bosco, so bene che sopra la neve e’ ventata e che sarei costretta a scendere in pista, quindi decido di risparmiare le fatiche e invertire la rotta. 

lines up skyline bar

Mi trovo dunque un pianetto strategico, e lottando contro accumuli di neve e ghiaccio riporto la split in assetto da discesa …. santa chiave a pappagallo che oltre a permettermi di ovviare alla mia poca forza delle mani per richiudere i ganci di assemblaggio delle due semitavole, si improvvisa martello per spingere la slitta dell’attacco al suo posto. Neve gelata sopratutto da rigelo e rimontaggio splitboard non vanno troppo daccordo.

Finalmente si scende. Conosco la zona come le mie tasche, so dove conduce ogni buco. Tracce in discesa zero, solo un paio di linee di salita che rimangono un utile punto di riferimento.
linedown 1 linedown2

La neve nei boschetti radi quanto basta per godersi qualche curva e’ ancora piu’ che buona, serve giusto un po’ di cautela in quanto piu’ pesante sotto e farina sopra, ma comunque surfabilissima e godibile. Rimpiango un po’ la Dupraz con il suo nasone spaccatutto, ma anhce questa Rome 154 si difende, pur essendo una tavola polivalente forse un po’ “anonima” per i miei gusti, ma il convento per ora passa questo e dobbiamo farci i conti.

way down 1 tree lines backlight down myline

La pacchia finisce una volta raggiunta la pista non battuta sopra il ristorante Belvedere, qua come gia’ appurato nei giorni scorsi abbiamo a che vedere con antipatica crosta portante spaccagambe ricoperta da un ingannevole straterello di fresca …. fortuna che sono poche curve, per poi ricongiungersi alla pista …. pista che non risulta essere di chissa’ che gradimento alla split, che conferma la sua anima da “all mountain freeride con rocker”,  ma meglio comunque il lavorato alla crosta tritatutto.

Game over, qualche passo a piedi e ritroviamo Qubo che aspetta infreddolito. Non mi lamento dell’epilogo di questa settimana un po’ anomala, ravandando tra la neve che apparentemente non c’e’ ma che ancora regala e ancora riconosce la padrona di casa. La tecnica mia di salita e’ ancora di un approssimativo assurdo, faccio errori di valutazione e ancora non ho chiari i limiti della split. C’e’ da lavorare, da apprendere cose nuove e da capire come, se e quando vanno messi i rampant per avere convenienza nell’utilizzo e non solo peso e attrito inutili. Per il resto, l’oggetto dimostra che anche una breve gitarella a ridosso delle piste puo’ riservare insperate sorprese. Adesso con il mio ritorno a Roma verra’ il difficile delle “splitboard chronicles”, ovvero riuscire a fare una gita “appenninica” senza perdersi.

Stay tuned 😉

 

 

MTB: Circeo

Circeo MTB

Anche a Roma puo’ capitare che faccia freddo. Le massime sembrano non superare i 6 gradi nelle location “vicine” (vicino molto tra virgolette, perchè, diciamolo, di vicino all’eur non c’è un bel niente … ). Dato chie si avvicinano le festivita’ Natalizie una persona normale  trascorrerebbe la domenica al calduccio in un qualche centro commerciale. Ma io normale non sono, e malgrado l’assenza di “volontari” decido di approfittare del fatto che a Sud il termometro dovrebbe segnare qualche grado in piu’ , per lanciarmi in un giretto esplorativo in solitaria sui panoramici trails del Circeo. La meta era da un po’ nella to-do-list, ma in genere per me Circeo è sinonimo di surf, dunque era rimasta in sospeso.

Qubo “rotola” verso sud su una strada che conosce a memoria. Stavolta la dietro c’è la specy al posto di Violetta (la mia tavola da surf).
Lascio la macchina all’imbocco di San Felice e iniziamo l’ascesa sul promontorio della Maga Circe. La temperatura non è di certo ottimale,
ma sicuramente piu’ gradevole che a Roma. La traccia che sto seguendo prevede una serie di trail piu’ enduristici intervallati dal pezzo
forte della giornata, il famoso sentiero panoramico. Dato che sono sola decido di evitare a priori i trail descritti come troppo tecnici.

Si sale dunque, prima fino al borgo alto di San Felice e poi si prosegue … sempre asfalto con qualche strappo, ma pendenza tuttavia costante. Niente di eccessivo anche se il mio scarso allenamento si fa sentire …

sf 1 sf 2

Durante la risalita incrocio un breve trail, il Ciclamino, che decido di provare per saggiare il terreno. Corto ma simpatico, questo piccolo “diversivo” offre un terreno molto “ligure”, con scalini e pietre fisse. Proseguendo, in poco piu’ di un ora siamo in cima, o quasi. Da qua ci allunghiamo qualche metro a piedi fino ad un punto panoramico da cui si puo’ ammirare la costa sottostante.

pan 1 pan 2

pan stumpy

La salita non è ancora finita, la traccia indica di proseguire sulla strada che segue la linea della cresta spartiacque, sempre asfaltata con
qualche saliscendi un po’ fastidioso. Giunti sotto alle antenne del monte Circello attraversiamo un cancello che ci conduce al trail.
Monto la mentoniera sul casco integrale e inizia la giostra.

dh 1 dh 2

Avevo visto alcuni video di questa famosa panoramica e letto alcune recensioni. Ci troviamo di fronte ad un trail dalle pendenze dolci, caratterizzato da un fondo sassoso smosso che varia dal brecciolino a veri e propri ghiaioni e alcuni tornanti sempre decisamente larghi.

De facto, a parte il fondo che cmq è gestibilissimo vista la pendenza non eccessiva, la scarica di adrenalina proviene dal fatto che il  trail è davvero esposto, e che cadere di sotto significherebbe fare una brutta fine. Ma basta fare un po’ di attenzione e non farsi distrarre dalla spettacolarita’ del panorama a picco sul mare per concluderlo senza problemi. Questa parte del percorso è adatta a tutti, frontini inclusi, e credo che valga la pena farla almeno una volta nella propria “vita” di biker.
Le immagini valgono piu’ di 1000 parole ….

gopro 1

gopro2

Dopo un ultima parte un po’ meno esposta in cui si possono lasciare i freni, il trail termina in una sterrata saliscendi mezzacosta, che ci riporta al paese alto di San Felice con qualche saliscendi.

road2sf

Da qua, dopo una breve pausa, decido di risalire, malgrado il cielo si sia ingrigito e la temperatura in ribasso, fino all’imbocco del trail Peretto, che ci riportera’ a quota zero attraversando i boschi del lato “nord” del monte. La seconda risalita, seppur parziale, non è esente da fatica, che peroi verra’ ricompensata da un terreno degno di nota: il sottobosco del Circeo è caratterizzato da un terreno molto somigliante a quello della Pineta di ostia, capace di drenare l’acqua e mantenere il grip malgrado l’umidita‘… questo permette di godere appieno  di questo trail, forse un po’ piu’ “xco” che non enduro visti i frequenti rilanci pedalati, ma comunque molto divertente, adattissimo ad ebike, e non esente da segmenti tecnici in cui è importante scegliere bene la linea…il tutto in un ambiente caratterizzato da una fittissima vegetazione e alcuni particolari passaggi come questo misterioso tunnel.

buco

Come tutti i giri anche questo si conclude, ancora qualche colpo di pedale su asfalto e ritroviamo il Qubo parcheggiato.
Grazie, Maga Circe … non solo surf ma anche MTB in questa zona che meritera’ sicuramente qualche approfondimento (ci sono altri trailz sul lato nord … )

Relive

Relive ‘Circeo’

traccia

MTB: Zi chiccu 3 + San Francesco (Antrodoco-Borgo Velino)

MTB: Zi chiccu 3 + San Francesco (Antrodoco-Borgo Velino)

Finalmente il meteo concede un po’ di clemenza e possiamo nuovamente avventurarci a scoprire nuovi trail e a ripercorrerne altri gia’ apprezzati. Da un po’ d’ tempo volevo tornare in quel di Antrodoco, con l’obbiettivo di unire parte del giro della cicloturistica alla parte finale del noto e tanto osannato trail Zi Chiccu, ma tra il meteo instabile e la mancanza di “volontari” la missione continuava a venire rinviata. L’occasione si presta nel giorno di San Martino, confermando la tradizione di bel tempo quasi estivo. Stavolta i volontari ci sono eccome, tutti elettrici ahimè: Franco alla prima esperienza con un ebike, Guido che ormai è una presenza abbastanza costante nei miei giri esplorativi e Giuseppe, new entry che avevo gia’ incrociato a Carsoli.

|l programma prevede il trail San Francesco, gia’ esplorato circa 1 mese fa, a cui abbineremo la parte finale di Zi Chiccu … poi si vedrà.

Si parte dunque per la prima salita su asfalto e poi sterrato, di circa 300 d+ su 5km, sempre pedalabile senza troppi impegni …i colori autunnali la fanno da padrona, rendendo il paesaggio ancora piu’ bello.

1st cl1mb

fall
Meno di un ora e siamo all’attacco del singletrack San Francesco, da me gia’ percorso ma nuovo per il resto del gruppo. Per chi si fosse perso il precedente articolo, il trail è uno spettacolare susseguirsi di curve di diverso raggio e sponde naturali che regalano un flow pazzesco senza interventi “man made”. Uno di quei sentieri che potresti ripetere ad oltranza … ha un solo difetto, è breve.

Arrivati a valle cambiamo versante, costeggiamo il torrente con un piacevole singletrack e poi si ricomincia a salire in parete Sud, prima verso la localita’ Ville su asfalto, che presto abbandoneremo per inerpicarci per la ripida sterrata/cementata che guadagna quotavattraversando bellissimi e curatissimi castagneti.

h2o

gruppo

Qua viste le pendenze arriva anche per me l’aiutino elettrico, grazie al provvidenziale gancio da traino … traino che riduce la fatica senza ombra di dubbio, ma, fatti i debiti confronti con il precendente giro, non riduce
chissa’ quanto i tempi di percorrenza viste le pendenze importanti. Ci mettiamo infatti un ora abbondante ad arrivare all’inizio della sezione finale del famoso Zi Chiccu (che in realta’ è fatto di 3 tronconi e sviluppa 11km di discesa per 1400d+, maggiori infos su bicinatura).

castagna1 castagn12

gruppo top zì kìkku 3

Via, si scende, vediamo se mantiene le promesse: il trail purtoppo è molto sporco, “condito” di rami e rametti, sassi, e altre amenita’ che ne complicano la percorrenza … malgrado questo non tradisce, offrendo tornantini, S a volte impegnative e qualche passaggio ostico.
Niente di impossibile ma i freni della mia specy cominciano a comportarsi in modo poco modulabile e troppo stop and go, complicandomi la
vita non poco. Malgrado tutto riesco a restare in sella per quasi tutto il percorso, evitando soltanto una terribile canalina che mi riporta la mente al giorno dell’infortunio. Nelle fasi finali, ho l’occasione di provare la Turbo Levo di Giuseppe, che si rivela sorprendentemente stabile sullo scassato, anche se un po’ impacciata in curva stretta e in eventuali ripartenze in punti un po’ critici.

turbo l3vo dh zìkìkku

Di seguito un breve video delle “parti salienti” di Zi Kikku 3 :

Ci ritroviamo nel fondo valle, e abbiamo percorso “solo” 700 d+ con 17 km. Dato che c’è ancora tempo decidiamo di risalire un’ultima volta per ripetere il trail San Francesco, che per il mio stato attuale di “confidence level” resta di un livello ideale. De facto meccanizziamo la mia risalita per guadagnare tempo, e ci godiamo un’ultima spettacolare discesa tra sponde e tornantini.

Concludendo : la zona di Antrodoco-Borgo Velino si sta rivelando sempre piu’ interessante per il mio modo di intendere la MTB . Peccato solo per la mia non ottimale forma fisica e per alcuni problemi tecnici sulla bici, freni in primis,che hanno influenzato la mia sicurezza in discesa e non mi hanno permesso di chiudere Zi Kikku come avrei voluto. Poco male abbiamo un conto in sospeso e sara’ dunque occasione per tornarci e migliorare la performance (magari facendo il giro che comprende anche la parte intermedia del trail).

Relive

Relive ‘San Francesco zi kikku 3’

Traccia

MTB: Antrodoco Le Vie del Marrone

Le vie del marrone
Test Ride del tracciato della omonima Cicloturistica Mtb in programma l’1/11 ad Antrodoco(Rieti)

Dal sottotitolo qualcuno potrebbe temere che la sottoscritta abbia cambiato specialita’ strizzando l’occhio all xc …
Bene non è certamente cosi, in quanto il desiderio di provare questo giro nasce da un paio di video visti su facebook che ben si discostavano da quello che si trova nella gran parte degli eventi dedicati ai pedalatori … a questo si aggiunge una gia’ maturata curiosita‘ per la zona (in particolare per il noto trail zi chiccu … ) , quindi eccoci qua, stavolta da sola in compagnia del GPS a provare questo giro.

Sulla carta siamo di fronte a poco meno di 30 km e circa 1000 d+ , divisi in 3 salite con rispettive discese.
La mia analisi sara’ come sempre da endurista easy non agonista, amante delle discese come “premio produzione” per la fatica in salita (#salgoperscendere).

Cominciamo dal primo trail, segmento Strava Rocchetta .
Si sale per guadagnare 150 d+ prima su asfalto, poi sterrato un po’ polveroso dal grip non ottimale … pendenze sempre mediamente da 46 per me, con qualche piccola tregua, ma caldo a parte, almeno si ha la piacevole sensazione di salire, cosa che sugli appennini non è mai scontata .

cart3llo
Non esenti da fatica arriviamo all‘attacco del trail, che parte molto flow e facile, ma che si inasprisce nella parte finale con tornantini strettissimi e grip scarso, grazie al quale perdo aderenza e non riesco a chiudere la piu’ stretta delle curve.

Attraversiamo dunque il paese di Antrodoco, e ci avviamo verso la seconda salita, stavolta sul versante opposto, piu’ fresco e anche piu’ pedalabile … qua troviamo un mix asfalto sterrato, che dopo qualche tornante ci conduce ad una bella e panoramica radura.

antrodoco 1 antrodoco2 antrodoco 3 antrodoco mtb

La strada e la traccia, dopo aver guadagnato circa 270 d+ in 4km, iniziano a perdere quota … su asfalto …
La cosa non mi convince, vedo un attacco di trail ma il gps dice di andare dritti … mi fermo, ritrovo il video su facebook e osservo bene. L’attacco è segnato con una palina bianca e rossa devo trovare quella. Chiedo a dei passanti, e mi confermano che purtoppo devo perdere ancora quota su asfalto. Dopo altri due tornanti asfaltati ecco l’attacco del trail San Francesco.
Lo riconosco dal video … promette davvero bene peccato per il quantitativo abnorme di ricci di castagne, che coprendo quasi in toto la traccia rendono la guida difficoltosa e lenta. A parte questo imghippo il trail è tutto curve e controcurve con sponde naturali, qualcosa di veramente raro da vedere in giro … da ripetere sicuramente con un terreno meno sporco.

(video)

Sbuchiamo su asfalto in quel di Borgo Velino, ci prendiamo una breve pausa nella piazza del paese e ci prepariamo ad affrontare la seconda parte del giro, che risultera’ essere la piu’ impegnativa.

borgo vel1no 1 borgo vel1n0 1

vel1no1 h20
Si inizia tranquilli con un rilassante singletrack in piano, che costeggia il torrente Velino. Si attacca poi a salire, prima su asfalto poi su sterrata/cementata … e dovremo guadagnare poco piu’ di 500 mt d+ in 6 km. La salita attraversa tutta una serie di castgneti, che hanno la peculiare caratteristica di essere tutt’altro che fitti, regalando all’ambiente un qualcosa di particolare che ricorda alcune zone della Liguria. La salita è sempre pedalabile ma non molla mai, il 46 è d’obbligo, le pendenze sono sempre attorno al 10% , costringendomi ad una velocita’ davvero ridotta. Dopo quasi due ore e molta fatica arriviamo nel punto piu’ alto.

top top mtb

Da qua si scende … su strada sterrata per un bel po’ purtoppo … fino ad una breve risalita (fatta a spinta per stanchezza) da cu’ comincia il penultimo simgletrack, che non presenta particolari difficolta’ o caratteristiche salienti . Un’altro collegamento noioso su tratturabile double track , poi finalmente l’ultimo trail, molto bello , che inizia con un traverso in lieve contropendenza e poi scende deciso, con un paio di ripidi, parti strette un po’ esposte, qualche rilancio, una parte flow e un paio di immancabii tornanti per chiudere.

(video)

Di tutti i trail questo è il piu’ vario ma è dura dire se sia valsa la fatica fatta per arrivarci … Si chiude rientrando ad Antrodoco e al parcheggio, dopo quasi 6 ore di cui 4 e mezzo in movimento.

Tirando le somme da appassionata di enduro e comunque di discese divertenti, quel che posso dire è che il secondo trail, San Francesco, vale assolutamente il giro. Non è lungo, ma presenta tutta una serie di caratteristiche che raramente si vedono in trail naturali. Uno di quei trail che vorresti rifare subito, per capirlo meglio e affrontarlo in modo piu’ scorrevole. Anche il primo trail si difende, con un ultima parte che puo’ mettere in crisi se non si dispone delle giuste tecniche.
Nella seconda parte invece, rispetto a tutta la salita i singletrack interessanti sono limitati, riducendosi circa a 3.5 km su 6 totali di discesa, con stradotti di collegamento “inutili” .
Sarebbe molto interessante cercare di capire se si puo’ escogitare in zona qualche giro piu’ “enduro” , limitando al massimo i “trasferimenti in discesa”. Comunque l’impressione resta positiva, sia per l’ambiente e il paesaggio (che ricorda a tratti l’entroterra ligure) che per la qualita’ dei sentieri. Resta la considerazione che il percorso da me provato è stato concepito per un evento di tipo cicloturistico, quindi orientato ad un pubblico molto eterogeneo, e in tale ottica (dopo l’esperienza fatta a Formello) posso capire la presenza di tratte di collegamento atte a sfoltire il gruppo.

Un particolare ringraziamento va al local Enrico dell asd Monte Giano – Antrodoco per la traccia. Da segnalare anche le ottime e precise indicazioni lungo il tracciato ;). 
Da tornarci sicuro, peccato solo per la notevole distanza da Roma Sud.

Per chi fosse interessato/a alla cicloturistica contattare mtbmontegiano@gmail.com

Volantino evento 

Traccia gps gpx

Relive

Relive ‘Vie del marrone Antrodoco’

MTB: Monte Autore da Camerata Nuova

Monte Autore da Camerata Nuova …Scatenato …

Le temperature piuttosto alte e le giornate ancora decentemente lunghe mi hanno fatto optare per un giro che andasse oltre quota 1000…
L’idea iniziale era, visto lo stato di allenamento piuttosto buono per i miei standard, di affrontare il famoso Zi Chiccu, nella to do list appenninica da un po’. Purtoppo il tempo (fisico, non metereologico) e la lontananza del suddetto trail mi hanno fatto optare per qualcosa di piu’ vicino, dunque assieme all’elettrico Guido abbiamo deciso per un giro gia’ piuttosto lunghetto, ovvero la salita al Monte Autore da Camerata nuova via CampoSecco (che gia’ abbiamo conosciuto con i giri che partono da Livata) con un lungo anello in discesa che dal Monte autore scende a Fosso Fioio e seguendo quest’ultimo ci riporta a Camerata Nuova.

Totale 34 km circa con 1000 d+, di cui 15 in salita e quasi una ventina in discesa. Almeno sulla carta.

Anche per questo giro, facciamo affidamento alle tracce di Bicinatura, ormai punto di riferimento online per i giri in centro Italia.

Ci ritroviamo a Camerata Nuova, quota 788 mt slm, altro paesuncolo improbabile con le case di pietra dove pare che il tempo si sia fermato, e dove parcheggiare non e’ semplicissimo, alla fine troviamo qualche slargo al campo sportivo.

Iniziamo la salita, che attacca subito abbastanza cattivella, dopo un breve pezzo d’asfalto inizia uno sterratone poco pendente ma anche poco scorrevole, molto ciottoloso e breccioloso, che mi impone di farlo tutto con il 46 a velocita’ inferiori ai 5km/b. Im questo modo  guadagnamo i primi 500 mt positivi, fino a Camposecco, quota 1300 slm circa, la grande piana dall’aspetto extraterrestre con cui abbiamo gia’ fatto conoscenza nei giri estivi.

campo secco 1 campo secco2

lago campo secco

Da qua, la salita e’ nota e piu’ scorrevole, prima parte in singletrack nel bosco, mai troppo pendente quasi sempre pedalabile con il 39,
a seguire ultmi km di sterrata facile fino alle Vedute dell’Autore … da cui apprezziamo uno scorcio panoramico tra i piu’ belli della  zona.
Totale, tre ore e mezza per guaragnare poco piu’ di 1000 mt in circa 15 km. Il cielo e’ scuro, minaccia pioggia, decidiamo di non perdere tempo e di avventurarci alla scoperta di questo singletrack.

autore croce croce bk tratto espsto me autore autore specy autorevedute

Si inizia con una parte esposta, a volte non pedalabile in leggera salita, poi una prima parte flow nel bosco che in breve diventa piu’ tecnica, intervallata da qualche rockgarden (teoricamente tutti fattibili, ma non conoscendo la linea e con i nuvoloni alle spalle  ho preferito evitare esperimenti), fino ad una radura in cui si perde un po’ la traccia nei prati, ma si ritrova con facilita’ un singletrack strettino ma molto flow, che ci conduce ad un’altra sezione tecnica nel bosco un po’ sporca …

Sezione tecnica che risulta per me fatale: un ramo mi si incastra tra ruota e deragliatore e distrugge quest’ultimo.
Unica soluzione: togliere la catena e scendere “scatenati” finche’ si puo’ ….

Gia’ … finche’ si puo’ …
L’esperienza di girare senza catena e’ tuttavia divertente … una sensazione unica, in cui non si sente il rumore della ruota libera e che obbliga ad usare i freni il meno possibile per non perdere velocita’. Peccato che l’ultima parte del trail presenti non pochi saliscendi, che per quanto vuoi non frenare non sono fattibili di slancio. Pazienza si Spinge.

Sbuchiamo su uno stradone, non capiamo molto bene dove siamo, alla fine seguendo la traccia riusciamo a trovare la sterrata che costeggia
Fosso Fioio. Purtoppo qua iniziano per me i dolori … la strada e’ piuttosto pianeggiante, e lo sara’ per circa 5km. Sono costretta
a farmi tirare da Guido per un lungo tratto … in qualche modo ci arrabattiamo, ogni tanto la strada diventa piu’ pendente e si riesce a far scorrere la bici, ma questo Fosso Fioio che attraversa in maniera piu’ o meno scassata e fastidiosa la sterrata che scende senza nessuna particolarita’ sembra eterno, mettiamoci pure che ha anche iniziato a piovicccicare e che le frequenti pozze non aiutano, insomma gli ultimi km anche se privi di difficolta’ sono stati una sofferenza unica.

fosso

Finalmente ritroviamo una stradina asfaltata, in leggera salita ahime’, e poco dopo la “civilta‘” …. con il solito contorno di nerissimi nuvoloni che sovrasta il centro abitato di questo paesino senza tempo.

camerata nuova

Premesso che il mio giudizio sul giro puo’ essere influenzato dall’incidente con il cambio traiamo le conclusioni :

Salita: medio-lunga, pendenza appropriata al dislivello, ma sempre fattibile e pedalabile senza troppi patemi. La prima parte oltre ad essere scassata, e’ pallosa, sempre uguale, chiusa in una valle senza scorci panoramici. Da Camposecco la cosa si fa piu’ facile e piacevole, grazie anche al terreno migliore.

Discesa : panoramica, molto per gli standard appenninici, nella prima parte, poi varia e variabile, passando dal super flow al tecnico con
roccia fissa, ad alcune tratte con fondo un po’ piu’ instabile su cui scegliere la linea.
Unico neo per me fatale gli innumerevoli rami nella seconda parte, che hanno messo ko il mio deragliatore posteriore. Tutto questo godimento
dura circa 4 km.

Il seguito, fosso Fioio, a parte il particolare paesaggio della prima parte, lo ho trovato davvero “inutile” … certo senza catena e’ stato particolarmente pesante, ma trattasi di stradotto senza difficolta’, largo, senza curve, in cui l’unica particolarita’, che puo’ piacere o no, sono alcuni attraversamenti del gretto del torrente, piu’ o meno lunghi, piu’ o meno fattibili in sella a seconda della tecnica del rider.

Da rifare ? Sicuramente si prima o poi, magari senza rompere il cambio e in compagnia di qualcuno che gia’ conosce i rockgarden in modo da provare ad affrontarli seguendo la giusta linea 😉

E adesso tocca aspettare l’arrivo del deragliatore e giocare al piccolo meccanico ….

Relive

Relive ‘Autore scatenato..’

 

Traccia

Un ringraziamento particolare va a Guido, senza il suo supporto elettrico nella parte pianeggiante sarei rientrata con il buio probabilmente …..

MTB: la torretta del Morrone

La Torretta del Morrone
(o di Monte Gennaro o dei Tornantini)

Riprendiamo la rassegna “posti improbabili“, ovvero quelle location in cui, se non ti ci portasse la bicicletta, di certo non ci andresti  di tua spontanea volonta’. Stavolta vi parlo di un giro che stava nella mia to-do-list da prima delle ferie a Nord … la Torretta del  Morrone, o di Monte Gennaro o semplicemente dei 25 tornantini.

I tornantini gia’ … quelli stretti. Quelli che 1 anno fa mi facevano scendere dalla bici e mi facevano maledire il giorno in cui e’ arrivata la Specy Stumpjumper. Ma grazie alle lezioni e all’esperienza quest’anno la musica e’ cambiata . Dai 12 tornantini di Millaures, al singletrack de l’infernet, ad un inedita traccia sul Monte di Portofino, insomma diciamo che abbiamo fatto esercizio.

Sulla salita, si legge di tutto e di piu’. Una cosa e’ certa: a meno di non avere un mezzo motorizzato, lo spingismo sara’ d’obbligo per almeno un paio di km e circa 250 d+.
Vediamo come si e’ evoluta la giornata dunque: Arrivati al parcheggio di Palombara Sabina, nei pressi del campo sportivo, si vede gia’
piuttosto chiaramente dove dobbiamo andare a parare … lassu’ … si lassu’, e’ proprio lei, la Torretta.

lassu'

No pain no gain, ormai siamo qua e questa Torretta s’ha da fa …

Iniziamo con una poco promettente discesa su asfalto … se si scende vuol dire che poi si sale … brr … In breve si lascia l’asfalto per una sterrata brecciolosa piuttosto pianeggiante per il momento, che si addentra in una valle piuttosto calda e poco ventilata. Pian piano si comincia a prendere quota, alternando tratte piu’ pedalabili ad altre piu’ ripide… diciamo che nei primi 8 km il guadagno di dislivello e’ piuttosto limitato. E di km ne dobbiamo fare circa 18/19, di cui circa altri 4/5 in salita, fino a raggiungere appunto la fantomatica Torretta che ci aspetta a quota 1030 circa. La traccia ci crea qualche difficolta’ nel trovare un taglio, che risultera’ l’unico pezzo in cui sara’ a tratti necessario sollevare la bici … unico intoppo un filo spinato che ci separa dalla strada che andrebbe ripresa… per fortuna siamo in due e riusciamo a ingegnarci per riportarci allo stradotto passando attraverso una specie di vasca abbandonata.

Da sola forse sarei tornata indietro.


Ripresa la traccia si riprende a pedalare, alternando qualche tratta a spinta dove lo stradotto diventa piu’ ripido e scassato …avanti cosi’ per un po’, fino circa a quota 800 mt slm dove arriva la resa allo spingismo. Spingismo che ci accompagnera’ per un paio di km e 200 mt di dislivello, fino a raggiungere, finalmente la mitica Torretta che domina le pianure, con sotto di noi un dirupo non indifferente.

torretta1 torretta3

Qualche minuto di meritato riposo, e poi pronti a mettere le protezioni e a lanciarci alla scoperta dei 25 tornantini.

m3 trail trail top

Il trail parte con qualche pietra mossa e fissa, poi diventa con fondo in terra e prevalentemente scorrevole e pulito. Unica difficolta’ i famosi tornantini, che sono cmq il piatto forte del giro. Quelli a destra sono tutti fattibili, a patto di anticipare e allargare la linea il piu’ possibile, quelli a sinistra sono un po’ piu’ complessi sopratutto i primi, su cui ci scappa qualche piede in terra ma mai reali problemi . Sono in tutto 25, collegati tra loro da traversi molto flow quasi privi di ostacoli, giusto nella parte finale qualche roccia rende un po’ piu’ vivace il tutto. Terreno perfetto, questa probabilmente e’ la stagione ottimale per girarci, evitando presenza di foglie o fondo viscido, che renderebbe tutto decisamente piu’ complesso. Come sempre un bel gioco dura poco, e anche qua il 25esimo tornantino fa presto ad arrivare, portandoci ad un cancello da cui si prosegue con un ultima parte prima su singletrack e poi su stradone con fondo smosso.
Insomma la salita faticosissima vale questo discesone, a patto di essere amanti del genere. Ottima palestra per migliorare nello stretto, non essendoci punti particolarmente esposti o pericolosi. Con le dovute cautele e il fondo trovato oggi a mio avviso puo’ essere portato a casa anche con una front e un po’ di tecnica 😉

Da tornarci (Con la telecamera) …. e comunque raccomandato a tutti i bikers di medio livello che vogliono conquistarsi (faticando) una discesa con cui pendersi qualche bella soddisfazione … un classico giro #salgoperscendere in cui la cosa piu’ importante e’ il premio finale …

Relive

Relive ‘La torretta del morrone’

Traccia gps gpx

 

Un ringraziamento va a Bicinatura, per aver reso disponibile la traccia e avermi permesso grazie al gruppo facebook di trovare compagnia per il giro. Qua – link – il loro report con video .