MTB Carsoli alone : Conciarelle e petrekte

Carsoli alone : Conciarelle e petrekte

Ci sono dei momenti in cui devi tirare il freno a mano, fare i conti con la realta’ dei fatti e fare qualche passo indientro, lasciare da parte elettrici e frettolosi, e rimettersi a pedalare con il proprio ritmo per ritrovare il puro e semplice piacere di stare all’aria aperta lontano dalla citta’ e conquistarsi un paio di bei trail in discesa.
La location scelta per questo “reset” è Carsoli, che grazie alle salite ampiamente pedalabili ben si adatta anche a monitorare le mie
“performance” cardio. Fortunatmente il meteo, che a Roma tendeva al nuvolo, pare regalare una splendida giornata, dunque si pedala, stavolta senza fretta. Senza sforzi con frequenze tra i 145 e i 155 salgo in circa 45 minuti di asfalto all’inizio della sterrata “mangia e bevi” ovvero saliscendi che porta verso il primo trail, Conciarelle. Se l’asfato si lasciava scorrere tranquillo, qua la musica cambia , i continui saliscendi spesso con strappi non indifferenti rendono la cosa, almeno per me impegnativa, talvolta dove la strada diventa particolarmente sconnessa preferisco darmi allo spingismo. Con una 40ina di minuti arrivo all’inizio del primo trail previsto, Conciarelle. Lo abbiamo gia percorso altre volte, ma stavolta , grazie al costante lavoro dei trailbuilder, è veramente tirato a lucido e presenta alcune nuove sponde.

concìar3ll3
Molto bene direi, considerato che un paio di passaggi mi avevano dato noia. Stavolta trovo il ritmo giusto e giro bene anche le curve piu’ strette. Un buon inizio, che fa soltanto bene al morale e al “confidence level”. Anche se da soli bisogna essere piu’ prudenti la calma e l’essere saliti con il proprio ritmo sono state d’aiuto e lo saranno in tutto il giro.
Prosegiamo su uno sterrato di collegamento su cui prendere fiato, per poi risaire ancora su facile asfalto per una 20ina di minuti verso l’imbocco di quello che reputo il capolavoro di Carsoli (e forse il piu’ bel trail man made della zona), ovvero il Petrekte.
Anche di questo si è gia’ detto … un capolavoro flow, tra spondoni e northsore, tutto da guidare sfruttando il flow, in pratica una giostra:

pètrèktè

Purtoppo un bel gioco dura poco, ma le sensazioni che da questo trail valgono tutto il resto. Anche l’uscita finale nei prati, in cui comincia a rispuntare l’erbetta verde, ha il suo perchè … pace e silenzio solo il rumore della ruota libera.
Ogni tanto ci vuole. Sono proprio i giri e le giornate come questa in cui piu’ apprezzo la mia amata biciclettina ….

Relive

Relive ‘Carsoli alone …’

 
Traccia gps gpx

MTB: Malpasso – Carsoli

MTB Malpasso – Carsoli

l’ora d’aria allungata …

Lasciate alle spalle tutte le esercitazioni, i bunnyhop e le slide del corso TM1 si ritorna a girare per davvero, fresca di una qualifica da maestro mtb che rappresenta solo l’inizio, consapevole che c’è una cosa sola da fare, pedalare, allenarsi ma sopratutto ritrovare la fiducia sul tecnico,
fiducia che va ritrovata con pazienza cercando di lasciarsi alle spalle dolori e microtraumi.
Dunque torniamo in sella a fare qualcosa che va ben oltre l’ora d’aria … il trail Malpasso di carsoli era nella to-do-list, e quindi mi unisco coraggiosamente al gruppo di bicinatura che ha organizzato il giro. Coraggiosamente in quanto la mia forma fisica è penosa, non pedalo con un certo dislivello da più di un mese … insomma so bene che faro’ il fanalino di coda, ma non importa, se non ricomincio da qualche parte non va bene.
il giro prevede due trail, Conciarelle, gia’ percorso in passato, e la new entry per me Malpasso, trail naturale molto vario.

kìaz concìar Foto action tnx to Marco di Bicinatura

malpass1 malpass2
Molto faticosamente, non tanto per le pendenze ma quanto per il mio scarso allenamento e conseguente incapacita’ di stare dietro al gruppo, arrivo a Collegiove, paese da cui inizia uno sterrato panoramico gia’ percorso in passato per raggiungere il trail “la mola” … purtoppo qua si tratta di pedalare e il tempo x guardarsi attorno (e quindi di fare foto) è poco.

malpasso 4 malpasso 31 malpasso up maplasso 6

Speriamo che la discesa sia degna della fatica , anche se purtoppo ci risiamo :… tra confidence level sotto zero, fretta, sindrome del ruotino, non scendo come vorrei su un trail che impegna, che passa da tratte tipiche da sentiero di montagna a rockgarden piu’ o meno rognosi, da pietre mosse ad una terra secchissima e scivolosa che mi impone di optare per scendere a piedi un paio di volte . La fiducia sia in me che nella specy è bassa, bene nelle curve strette e nei passaggi su roccia, male nel guidato specie se la pendenza aumenta. Cerco di trovare qualche istante per guardarmi attorno … ma la fretta di raggiungere il gruppo la fa da padrona. Malgrado tutto il trail è molto bello e vario, dovrei pero’ percorrerlo con altri ritmi e il tempo per visualizzare e provare i passaggi piu’ ostici, magari meccanizzando.

kìaz malpasso

Foto action tnx to Marco di Bicinatura

Dulcis in fundo 10 km di asfalto x tornare alle macchine … che dire merita un’altra chance, ma magari meccanizzata e con la dovuta calma …

Video tnx to Angelo Benfante ( magari andar così…)

Traccia:

Carsoli tris, Petrekte e Mola – Video & GPX

Carsoli video blog : Petrekte e Mola – traccia gpx a seguire

Torniamo per il terzo weekend consecutivo a Carsoli, stavolta con una splendida giornata. Credo che stavolta i video valgano piu’ di 1000 parole, e vi porto direttamente sul Petrekte e sulla parte alta de La Mola

Petrekte

Mola

Del Petrekte abbiamo abbondantemente parlato nel precedente articolo , confermo che al momento trattasi del trail piu’ divertente tra quelli raggiungibili in un oretta da Roma…. un super flow in un bellissimo toboga, richiede un buon ritmo, ha un paio di ripidi (entrambi evitabili volendo)ma è fattibile con qualunque trail bike full e un livello intermedio. Da provare per tutti.  Aggiungo due parole su la Mola: il panorama vale i 15 km di salita su asfalto (mai impegnativa e sempre piacevole almeno per me), ma il terreno nelle parti in ombra non è dei migliori, e rimane ancora a tratti fangoso. Alcuni passaggi sono davvero stretti, e mi hanno messo in discreta difficolta’. Non c’è nulla di pericoloso ma l’ultima sezione richiede tecniche che ancora non padroneggio.

Relive

Relive ‘Carsoli mola petrekte’


 
GPX

MTB: Carsoli Bike Zone Day

Carsoli Bike Zone day – Petrekte trail 1st ride (traccia GPX al fondo)

7.45 am, la specy è carica la sottoscritta piu’ o meno. Si torna a Carsoli, in occasione del Carsoli Bike Zone day, che prevede la presentazione di un nuovo trail. Stavolta facciamo qualcosa di diverso, concentrandoci sulla discesa. Si è potuto infatti approfittare di un servizio navetta ad un prezzo davvero promozionale, permettendo cosi’ la totale concentrazione sulle discese che, come gia’ visto in precedenza, non sono propriamente facili facili.
Arrivo al parcheggio quasi in titardo, e riesco a farmi caricare al volo da “La diligenza”, è questo il nickname del mezzo meccanico di risalita di oggi, un simpatico vecchio furgone pickup Iveco dell’86. Sono un po’ circondata da bicioni e discesisti, e come spesso succede a questi tipi di evento sono l’unica donna, fiera di indossare la maglia delle #RagazzeFreeride. Alla guida del furgone c’è Alessandro, local gia’ incrociato la scorsa volta mente ripuliva il trail Poeta assieme ad altri ragazzi. Cerco di far capire al gruppo che il mio livello non è eccelso, che non sto dietro alle DH ma che scendo. Insomma da brava extraterrestre metto le mani avnti. No problem perchè comunque il gruppo è abbastanza variegato, passando da giovani discesisti a chi è da un po’ che non sale in sella.



la dilig3nza

La prima discesa la si fa sul trail Poeta risulta un po’ piu’ ostica della settimana passata, con il sentiero decisamente piu’ umido e inidioso.. diciamo che dal punto di vista teconico la discesa risulta una fotocopia della precedente. Ma va bene x prenderci la mano. Risaliamo a Collalto Sabino, stavolta allungandoci fino al centro del paese per incrociare i pedalatori e approfittare del ristoro gentilmente offerto dall’organizzazione. Io approfitto per fare qualche foto a questo caratteristico borgo medievale.

collalto 1 collalto 2 collalto 3

collalto 4

Si riparte, destinazione seconda run sul Poeta: decisamente meglio, e stavolta chiudo interamente in sella il trail compresi due passaggi
che avevo evitato … si risale … e stavolta è giunta l’ora della new entry :

Petrekte

Il trail inizia tranquillo tranquillo … per poi rompere subito la tranquillita’ con un super ripidone (fattibile) seguito da un canale da saltare … si continua con qualche curva tranquilla, una parte veloce con un saltino per poi immettersi con un altro ripido, stavolta dotato di chicken line, in un toboga degno di quello della 24h di finale ligure. Godimento assoluto con sponde e passerelle , step up e qualche droppino … indescribile ….. immenso lavoro fatto dai trailbuilders locali per creare questa cosa , un vero capolavoro di ingegneria dei trail che al momento – almeno per quanto a me noto – non ha uguali nelle vicinanze di Roma.

petrekte

Concludiamo in uno splendido prato , e ripetiamo nuovamente il trail, che alla seconda run diventa ancora piu’ godibile, con il “confidence level” migliorato dalla prima run. Il terreno grazie alla temperatura che nel frattempo è salita è migliorato ancora, confermando le grandi potenzialita’ di puro divertimento che offre questo splendido trail.

prato petrekte

Nel pomeriggio, si decide x salire fino al trail la Mola, che parte da molto piu’ su. La “diligenza” si inerpica per stradotti sempre piu’ tortuosi,
mentre nel frattempo cerco di capire cosa mi aspetta chiedendo infos agli altri riders. Una cosa è certa, che il sentiero è molto naturale e che non è semplice,e che ci sara’ fango.  La partenza è da uno spettacolare punto panoramico, ma all’orizzonte si notano nuvoloni e qualche tuono inizia a farsi sentire.

mola 1 mola 2

Non c’è tempo da perdere, antipioggia e giu’ …. prima parte bellissima tra i prati , poi l’inferno fangoso con pioggia compresa …. fango fango fango fango … fortunatamente gli altri ragazzi han la pazienza di starmi ad aspettare e darmi qualche dritta per sopravvivere, ma qua piu’ di una volta scendo in punti che in situazioni normali avrei passato tranquilla … Fortunatamente arrivo in fondo intera, e ad attenderci non solo c’è la Diligenza … ma anche un buon caffè che ci voleva tutto !!!

caffè

Ricarichiamo e via giu’ … la pioggia da un po’ di tregua e c’è margine per un ultima run sul Petrekte a cui non rinuncio … l’acqua ha reso i ripidi piu’ complicati, e le cadute si susseguono. Poco male ci si diverte anche cosi’ … fa parte del gioco e poi lo abbiamo deto #nonèunosportdafemminucce … ma io sono un po’ maschiaccia e non mi faccio spaventare. Tanto poi c’è la lavatrice che ci pensa.

Ultimo pickup, direzione autolavaggio per lavare le bici … molto comodo disporre di un lavaggio a moneta a fine trails 😉

Nel complesso, Carsoli e i trailbuilder che han creato tutto questo si sono superati. Flow senza cadere nello scontato con alcuni pezzi che richiedono una discreta padronanza del mezzo. Roba da poter competere con la Liguria …. da ripetere assolutamente… magari pedalando …con terreno un po’ piu’ secco e con una action cam funzionante …
Per il resto 10 e lode ai trail builders della Carsoli Bike Zone !!!!

Si ringraziano Carsoli Bike Zone, la “Diligenza” per avermi risparmiato per una volta un po’ di fatica, e tutti i ragazzi che han condiviso questa esperienza e che hanno avuto la grande pazienza di sopportarmi e di aspettarmi. Grandi tutti spero di riincontrarvi sui trail !

Traccia GPX Petrekte

MTB: Carsoli Conciarelle e Poeta

Carsoli enduro : Trail Conciarelle e Poeta (gpx al fondo)

… Il sabato sera iniza con la notizia di dover cambiare programma … dopo lo scorso weekend con la cicloturistica Terre di Veio era necessario fare qualcosa di nuovo, qualcosa che mi mettesse un po’ alla prova che andasse un po’ oltre i flow trail. Insomma qualcosa da non rimpiangere la Liguria … l’idea originale era Bassiano (LT), ma abbiamo dovuto cambiare programma causa evento podistico.
In fretta riprendo a ravanare su internet, cercando una location che possa essere gradita sia a me che all’elettrico Guido, che come gia’ in altre occasioni condividera’ con me la scoperta di nuovi (per noi) trails. Trovare giri dove gli elettrici e i pedalatori non  abbiano troppe difficolta’ di convivenza e troppo distacco non è facile … La nostra scelta è caduta su Carsoli, noto per trails di una certa difficolta’ ma facilmente accessibili con strade pedalabili.

Siamo ad 1h di macchina da Roma, sulla Roma l’Aquila, proprio al confine tra Lazio e Abbruzzo. Seguiamo una traccia scaricata dal  sito bicinatura, punto di riferimento ormai per reperire giri AllMountain in zona. In teoria il giro prevede 3 trail, noi ne faremo solo due (Conciarelle e Poeta) in quanto il terzo (Moab Tufo) sulla carta risulta non solo essere estremamente tecnico, ma anche raggiungibile solo a spingismo estremo (=portage).

Detto fatto si parte, stavolta anche Guido si è dotato di un cellulare Android con Mytrails, e iniziamo a seguire la traccia, che, partendo dal ristorante Casabianca nel fondovalle sale dolcemente su asfalto poco frequentato verso l’abitato di Poggio Cinolfo, per poi proseguire per ancora 2 km abbondanti fino ad imboccare uno sterrato fresco e panoramico (sulle cime piu’ alte si intravedono ancora residui di neve) che con qualche saliscendi, qualche strappo e qualche antipatica pozzanghera ci conduce alla zona da cui dovrebbe partire il primo trail previsto.

carsoli1 carsoli1 carsoli top carsoli stumpy

Dopo qualche difficolta’ di interpretazione, troviamo l’attacco del trail Conciarelle: non ci sono indicazioni di alcun tipo, e bisogna ignorare lo stradotto a doppia traccia e arrampicarsi sul sentiero che poco dopo sale sulla cresta spartiacque. Da li a breve inizia il trail che parte seguendo la cresta senza particolari difficolta’, flow , qualche salto ben integrato e qualche ripido, il tutto all’interno di una faggeta che regala anche qualche particolarita’ come la strana composizione di tronchi che troviamo dopo il secondo salto.

ride carsoli

jump carsoli

albero strano

Il sentiero si fa poi un po’ piu’ tecnico. Su trailforks è definito come verde (facile) ,ma mi sembra un giudizio un po’ azzardato  considerando un paio di passaggi con tornanti su radici, un ripido a compressione e l’uscita finale in contropendenza. Nel complesso cmq molto divertente, ben concepito intetvallando in maniera opportuna flow e sezioni piu’ tecniche. Il terreno ha una buona tenuta e la zona è tendente all’umido … con un clima piu’ secco potrebbe ancora migliorare, ma considerata la bassa quota (range 500-900) lo vedo difficilmente praticabile in estate.

carsoli guido

Una tranquilla strada bianca in leggera discesa ci riporta sull’asfalto in prossimita’ di una fontana della quale approfittiamo per  una breve pausa. Da qua risaliremo tranquilli su asfalto pedalabile per poco piu’ di 100 mt di dislivello verso Collalto Sabino. Da qua affronteremo l’ultimo trail previsto, il Poeta, classificato blu (medio facile) su trailforks.Il tempo tende a peggiorare, quindi cerchiamo di sbrigarci per evitare di prendere acqua.

carsoli fontana carsoli collalto sab

Il trail inizia dopo un tornante, anche qui indicazioni zero, ma si capisce abbastanza chiaramvnte che il sentiero che scende a sinistra è
il nostro. L’incipit e da mulattiera scassata sul genere Ligure, pietre fondamentalmente fisse … insomma scassato comunque divertente
su cui occorre scegliere bene la linea … a breve incontriamo alcuni local impegnati nella manutenzione del sentiero, una bella fortuna in quanto ci riferiscono che fino a poco prima era pieno di rami e di foglie … ci mettono anche in guardia su un paio di punti dove il trail diventa abbastanza tecnico e su un salto molto grosso. Un punto in particolare mi mette in difficolta’, un gradone non copiabile la cui chicken line è tortuosa e ostruita ancora da alcuni rami. Con un po’ di rammarico decido di scendere … forse se avessi avuto il  paraschiena ci avrei provato ma non è cosa correre rischi inutili. A seguire, un’enore salto , anche questo dotato di una chicken line
da sistemare (troppo stretto il passaggio a sinistra,mi auguro venga migliorato), davvero fuori dalla mia portata (e credo anche da quella
del telaio in carbonio della stumpjumper). Da qua, il sentiero diventa technical flow, molto divertente con saltini fattibili e una parte finale con una successione di curve scavate abbastanza ripide e strette che mi han dato molto filo da torcere considerate le mie difficolta’ in tali contesti, ma che ho tranquillamente (o quasi) chiuso senza mai mettere i piedi in terra …. il trail si chiude dritto per dritto su stradone asfaltato, in prossimita’ della locanda “il Poeta” da cui prende il nome , il tempo si fa sempre piu’ minaccioso e percorriamo gli ultimi km di asfalto fino alle macchine inseguiti dalle nuvole che gia’ regalano qualche goccia.
Come sempre arriva il tempo di tirare le somme. Dunque finalmente un giro che mi ha messo un po’ alla prova, che mi ha impegnato nella  guida e dato soddisfazioni, lasciando comunque qualche “conto in sospeso”, ovvero quella ragione in piu’ per tornarci. Una giornata cosi’ ci voleva, almeno per quanto visto finora Carsoli ben si adatta ad un enduro un po’ “oldschool”, senza dimenticare del fatto che le risalite sono sempre state piacevoli e pedalabili senza troppi strappi, spingismi e fuori soglia. Mettiamoci anche che il posto è molto tranquillo e panoramico, unico neo quota forse un pelo bassa quindi non so quanto tempo avremo a disposizone per tornarci prima del caldo. Ultimo ma non meno importante, complimenti a chi si occupa di creare e manutenere questi trails, ci sara’ sicuramente da tornarci per vedere il nuovo trail di cui ci hanno accennato i local incontrati ;).

Al prossimo giro !

Traccia GPS GPX

Relive

Relive ‘Carsoli conciarelle poeta’