Occhi e action sport : 5 cose da sapere

La vista è senz’ombra di dubbio il piu’ importante dei nostri sensi. Per quanto si leggano di casi di persone affette da gravi deficit visivi o addirittura da cecita’ che praticano snowboard o surf sotto la guida di istruttori , senza ombra di dubbio la possibilita’ di apprezzare questi sport senza occhi scende vertiginosamente. Per non parlare delle discipline gravity della mtb, che credo siano tecnicamente impossibili da praticare senza poterci vedere.

Quindi, lasciando da parte il terrorismo psicologico, parliamo un attimo di cosa si puo’ fare per prevenire problemi che potrebbero compromettere in parte il nostro sistema visivo. Nella vita oltre che divertirmi con biciclettina e tavola da surf sono un Ottico Optometrista e al momento sto collaborando con uno Studio Oculistico. Mi sono inoltre dovuta confrontare con una serie di problematiche che possono sembrare stupide ma che se ignorate potrebbero portare gravi conseguenze.

octandkiaz

Cominciamo dai soggetti maggiormente a rischio : i miopi. La miopia, e’ l’incapacita’ di mettere a fuoco oggetti distanti . Tale deficit e’ dovuto ad un eccessiva lunghezza del bulbo oculare, con conseguente immagine che si forma prima della retina e qundi viene percepita sfuocata. Conseguenza di questo allungamento del bulbo e’ , al crescere dell’entita’ del difetto, un possibile indebolimento e assottigliamento della zona retinica con aumento della predisposizione a fenomeni piuttosto spiacevoli quali il distacco del vitreo(la palla gelatinosa che abbiamo dentro l’occhio) e il distacco di retina. Si tratta di fenomeni che se riconosciuti possono essere trattati chirurgicamente, ma diciamo che evitare sarebbe molto meglio.

Gli impatti di testa e le vibrazioni possono aumentare la predisposizione a questo tipo di fenomeni. Quindi regola numero 1, per gli sport sulla neve o a rotelle o ruote, indossare SEMPRE IL CASCO, meglio se di buona qualita’, e se siamo bikers e ci lanciamo in percorsi discesistici impegnativi optiamo per un casco INTEGRALE .

caschi integrali

Regola numero 2 , riguardante sopratutto i miopi forti (per forte intendo sopra le 5 diottrie) o chi in seguito ad un OCT (esame non invasivo che consiste in una specie di TAC all’occhio) ha ricevuto segnalazioni di problematiche a livello retinico: se andate in mountain bike FULL IS BETTER !!! Anche se non fate cose folli , se vi limitate a qualche singletrack un po’ sconnesso o qualche mulattiera, l’avere l’ammo posteriore potrebbe prevenire distacchi parziali del vitreo o di retina. Indecisi con la bici o volete iniziare ? A meno che non facciate asfalto per l’80% meglio una full un po’ datata (con l’avvento delle 27.5 e’ possibile trovare tante 26 usate anche top gamma a prezzi ridicoli) che una front moderna.

Regola numero 3 : Negli sport acquatici, surf, windsurf, sup, kite e chi piu’ ne ha piu’ ne metta imparate a non cadere di testa o di faccia !!!! cercate sempre di cadere di culo, di schiena, alla peggio di lato, ma non di testa !! E anche i tuffi di testa in piscina o al mare specie da altezze superiori al bordo vasca sono da evitare come la peste, come tutte le attivita’ sportive che implicano posizioni “invertite”, tipo certe branche dello yoga e nuove discipline fitness quali cross-fit e calisthenic .

Regola numero 4 : evitare allenamenti puramente di forza ad alto carico, in particolare lo squat con bilancere e’ da sconsigliarsi ad un miope od altro soggetto predisposto. Non e’ raro sentire di personaggi che hanno avuto un distacco di retina dopo aver sollevato pesi. Anche in allenamenti piu’ light, tipo funzionale o pilates, fate presente la vostra miopia al trainer.

Regola numero 5 : sottoponetevi a visita oculistica almeno 1 volta l’anno, meglio se comprensiva di OCT (tomografia a coerenza ottica: e’ un esame non invasivo che valuta il fondo dell’occhio come se fosse una TAC), in modo da poter trattare eventuali sintomi in maniera precoce.

OCT kiaz

Ultima regola che vale per tutti …. bere tanta acqua,almeno 2 litri al giorno, aiuta a prevenire distacchi del vitreo e a ridurre le cosidette “mosche volanti” , prima avvisaglia di vitreo non perfetto. Se le “mosche volanti” sono una costante, esistono alcuni intgeratori che aiutano ad aumentare l’idratazione del vitreo (e che spesso sono anche utili per miglorare le proprie prestazioni atletiche ;))

Vi chiederete perche’ vi scrivo questo : sono miope di piu’ di 10 diottrie, e esattamente un anno fa sono stata vittima di un emorragia sub-retinica da sbalzo pressorio, che mi ha messo ko per piu’ di 1 mese e che fortunatamente si e’ risolta nel quasi migliore dei modi. Quest’episodio mi ha fatto aprire gli occhi e diventare un pochino piu’ prudente. Perche’ di occhi ne abbiamo solo due, e vorrei continuare a non essere normale finche’ campo 😉 

Backcountry a pedali: Cotolivier MTB

Il conoscere il territorio permette di sentirsi in qualche modo sicuri e di avventurarsi su sentieri non propriamente frequentati, e con un concetto di “ciclabile ben diverso da quello che molti immaginano. Tornare a “casa” mi permette di fare quello che in location a me sconosciute non farei mai : ravanare per sentieri senza doversi preoccupare troppo, sapendo che prima o poi una strada la si incrocia.

Ieri il protagonista e’ tornato dopo tanti anni ad essere il Cotolivier. Meta piu’ che altro invernale per backcountry e sci alpinismo, e’ molto interessante anche in mountain bike a patto di avere il mezzo giusto (una full da 120 minimo) . Visto il poco interesse in discesa per la parte bassa decido di partire da Chateaux Beaulard riducendo il dislivello totale di 350 metri circa. La salita al Cotolivier e’ relativamente agevole, con primo pezzo asfaltato fino all’abitato di Vazon, dove una bella fontana permette di rifornirsi d’acqua.

vazon

fontanavazon1 fontanavazon

Da Vazon la strada diventa sterrata, senza particolari difficolta’ o rampe, diciamo un po’ piu’ regolare di quella del Colomion fatta qualche giorno prima. Sara’ per il dislivello leggermente inferiore e per quel pelo di allenamento in piu’ ma raggiungere la vetta non mi ha impegnato le gambe in maniera eccessiva. Dalla cima del Cotolivier si gode di una splendida vista, purtroppo la luce non era delle migliori e le foto non rendono come dal vivo.

cimacotolivierioincimacotolivier2

Qualche minuto di meritato riposo e ora viene il bello. L’idea e’ di riscendere verso Chateaux, seguendo piu’ o meno la linea che si segue d’inverno in backcountry o ski-alp. In teoria c’e’ un sentiero, in teoria ho una traccia sul GPS, proviamo a seguirla. Il percorso e’ facile lungo la cresta spartiacque fino al bivio per le grange Pourachet , poi le cose si fanno meno chiare. La traccia che ho caricato se seguita palesemente risale, costringendo a pezzi a spinta. A “naso” parrebbe virare molto verso la zona del Rifugio Rey e delle antiche piste da sci … ma il profilo altimetrico mi scoraggia. Salire a spinta e’ una cosa che non sopporto. Quindi opto per cercare la traccia della scialpinistica, seguendo qualche indicazione sugli alberi e affidandomi ai riferimenti della cartogrfia del gps seguo una pseudotraccia molto rovinata dai cinghiali ma comunque percorribile a patto di avere il mezzo giusto e un po’ di esperienza sul tecnico. La traccia, molto divertente e addirittura a tratti flow, in pieno freeride spirit un po’ oldskool,  mi porta ad un bivio , di non semplice interpretazione ….

cartello

Lo spirito di conservazione mi fa optare per la scelta piu’ sicura, ovvero rientrare su Vazon. Molto probabilmente seguire per il Rey mi avrebbe comunque portato ad incrociare la traccia in discesa che si ricollega a Chateaux, ma nel dubbio ho preferito restare sul sicuro … sicuro che purtroppo ha implicato un allungamento della fase di rientro, con ultima faticosa parte pedalata al freddo lungo la strada quasi in piano che riporta a Chateaux.

statscotolivier mappagps

Un bel giro, divertente al punto giusto, ben rappresentativo di quello che si puo’ fare con una bici da All-Mountain/Enduro. Altro grande aiuto e’ dato dal GPS: io uso myTrails su android, che anche nella versione free ha tutte le funzioni che servono a non perdersi, a patto di trovarsi in una zona supportata da una buona cartografia.

Eccomi qua !

Buongiorno a tutti e nuovamente benvenuti.
Mi chiamo Chiara e mi manca poco agli “anta”.
Come spero si capisca mi piace fare sport fuori dall’ordinario, e malgrado abbia una “certa” voglio continuare a praticarli finche’ posso e far di tutto affinche’ il mio fisico possa starmi dietro …. sempre divertendomi il piu’ possibile.

kiazselfie

Usero’ questo spazio per raccontarvi le mie esperienze e il mio “non essere normale” … perche’ normali si nasce, non si diventa 😉 …. ci han provato in tanti a cercare di conformarmi agli stereotipi imposti dalla societa’, ma io sono fatta cosi’, sto bene cosi’ e nulla potra’ mai cambiarmi 😉

Volete approfondire ? Qua trovate  la mia storia