MTB: Monte Autore da Camerata Nuova

Monte Autore da Camerata Nuova …Scatenato …

Le temperature piuttosto alte e le giornate ancora decentemente lunghe mi hanno fatto optare per un giro che andasse oltre quota 1000…
L’idea iniziale era, visto lo stato di allenamento piuttosto buono per i miei standard, di affrontare il famoso Zi Chiccu, nella to do list appenninica da un po’. Purtoppo il tempo (fisico, non metereologico) e la lontananza del suddetto trail mi hanno fatto optare per qualcosa di piu’ vicino, dunque assieme all’elettrico Guido abbiamo deciso per un giro gia’ piuttosto lunghetto, ovvero la salita al Monte Autore da Camerata nuova via CampoSecco (che gia’ abbiamo conosciuto con i giri che partono da Livata) con un lungo anello in discesa che dal Monte autore scende a Fosso Fioio e seguendo quest’ultimo ci riporta a Camerata Nuova.

Totale 34 km circa con 1000 d+, di cui 15 in salita e quasi una ventina in discesa. Almeno sulla carta.

Anche per questo giro, facciamo affidamento alle tracce di Bicinatura, ormai punto di riferimento online per i giri in centro Italia.

Ci ritroviamo a Camerata Nuova, quota 788 mt slm, altro paesuncolo improbabile con le case di pietra dove pare che il tempo si sia fermato, e dove parcheggiare non e’ semplicissimo, alla fine troviamo qualche slargo al campo sportivo.

Iniziamo la salita, che attacca subito abbastanza cattivella, dopo un breve pezzo d’asfalto inizia uno sterratone poco pendente ma anche poco scorrevole, molto ciottoloso e breccioloso, che mi impone di farlo tutto con il 46 a velocita’ inferiori ai 5km/b. Im questo modo  guadagnamo i primi 500 mt positivi, fino a Camposecco, quota 1300 slm circa, la grande piana dall’aspetto extraterrestre con cui abbiamo gia’ fatto conoscenza nei giri estivi.

campo secco 1 campo secco2

lago campo secco

Da qua, la salita e’ nota e piu’ scorrevole, prima parte in singletrack nel bosco, mai troppo pendente quasi sempre pedalabile con il 39,
a seguire ultmi km di sterrata facile fino alle Vedute dell’Autore … da cui apprezziamo uno scorcio panoramico tra i piu’ belli della  zona.
Totale, tre ore e mezza per guaragnare poco piu’ di 1000 mt in circa 15 km. Il cielo e’ scuro, minaccia pioggia, decidiamo di non perdere tempo e di avventurarci alla scoperta di questo singletrack.

autore croce croce bk tratto espsto me autore autore specy autorevedute

Si inizia con una parte esposta, a volte non pedalabile in leggera salita, poi una prima parte flow nel bosco che in breve diventa piu’ tecnica, intervallata da qualche rockgarden (teoricamente tutti fattibili, ma non conoscendo la linea e con i nuvoloni alle spalle  ho preferito evitare esperimenti), fino ad una radura in cui si perde un po’ la traccia nei prati, ma si ritrova con facilita’ un singletrack strettino ma molto flow, che ci conduce ad un’altra sezione tecnica nel bosco un po’ sporca …

Sezione tecnica che risulta per me fatale: un ramo mi si incastra tra ruota e deragliatore e distrugge quest’ultimo.
Unica soluzione: togliere la catena e scendere “scatenati” finche’ si puo’ ….

Gia’ … finche’ si puo’ …
L’esperienza di girare senza catena e’ tuttavia divertente … una sensazione unica, in cui non si sente il rumore della ruota libera e che obbliga ad usare i freni il meno possibile per non perdere velocita’. Peccato che l’ultima parte del trail presenti non pochi saliscendi, che per quanto vuoi non frenare non sono fattibili di slancio. Pazienza si Spinge.

Sbuchiamo su uno stradone, non capiamo molto bene dove siamo, alla fine seguendo la traccia riusciamo a trovare la sterrata che costeggia
Fosso Fioio. Purtoppo qua iniziano per me i dolori … la strada e’ piuttosto pianeggiante, e lo sara’ per circa 5km. Sono costretta
a farmi tirare da Guido per un lungo tratto … in qualche modo ci arrabattiamo, ogni tanto la strada diventa piu’ pendente e si riesce a far scorrere la bici, ma questo Fosso Fioio che attraversa in maniera piu’ o meno scassata e fastidiosa la sterrata che scende senza nessuna particolarita’ sembra eterno, mettiamoci pure che ha anche iniziato a piovicccicare e che le frequenti pozze non aiutano, insomma gli ultimi km anche se privi di difficolta’ sono stati una sofferenza unica.

fosso

Finalmente ritroviamo una stradina asfaltata, in leggera salita ahime’, e poco dopo la “civilta‘” …. con il solito contorno di nerissimi nuvoloni che sovrasta il centro abitato di questo paesino senza tempo.

camerata nuova

Premesso che il mio giudizio sul giro puo’ essere influenzato dall’incidente con il cambio traiamo le conclusioni :

Salita: medio-lunga, pendenza appropriata al dislivello, ma sempre fattibile e pedalabile senza troppi patemi. La prima parte oltre ad essere scassata, e’ pallosa, sempre uguale, chiusa in una valle senza scorci panoramici. Da Camposecco la cosa si fa piu’ facile e piacevole, grazie anche al terreno migliore.

Discesa : panoramica, molto per gli standard appenninici, nella prima parte, poi varia e variabile, passando dal super flow al tecnico con
roccia fissa, ad alcune tratte con fondo un po’ piu’ instabile su cui scegliere la linea.
Unico neo per me fatale gli innumerevoli rami nella seconda parte, che hanno messo ko il mio deragliatore posteriore. Tutto questo godimento
dura circa 4 km.

Il seguito, fosso Fioio, a parte il particolare paesaggio della prima parte, lo ho trovato davvero “inutile” … certo senza catena e’ stato particolarmente pesante, ma trattasi di stradotto senza difficolta’, largo, senza curve, in cui l’unica particolarita’, che puo’ piacere o no, sono alcuni attraversamenti del gretto del torrente, piu’ o meno lunghi, piu’ o meno fattibili in sella a seconda della tecnica del rider.

Da rifare ? Sicuramente si prima o poi, magari senza rompere il cambio e in compagnia di qualcuno che gia’ conosce i rockgarden in modo da provare ad affrontarli seguendo la giusta linea 😉

E adesso tocca aspettare l’arrivo del deragliatore e giocare al piccolo meccanico ….

Relive

Relive ‘Autore scatenato..’

 

Traccia

Un ringraziamento particolare va a Guido, senza il suo supporto elettrico nella parte pianeggiante sarei rientrata con il buio probabilmente …..


MTB: la torretta del Morrone

La Torretta del Morrone
(o di Monte Gennaro o dei Tornantini)

Riprendiamo la rassegna “posti improbabili“, ovvero quelle location in cui, se non ti ci portasse la bicicletta, di certo non ci andresti  di tua spontanea volonta’. Stavolta vi parlo di un giro che stava nella mia to-do-list da prima delle ferie a Nord … la Torretta del  Morrone, o di Monte Gennaro o semplicemente dei 25 tornantini.

I tornantini gia’ … quelli stretti. Quelli che 1 anno fa mi facevano scendere dalla bici e mi facevano maledire il giorno in cui e’ arrivata la Specy Stumpjumper. Ma grazie alle lezioni e all’esperienza quest’anno la musica e’ cambiata . Dai 12 tornantini di Millaures, al singletrack de l’infernet, ad un inedita traccia sul Monte di Portofino, insomma diciamo che abbiamo fatto esercizio.

Sulla salita, si legge di tutto e di piu’. Una cosa e’ certa: a meno di non avere un mezzo motorizzato, lo spingismo sara’ d’obbligo per almeno un paio di km e circa 250 d+.
Vediamo come si e’ evoluta la giornata dunque: Arrivati al parcheggio di Palombara Sabina, nei pressi del campo sportivo, si vede gia’
piuttosto chiaramente dove dobbiamo andare a parare … lassu’ … si lassu’, e’ proprio lei, la Torretta.

lassu'

No pain no gain, ormai siamo qua e questa Torretta s’ha da fa …

Iniziamo con una poco promettente discesa su asfalto … se si scende vuol dire che poi si sale … brr … In breve si lascia l’asfalto per una sterrata brecciolosa piuttosto pianeggiante per il momento, che si addentra in una valle piuttosto calda e poco ventilata. Pian piano si comincia a prendere quota, alternando tratte piu’ pedalabili ad altre piu’ ripide… diciamo che nei primi 8 km il guadagno di dislivello e’ piuttosto limitato. E di km ne dobbiamo fare circa 18/19, di cui circa altri 4/5 in salita, fino a raggiungere appunto la fantomatica Torretta che ci aspetta a quota 1030 circa. La traccia ci crea qualche difficolta’ nel trovare un taglio, che risultera’ l’unico pezzo in cui sara’ a tratti necessario sollevare la bici … unico intoppo un filo spinato che ci separa dalla strada che andrebbe ripresa… per fortuna siamo in due e riusciamo a ingegnarci per riportarci allo stradotto passando attraverso una specie di vasca abbandonata.

Da sola forse sarei tornata indietro.


Ripresa la traccia si riprende a pedalare, alternando qualche tratta a spinta dove lo stradotto diventa piu’ ripido e scassato …avanti cosi’ per un po’, fino circa a quota 800 mt slm dove arriva la resa allo spingismo. Spingismo che ci accompagnera’ per un paio di km e 200 mt di dislivello, fino a raggiungere, finalmente la mitica Torretta che domina le pianure, con sotto di noi un dirupo non indifferente.

torretta1 torretta3

Qualche minuto di meritato riposo, e poi pronti a mettere le protezioni e a lanciarci alla scoperta dei 25 tornantini.

m3 trail trail top

Il trail parte con qualche pietra mossa e fissa, poi diventa con fondo in terra e prevalentemente scorrevole e pulito. Unica difficolta’ i famosi tornantini, che sono cmq il piatto forte del giro. Quelli a destra sono tutti fattibili, a patto di anticipare e allargare la linea il piu’ possibile, quelli a sinistra sono un po’ piu’ complessi sopratutto i primi, su cui ci scappa qualche piede in terra ma mai reali problemi . Sono in tutto 25, collegati tra loro da traversi molto flow quasi privi di ostacoli, giusto nella parte finale qualche roccia rende un po’ piu’ vivace il tutto. Terreno perfetto, questa probabilmente e’ la stagione ottimale per girarci, evitando presenza di foglie o fondo viscido, che renderebbe tutto decisamente piu’ complesso. Come sempre un bel gioco dura poco, e anche qua il 25esimo tornantino fa presto ad arrivare, portandoci ad un cancello da cui si prosegue con un ultima parte prima su singletrack e poi su stradone con fondo smosso.
Insomma la salita faticosissima vale questo discesone, a patto di essere amanti del genere. Ottima palestra per migliorare nello stretto, non essendoci punti particolarmente esposti o pericolosi. Con le dovute cautele e il fondo trovato oggi a mio avviso puo’ essere portato a casa anche con una front e un po’ di tecnica 😉

Da tornarci (Con la telecamera) …. e comunque raccomandato a tutti i bikers di medio livello che vogliono conquistarsi (faticando) una discesa con cui pendersi qualche bella soddisfazione … un classico giro #salgoperscendere in cui la cosa piu’ importante e’ il premio finale …

Relive

Relive ‘La torretta del morrone’

Traccia gps gpx

 

Un ringraziamento va a Bicinatura, per aver reso disponibile la traccia e avermi permesso grazie al gruppo facebook di trovare compagnia per il giro. Qua – link – il loro report con video .


MTB: Punta Ala Cala violina

Punta Ala Cala Violina Enduro 
(Traccia GPX a fine articolo)

Era da un po’ che volevo approfittare del fatto che la zona di Punta Ala (Grosseto) si trova esattamente a meta’ strada tra Roma e la Liguria per rendere meno noioso il rientro e fare conoscenza con questa zona e i relativi trails di cui si sente dire belle cose. Ieri si e’ prestata l’occasione grazie ad un’amico biker di Roma in ferie in tale location.

Avendo solo il pomeriggio a disposizione decidiamo per la zona di Cala Violina, sul mare. Non e’ di certo l’area piu’ nota per i percorsi Enduro, ma comunque da Trailforks si capisce che alcune discese interessanti possono esserci. Andiamo dunque a scoprirle.

Disponiamo di alcuni file gpx scaricati, ma nessuno e’ propriamente “enduro”, quindi ci affidiamo ad un mix tra i ns file e l’app trailforks dove i trails sono ben segnati e inventariati. Il dislivello sviluppabile e’ poco, quindi mi immagino di aspettarmi una location che potrebbe ricordare la zona de “Le Maine” di Finale ligure.



Troviamo parcheggio poco distante dai trails, e cominciamo a salire dolcemente per uno stradotto che poi diventa un po’ piu’ cattivo. In breve arriviamo al sentiero “3” (i sentieri sono tutti o quasi ben segnati e palinati), un anello XC percorribile in entrambe le direzioni che non ha molti sbalzi di quota. E’ un bellissimo b nella macchia mediterranea, facile, ideale per chi si avvicina alla mtb. Dopo alcuni saliscendi incrociamo l’indicazione per il trail Guardian, uno di quelli definiti come Enduro da trailforks, difficolta’ blu ovvero media nella scala usata dal suddetto sito. Iniziamo dunque a scendere. Ci troviamo su un trail da guidare, abbastanza scassato e scavato in cui bisogna scegliere la linea giusta , ma senza mai parti pericolose o complicate. C’e’ qualche rilancio e un paio di compressioni che sarebbe meglio memorizzare, ma tutto molto divertente e fattibile.

guardian 1

punta ala guardian 2

Il trail ci riporta su una strada litoranea asfaltata, da cui in breve ci allontaniamo per risalire, stavolta a spinta nella macchia, per riprendere quota e ripartire alla ricerca di un’altra discesa. Si spinge e non poco, potrebbe esserci un percorso alternativo ma non conosciamo la zona, di certo questo e’ il piu’ veloce. Fortuntamente voltando le spalle verso valle si trova motivazione nel bellissimo panorama sul mare.

spingere ...

Una volta in “quota” , ritroviamo l’anello del “3”, dal quale staccano altri sentieri che scendono abbastanza diretti per il mare. Decidiamo stavolta di seguire la traccia a nostra disposizione , che dopo un breve tratto scassato ma sempre senza cose troppo complesse ci porta su un trail piu’ flow, che con qualche bella curvetta conduce direttamente sul mare alla famosa spiaggia di Cala Violina. Tutto molto bello ma anche molto affollato di bagnanti. Credo che sarebbe interessante ripetere il giro fuori stagione …

cala violina specy cala violina me cala violina affollata

Risaliamo quindi alla ricerca di un’ultimo trail che ci riconduca verso le macchine. La scelta cade, guardando sempre Trailforks, su Moscatello. Peccato che per raggiungerlo tocca dinuovo spingere su terreno leggermente franoso, ma anche qua una volta in “vetta” veniamo ripagati da una splendida vista sul circondario.

pnta ala 3 punta ala 4

Iniziamo a scendere , il trail parte flow con qualche curvetta, qualche parte piu’ scassata e un breve rilancio. Divertente anche se corto (circa 1 km) .. in pochi istanti siamo nuovamente sull’asfalto che ci riporta al parcheggio.

Concludendo: il posto vale la sosta, i sentieri sono molto ben tenuti, segnalati e ci si puo’ divertire con qualunque mezzo, dal frontino, all’enduro all’elettrica. Data la conformazione del territorio e la presenza di frequenti salite non pedalabili , il mezzo ideale per apprezzate quest’area sarebbe una e-bike. Resta una location interessante – anche se non proprio dietro l’angolo – per fare un giretto allenante e divertente senza esagerare in km e dislivello. Ci tornero’ per provare i trail sul versante piu’ interno, piu’ lunghi e tecnici (alcuni sono stati prove speciali dell’EWS in passato … ).

Relive

Relive ‘Punta ala’

Traccia gpx del ns giro


MTB: Torriglia (GE) Amazzonica e Santa Maria

Torriglia b side – Santa Maria e Amazzonica

Primo di settembre, un ulteriore piccolo break lavorativo mi ha permesso di tornare nella mia amata Liguria per alcuni giorni.
Previsioni meteo molto incerte e ballerine, l’autunno e’ alle porte (era ora), e con esso il tempo instabile e le prime mareggiate …
a dispetto del meteo che dava piu’ o meno brutto fin dalla mattinata, mi sveglio sotto un cielo limpido, e approfitto per fiondarmi al mare e surfare qualche onda. Purtoppo l’affollamento in mare impedisce di divertirsi a dovere, e le mie speranze sono tutte riposte nel pomeriggio in MTB. Siamo dinuovo a Torriglia, a circa 800 mt slm sopra Genova, e assieme ad Angela e Monica percorreremo due trail sul versante meno battuto di  Torriglia, all’interno del parco dell’Antola. A seguire è prevista un’uscita diciamo serale sui gia’ noti trail Toro.
Come ogni volta che torno quassu’ o che comunque ho la possibilita’ di girare con le #ragazzefreeride , tutto questo non mi sembra vero.
Non mi sembra vero che possa esistere questa dimensione, in cui la mia anormalita’ da neo quarantenne che vive da eterna ragazzina viene
compresa e condivisa.

ragazzefreeride
Quando si pedala in compagnia tutte le “rogne” vanno via … e si inizia a salire su una scorrevole asfaltata che ci porta poco sopra quota 1000, con bellissimi panorami sui monti circostanti.

road to trails start sta maria

A breve si giunge all’attacco del primo trail, Santa Maria. E’ un flow trail con qualche compressione e qualche ripidino, molto divertente non presenta particolari difficolta’, se non nella parte finale (in comune con il secondo sentiero che percorremo) dove ci sono un paio
di ripidi scassati di cui uno in contropendenza. Per il resto, un super trail tutto da guidare che meritera’ indubbiamente una seconda
visita. Caratteristica l’ultima parte, prima di ritrovare l’asfalto, che costeggia un piccolo torrente.

valle clouds chiesetta

Risaliamo, prima con un brutto strappo su asfalto spaccagambe, poi un tranquillo panoramico saliscendi su sterrata che ci conduce ad un colletto caratterizzato dalla presenza di una chiesetta. Da qua, dinuovo asfalto fino a ritrovare il mezzacosta a quota 1000 circa, dal quale stacca il secondo trail in programma : Amazzonica. Questo e’ diverso, sempre flow un po’ piu’ naturale nella prima parte caratterizzato da alcuni salti nella parte centrale. Da rifare con piu’ calma per studiarsi un po’ bene i salti e capire come vanno affrontati.
L’ultima parte e’ in comune tra i due trail, e ritroviamo il ripido in contropendenza che stavolta mi mette ko.

Da qui, ripreso l’asfalto decidiamo con la dovuta calma di spostarci sul versante delle “Toro“. Il tempo si fa piu’ grigio, ma non
ci arrendiamo. A meta’ risalita inizia a piovere … ma noi non ci arrendiamo sperando che si tratti di una nuvoletta passeggera.
Purtoppo non e’ cosi’, la pioggia si intensifica e ci ripariamo sotto un’altbero … a breve ci raggiunge un’altro rider, mentre
altri che stanno risalendo imperterriti (comprese Monica e Laura ..) ci avvisano che e’ in arrivo il furgone con il carrello ….
la nostra salvezza, sopratutto la mia, in quanto il mio k-way e’ di quelli da emergenza e non di certo un 10k colonne d’acqua …
Raggiungiamo quindi la cima meccanizzando, provo a mettere il naso fuori ma inizio a tremare del freddo. Continua a piovere.

Non me la sento di scendere, e nemmeno Angela. Non posso permettermi ne di ammalarmi e non intendo trasformare me e la bici in un ammasso di fango dal quale avrei poi dovuto cercare di liberarmi al buio.

Restiamo quindi nel furgone, che ci riportera’ al paese e in particolare al Bar Garitta, dove ci aspetta una bella festa di fine giro,
con birra, salsiccia patate e ottima compagnia. Da un certo punto di vista mi sento un po’ “da meno”, nei confronti di Monica e Laura
che comunque se la sono pedalata sotto la pioggia. Ma la mia logistica attuale mi impone di non rischiare ulteriormente ….

Per concludere , che dire : siamo di fronte ad una realta’ da cui prendere esempio. Un paesino sui bricchi liguri, da cui difficilmente
uno ci passerebbe se non per caso, sta creando sempre piu’ interesse tra i bikers. Sentieri ottimamente curati, divertenti e
fattibili se paragonati allo standard ligure medio, abbordabili anche da chi si avvicina al mondo gravity. A corollario del tutto
la possibilta’ di usufruire del servizio di risalite meccanizzate ( https://www.facebook.com/MtbAntola/ )

Un particolare ringraziamento va al Garitta Bar per la super cena e sopratutto le birre 😉 https://www.facebook.com/Garitta-BAR-1429460233967160/ (e per le pile del fanalino che purtoppo non e’ servito … ci sara’ altra occasione)

Last but not least, un doveroso e grandissimo grazie ad Angela e alle #RagazzeFreeride : una “creatura virtuale” che unisce nel mondo reale in cui ho trovato amicizia e possibilta’ di confronto, senza contare il fatto di sentirmi “meno sola nell’universo” grazie a questa realta’.

Relive

Relive ‘Torriglia amazzonica santa Maria’

 

Traccia GPS GPX S.Maria e Amazzonica

 


Surf: Al cospetto della Maga Circe 2018

…. cronache di una antisurfista (o “anta”surfista) ?

26-8-2018 … secondo giorno da quarantenne … da qualche giorno rientrata a Roma …….
da un po’ di tempo mancavo dal Mare o meglio dal surf, e le previsioni meteo erano sotto stretta osservazione.
Le premesse per tornare in acqua e ritrovare quella sensazione di scivolamento sulle onde che mancava all’appello da mesi ormai, c’erano tutte. Mareggiata dal quadrante ovest che avrebbe attivato il mio spot preferito, tempo instabile quanto basta per allontanare i  bagnanti.

Malgrado tutto, decido di essere pronta per un piano B, e di caricare in macchina anche la bici. Il Circeo è ricco di trail, e nel caso di mare inconsistente, sovraffollamento o altri disguidi che possono rovinare la giornata la Specy sarebbe stata li, pronta a a portarmi  a spasso sul promontorio della Maga Circe ….

surf + bìk3

“Rotolando verso sud” in poco meno di due ore siamo allo spot del Carrubbo. Tutto come da programma, il cielo e’ grigio, i bagnanti
desistono ma in compenso in acqua c’è una folla che pare di stare all’Ikea.

ìk3a

Dato che miracolosamente trovo parcheggio quasi subito vicino allo spot, decido di buttarmi malgrado la folla a mollo. Le condizioni sono buone, non ancora perfette ma comunque piu’ che accettabili considerato che non surfavo in maniera degna di questo nome da un bel po’ di mesi .

Il mio aspetto e outfit è un po’ in contrasto con la tendenza alla figheria/poseria che ormai regna sovrana tra i surfers veri e presunti tali: mutino smanicato a pantaloncino, accoppiato con licra mista neoprene decatlon reparto sub. L’anti surfista … dato che ormai
trovare un mutino estivo di buona qualita’ che non lasci il culo di fuori, ripari un po’ dalla paraffina e che sia vagamente sobrio e adatto anche ad una vecchietta come me pare un impresa d’altri tempi, quando ancora l’abbigliamento tecnico era orientato alla funzionalita’prima che alla moda (NB il mutino in questione e’ fatto su misura da seangolare) … La tavola e’ la ormai datata Violetta long handmade la cui storia e’ fatta di gioie e dolori, ormai pieno di bozze e riparazioni anche piuttosto agricole nastro americano incluso, ma lei e’ la mia tavola e finche’ galleggia surfera’ con me.

nonnasurf

Raggiungo senza difficolta’ la lineup. Le braccia girano senza fatica, probabilmente le 3 settimane in quota si sentono su tutto quel che e’
aerobico. Noto subito che lo spot non lavora come un tempo … il primo piuttosto ovvio tentativo di prendere una destra si concretizza
in un bel tuffo … il fondale e’ cambiato e ora l’onde piu’ lunga e’ una sinistra, che dal centro della baia srotola verso la zona  piu’ rocciosa . Purtoppo c’e’ davvero tanta gente, e i miei sforzi per mettermi in precedenza vengono mal interpretati da un soggetto che cercava di partire sulla spalla… Non entro nei dettagli, lascio perdere perche’ non e’ casa mia, vengo da un posto a 200 km dal mare e non amo questi battibecchi … certo e’ che il problema affollamento c’e’, e che quando su una serie di 3/4 onde ne esce solo una ben surfabile non e’ cosa. Dopo aver preso comunque un paio di sinistre dignitose, il vento inizia ad aumentare, facendomi spostare nell’inside.

Sulla risacca l’Apoteosi: principianti d’ogni genere e mezzo, impossibile prendere una parete con il long senza rischiare di mandare qualcuno in ospedale.
Del resto pure loro han diritto di imparare, anche se potrebbero tranquillamente imparare sulle schiume anche altrove, ma e’ ancora stagione balneare, quindi perdonati (un conflitto surfista incapace bagnante e’ peggio che un conflitto tra surfisti e danneggia la categoria intera) …

Basta, la situazione e’ diventata ingestibile: e’ ora di pranzo, decido di uscire e cambiare mezzo di locomozione, se non altro per non perdere il parcheggio e spostarmi a pedali verso il paese alla ricerca di cibo.
Dopo un break e un caffe’ torno allo spot, che continua ad essere affollato anche se la qualita’ pare migliorata. Decido di aspettare e ingannare il tempo andando alla ricerca di qualche trail sul monte. Indosso le scarpe e le protezioni, e inizio a pedalare verso il misterioso promontorio. Si sale su asfalto con qualche rampa, il 46 e le gambe a livello del mare fanno il loro dovere. Appena superato il centro storico di San Felice Circeo, il cielo si fa scuro, e comincia in un attimo a venire giu’ acqua … non sono due goccie ma piove bene …

raìn

Niente da fare, la Maga Circe ha deciso che per me oggi e’ giornata di surf e surf sia. Torniamo al volo alla macchina, la pioggia ha spaventato  molti dei “sunday surfers” e la lineup si e’ svuotata. Cambiamo abbigliamento e mezzo, stavolta boardshorts di 10 anni fa (altro capo di abbigliamento pressoche’ sparito dal guardaroba dellA surfistA) e giacchetto retro’ a manica lunga.

folla

Di corsa in mare, dopo un periodo di attesa nell’inside noto un sup sulla secca piu’ esterna che ha ricominciato a fare sinistre.
C’e’ anche un altro longboarder, remo fuori e finalmente si ragiona. In tre sul picco per una quarantina di minuti, ricomincio a prendere onde, tutte sinistre una piu’ bella dell’altra. Riprendo confidenza con la tavola e tento qualche approccio al nose, non perfetto ma ci si avvicina. Il tipo di onda mi costringe anche a tentare qualche cutback per non perdere la sezione portante, traballo un po’, saro’ sicuramente goffa e scattosa ma l’importante e’ divertirsi. Torna il sole e la lineup si ri-affolla progressivamente … da 3 5, poi 7, 9 , 11… ecc ecc ecc … tutti dinuovo all’ikea … e tutti con facce incazzate pronti a sgomitare per qualche secondo di scivolata …
Esco con l’ultima buona onda e il sorriso, prima che il sangue marcio torni a galla.

crowd crowd1

E’ stata una bella giornata di surf … Grazie Maga Circe per avermi regalato 40 minuti di godimento … ricordati di me ogni tanto 😉


Col Saurel e lago dei 7 colori da Sagnalonga

Col Saurel e lago dei 7 Colori

…..
nulla di nuovo per la destinazione del giro, gia’ raggiunta lo scorso anno con il classico giro della Clavierissima da Monginevro/Gondrand.

Per quest’anno l’idea era di replicare ma con salita e discesa dal vesante italiano, ovvero Bousson,strada del Lago Nero, Sagnalonga, Colle Bercia, Col Saurel, lago 7 Colori, Capanna Mautino, discesa per il trail gia’ esplorato in un precedente giro.
Partendo da Bousson sono circa 950 d+, che io ho scontato a 600 guadagnando la parte piu’ scassata grazie alla panda 4×4 dei miei.
Preciso che la scelta di guadagnare quota in macchina è dovuto al tempo instabile di questo agosto, che mi ha costretto ad optare spesso e volentieri per giri piu’ brevi del previsto.
Lasciata la strada del lago Nero, si continua mezzacosta con saliscendi tranquilli ottimi per scaldare le gambe (o per riprendere fiato
nel caso partiti dal basso) fino a SagnaLonga, il tutto attraversando freschi boschi di larici dai quali si intravedono come sempre paesaggi notevoli … si incrocia anche un piccolo laghetto i cui riflessi meritano una foto.

pozza

Da SagnaLonga si sale, sempre tranquilli, lungo una strada che d’inverno è una pista verde, fino al Colle Bercia. Mi fa un certo effetto
rivedere d’estate posti che ho sempre conosciuto in versione invernale, compresi i paravalanghe da cui inizia un noto taglio fuoripista …
Si guadagna facilmente il colle Bercia, dove inaspettatamente trovo una fontana da cui ricaricare acqua. inutile dire che da qua in su la vista su Dormillouse, Pic de Rochebroune, Fournier, Giassez la fa da padrona.

rochbrun saur3l rochb1 b3rc14

Si prosegue verso il Saurel, da qua il fondo peggiora e arriva anche qualche rampa, tutto comunque pedalabile tranne una breve rampa dal fondo
smosso … Scolliniamo il Saurel e memorizziamo la palina che indica il trail di discesa.

Discesa e foto di rito al gia’ noto lago dei 7 colori, risalita a spingismo fino al colle e siamo pronti ad imboccare il singletrack.

m3 lago 7 colors lago 7 col

Come da aspettative, eccoci di fronte ad un bel flow trail che scende tra le praterie con ampie curve e poche difficolta’ … terreno un pelo
brecciolino ma con una discreta tenuta, anche se addirittura la perdita di tenuta diventa divertente in certe circostanze … uniche  cose a cui prestare attenzione sono le immancabili canaline tipiche dei natural trails oltre che gli escursionisti in salita, poco abituati alle presenza delle bici . L’ultima sezione che si imbocca dopo aver attraversato lo sterratone che sale da Capanna Mautino è un po’ piu’ tecnica, e si chiude con un divertente step-up su cui staccare le ruote proprio dietro al rifugio.

maut1no lago saur3l

Dopo una brevissima pausa decido di allungare il giro inserendo un breve anello attorno al lago di Fontana Fredda, a circa 1.5 km dalla Capanna Mautino … Un paio di rampe ci introducono su un singletrack quasi pianeggiante che costeggia il laghetto, qua non c’è niente di tecnico, ma un panorama di alta montagna come pochi altri ….

fontana fr3dda fontana fr3dda1



Rientriamo alla Capanna Mautino girando attorno al laghetto e da qua impostiamo la discesa del rientro, seguendo per un po’ il percorso
della Clavierissima per poi tagliare verso Bousson, sul trail gia’ percorso in precedenza, molto naturale con qualche sezione tecnica gudata
nella prima parte, poi flow nei prati per concludere con qualche tratta un po’ cuocifreni ma sempre floweggiante

Giro apprezzabile a 360, sia per la location che x i trail percorsi, un pelo meno impegnativo nella prima discesa rispettto alla versione Monginevro-Val Gimont

Relive –>

Relive ‘Saurel versante it’


Traccia –>


Bikepark vs elettrica in Valsusa

Bikepark vs elettrica in Valsusa
… tra passato, presente e futuro della MTB

Questa vuole essere una riflessione di ampio spettro, scritta in un giorno piovoso agli sgoccioli del mio summer break in alta val Susa
in alcuni precedenti scritti ho definito ironicamente questa location al confine con la Franciala valle che resiste dove l’enduro non esiste“, riferendomi principalmente al fatto che la reperibilita’ di informazioni relative a trail con caratteristiche “enduro” è  davvero scarsa, eccezion fatta per qualche “classica” dal dislivello gia’ importante.
Malgrado in passato (2014 l’ultimo evento di rilievo) la ValSusa e in particolare Sauze d’oulx siano stati teatro di importanti manifestazioni quali la superenduro, ad oggi non è facile, sopratutto per un ipotetico “foresto”, scovare giri “salgoperscendere“, ovvero in cui la discesa è “il premio” per il dislivello maturato, rischiando di fossilizzarsi nei due bikepark superstiti (Bardonecchia e Sauze) dove, sopratutto a Bardonecchia, è stato fatto un gran lavoro, ma continua comunque a mancare quell’add-on pedalato in grado di completare l’offerta per elettrici o per chi comunque vuole alternare qualche pedalata alle seggiovie.

Abbiamo detto gran lavoro a Bardo, sintetizziamo un po’ la situazione. Ci ho girato con le #ragazzefreeride e da sola. Vengono dichiarati
85 km di percorsi free-ride, ma secondo me se la cifra viene dimezzata è gia’ tanto. Parliamo cmq di 9 trail serviti da 2 seggiovie:

Zona Campo Smith-Pian del Sole
In ordine di difficolta’:

9D : flow trail per tutti, frontini inclusi, tante curve spondate qualche panettone e un ampia zona tra i prati dove lasciare correre .. #nientedidifficile. Definito rosso ma direi piu’ che altro blu
15D : il trail storico di Campo Smith, migliorato negli anni sopratutto come scorrevolezza.. Lo preferivo quando era piu’ grezzo e richiedeva una guida un po’ piu’ precisa … adesso, passerelle in legno e saltino a parte, lo trovo semplicemente un cuocifreni, almeno per il mio stile di guida
16D : Parallelo al 15 troviamo il 16. Piu’ ripido e tecnico, ma comunque artificiale, tutto spondato ma costruito da movimenti terra. Include alcuni ripidi abbastanza impegnativi e un paio di S strettine ma spondate. C’e’ anche un passaggio molto tecnico su un roccione con uscita su un ripido, passaggio che, se avesse avuto un uscita meno impegnativa avrei azzardato, ma il contesto in cui è inserito non ispira sicurezza. Ciliegina sulla torta e’ la simpatica struttura tipo northsore in legno, con wallride e rampa in uscita. Dal punto di vista tecnico, con il terreno giusto questo trail è quello che offre di piu’.
12D : simile al 16, ma non offre le strutture in legno. Anche qua troviamo alcune S abbastanza ripide non semplicissime.
14D : Trail enduro vero e proprio, naturale. Inizia come un classico sentiero nei boschi, poi due difficili ripidi in sequenza su cui ogni errore non è perdonabile. Consigliato solo agli amanti del genere. Diciamo che questa e’ una vera “nera”. 

turn northshore jump2 jump1

Zona Melezet-Chesal, sempre in ordine di difficolta’.

27D : lunghissimo flow trail, parte con qualche insidia (mezzacosta sui ghiaini un pochino esposto) ma poi diventa un bel sentiero flow, con tante sponde lungo e divertente. Trail completamente “man made” con movimento terra (leggi bobcat), si snoda lungo la pista olimpica. Anche questo è fattibile anche con una front con la dovuta cautela.

24D : Tra Melezet e Les Arnauds, si fa strada uno degli ultimi arrivati .. Anche il 24 D è man made, un tutto sponde che attacca un po’ ripido ma che lascia ampio respiro sopratutto nella parte finale, spaziando tra boschi e prati. Trail di livello medio con curve di diverso raggio, ottimo per migliorare nella tecnica di curva 😉

25D : Il primo nato in zona melezet, mantiene ancora discretamente la componente naturale che aveva un tempo. Anch’esso migliorato negli anni , parte con un bel flow su terreno abbastanza naturale, poi diventa piu’ tecnico con un paio di ripidi da prendere con attenzione, per tornare flow nella parte finale.
26D : altra new entry. Simile al 25, ma un po’ piu’ ripido e tecnico, abbastanza enduristico come genere, alternando parti piu’ scorrevoli a discreti ripidi. Anche questo e’ una bella palestra per fare i conti con un certo tipo di pendenze.

Tutto molto bello …. poco naturale (14d a parte) ma bello e divertente soprautto in compagnia (tnx #ragazzefreeride) ; inoltre è l’unico park in zona che prevede una linea facile (9D) adatta anche a chi prova per la prima volta la mtb gravity …. eh si perchè Sauze, che resta il mio preferito per tipologia dei trails, comunque non è per tutti, e alcuni punti nelle parti basse potrebbero essere per niente intuitivi e scoraggiare un ipotetico/a principiante. Per il resto i trail sono tutti di livello medio, abbastanza naturali ad eccezione di tippy’s witch e offrono un bel mix di flow naturale con qualche elemento tecnico ma sempre fattibili per tutti (anzi come ripidi direi piu’ ripidi a bardo) …

sauzejump

Detto questo … ma se ho un elettrica da enduro e non voglio pagare lo skipass cosa posso fare in alta Valsusa ?
Premesso che sia a Sauze che a Bardo si puo’ – piu o meno agevolmente – risalire pedalando le linee dei park questo lascia un po’ il tempo che trova , si puo’ fare un paio di volte (io stessa che pedalo #conlemiegmbe senza motore lo ho fatto a volte quando tempo e/o fantasia sono limitati) ma poi appunto lascia il tempo che trova … se ci spostiamo pochi km oltre il confine andando in Francia nel Brianconnais troveremo tutt’altra situazione e offerta … dove alle linee dei park si integrano trail naturali e itinerari segnati di diversa difficolta’ che contemplano sia semplici anelli nel fondovalle che cose piu’ impegnative , senza necessariamente superare i 1000 d+ e introdurre elemvnti di “cicloalpinismo” quali lunghe tratte in portage.
Ho tirato fuori l’elettrica perchè, turisticamente parlando, volenti o nolenti il futuro sta li.  Tralasciando gli agonisti di ogni disciplina, gli amanti dell’AM estremo/cicloalpinismo che qua possono trovare un discreto repertorio, ci sara’ sempre di piu’ un concentrato di “sunday bikerselettrici che non cerca soltanto la passeggiata panoramica senza fatica (… tipicamente l’offerta dei noleggi ebike con guida è questa …) ma anche qualcosa con cui divertirsi nella guida, sia essa in discesa o in percorsi misti.

A Sauze ci sarebbe tutta la parte alta ben adattabile ad un uso elettrico (Rocce nere, Supersauze alta , e altre se ne potrebbero aprire)
A Bardonecchia si potrebbe creare/ripristinare qualcosa sul versante Jafferau oltre che meglio segnalare un paio di altri giretti a quote medio-basse …. Per non parlare di zone non servite da impianti, come tutto il Cotolivier, dove qualcuno che prova ad inventariare e tracciare
qualcosa c’è …ma spostandoci di poco ci sarebbe tanto tanto tanto ancora … tipo il divertentissimo trail dimenticato di Sansicario … anche li ci sarebbe margine per ulteriori linee …..  e tanto ci sarebbe ancora …

sansìcarìo Strutture abbandonate …

Nel post olimpico (estate 2006 e anni a venire fin circa al 2012 indicativamente) la MTB ma sopratutto lo sviluppo dei bikepark, tra i primi in italia, ha aiutato la Valsusa a farsi conoscere un po’ anche d’estate andando oltre il turismo delle seconde case a cui è troppo legata … 

Adesso da una parte l’offerta turistica dei park si è ampliata con soluzioni molto piu’ interessanti per gli amanti del genere, dall’altra per essere competitivi serve budget … quindi non bisogna solo focalizzarsi sulla presenza delle seggiovie, trovando un’offerta per una categoria di bikers molto ampia, in gran parte elettrica, che puo’ e vuole divertirsi sui sentieri anche senza risalite meccanizzate ……

C’è da meditare e ci sarebbe tanto da fare …


MTB: Moncenisio – Col sollieres

Moncenisio – Col sollieres

10-8-2018
..il meteo pare clemente e risparmiare il classico temporale pomeridiano che sta simpaticamente caratterizzando questo break estivo,
quindi proviamo ad affrontare un giro tutto sopra i 2000 mt slm in zona colle del Moncenisio. L’obbiettivo è l’anello del col Sollieres,
con salita sul versante Francese seguendo in gran parte le strade di serizio degli impianti di Termignon per poi scollinare verso il piccolo Moncenisio.
Appena arrivati al colle in prossimità del lago, purtoppo si notano nuvole sulle cime piu’alte. la nebbia pare avvolgere il col sollieres, con il rischio di dover affidare la discesa esclusivamente al GPS. Dopo una breve valutazione meteo e di eventuali cambi programma (l’alternativa – indubbiamente piu’ dura – sarebbe il malamote, ma questo è un obbiettivo futuro …) decido comunque di avventurarmi.

Mi faccio dunque lasciare all’altezza dello skilift Ramasse di Val Cenis, subito dopo il colle, dove, in prossimità di una margheria inizia lo sterrato che conduce verso gli impianti di Termignon.

salìta
Si attacca con qualche rampa su fondo sassoso ma compatto, salendo fino all’altezza del bivio per il forte Turra (raggiungibile volendo in circa 1h con 300 d+), da qua si prosegue in leggera discesa per una piacevole forestale di servizio, fino alla località Replat de Cannons.
Qui inizia la salita, sempre lungo una sterrata di servizio, che tranquilla guadagna quota fino alle ampie praterie che caratterizzano la parte alta del piccolo resort sciistico. La vista , purtoppo un po’ limitata dalle nuvole, è gia’ notevole, spaziando dai ghiacciai della Vanoise a quelli della Casse e della Motte verso il fondovalle.

ghìaccìaìo1 vanoìs vanoìs2 vanoìs222

Salendo ulteriormente troviamo un bivio, circa al km 6.5, ove le indicazioni per il Col Sollieres consiglierebbero di andare dritto.
La traccia da me scaricata invece suggerisce di prendere a sx la strada che sale. Mi fido dunque della traccia, continuando a guadagnare quota … le pendenze restano docili e ben pedalabili, il fondo invece peggiora un po’, ma la fatica viene ricompensata dagli spettacolari scenari che si aprono ad ogni metro guadagnato.

mtb1 mtb2

Presto la strada si stringe, trasformandosi in un sentiero, che con un lungo mezzacosta ci condurra’ al col sollieres. La quota inizia a farsi sentire, si intravedono alcuni nevai, e ormai l’obbiettivo del colle è ben visibile …
ma il mezzacosta pare eterno … è im buona parte pedalabile, ha qualche sezione esposta e qualche zona con fondo piu’ scassato che per comodita’ supero a spinta … non ci sono comunque cose pericolose o tratte da richiedere portage vero e proprio …

traìl1 tral2 collsoll

Finalmente, dopo circa 35 minuti di traverso, siamo al colle, e godiamo di una vista a 360 su entrambi i versanti.

palìna ìo ptìt mc

Siamo a quota 2635, il freddo si fa sentire, mi preparo dunque a scendere verso il Piccolo Moncenisio. Lo splendido singletrack che si snoda tra le praterie non presenta difficoltà, è un natural flow con qualche semplice ostacolo, l’unica cosa a cui prestare attenzione sono alcune sezioni un po’ strette e scavate … e a non farsi distrarre dal panorama veramente importante …

traìl 1 top lak3s traìl2

Si lascia ancora correre la bici giu’ per i prati, il trail ha un flow naturale che lo rende molto divertente, con ampie curve su dolci pendii, #nientedidifficile , ma cerchiamo di non farci prendere dalla voglia di correre, in quanto il sentiero, anche se palinato e inventariato vtt ffc (federazione francese ciclismo) è prevalentemente frequentato da escurionisti a piedi.

m3

A breve imcrociamo uno stradotto trattorabile, che ci condurra’ sulla strada del piccolo moncenisio. Da qua non resta che godersi ancora un po’ di lungolago, che lascia sempre senza parole, per poi concludere lo splendido giro.

lungolago

Colcudendo circa 20 km (qualcosa in piu’ se si chiude l’anello completo, io ho avuto la fortuna di farmi accompagnare dai miei che hanno fatto una passeggiata in zona) , 700 mt di dislivello, salita tranquilla, panorami da urlo. Discesa per tutti, frontini inclusi, ottimo
itinerario estivo in quota per scappare dal caldo … molto interessante anche come prima esperienza di guida su sentiero naturale per chi è agli inizi 😉

Traccia (nb anello non chiuso, ma facile da chiudere seguendo l’asfalto)

relive

Relive ‘Col sollieres’


Singletrack de l’infernet 2018

Singletrack de l’infernet 2018 (da Monginevro)

A 1 anno di distanza ritorniamo a percorrere il singletrack de l’Infernet… Giusto per rinfrescarci la memoria stiamo parlando di un trail
classificato come nero da FFC-VTT, che dalla zona del fort du Gondrand (Monginevro) scende con piu’ o meno stretti tornanti verso Briancon.
Lo scorso anno, con la Specy da appena 1 settimana, il suddetto trail si era rivelato parecchio ostico su molti tornantini .

STavolta non sono sola, ma in compagnia di Angela delle #ragazzefreeride , con cui ho gia’ avuto occasione di condividere alcuni splendidi giri in Liguria 😉

Per rendere la salita piu’ accettabile partiamo da Monginevro. Da qua in un paio d’ore maciniamo circa 650 d+ , fino al fort du Gondrand,  da cui devieremo per l’infernet.

gondrand 1

Come da ricordi, si inizia con un lungo e veloce attraversamento di ghiaioni in mezzacosta. Poi la musica cambia completamente, ed eccoci entrare nel famoso singletrack. Il sentiero si snoda serpeggiando nei boschi, con un infinita’ di curve di diverso raggio intervallate da qualche sezione piu’ flow.

ghìaìonì

curvaaaa

flow...
Stavolta, sara’ per la presenza di Angela che ha fatto sempre da apripista, le difficolta‘, pur essendo presenti, non sembrano essere cosi insormontabili, e il lungo trail scorre alla grande sotto le nostre ruote, impegnandoci quanto basta e regalandoci grande gioia e soddisfazione ad ogni tornante chiuso.
Anche in questo caso il video è piu’ eloquente di 1000 parole ….


Come tutte le cose belle anche questo trail ha un lieto fine … o quasi … La partenza da Monginevro ci ha scontato 500 mt di dislivello sul giro fatto da briancon e 300 sulla prima salita … ma comunque abbiamo perso 300 mt nei confronti di Monginevro, e dunque ci tocca un’ultimo, apparentemente eterno sforzo per risalire, inseguite dalle nuvole sempre piu’ nere …

Scampiamo il temporale e concludiamo con birretta di rito e caffè (inastpettataamente italianissimo e ottimo) .

Sintetizzando, la partenza dal Mongi permette fondamentalmente di arrivare sul lungo trail piu’ lucidi rispetto alla salita da briancon effettuata lo scorso anno. Certo risalire non è stata – almeno per me una passeggiata di salute, ma senza dubbio meglio questa versione che non quella da 1200 d+ e 14 km di interminabile salita.
Non posso non essere super soddisfatta dei progressi fatti nello stretto. Ben inteso che le “condizioni al contorno”, ovvero compangia super, terreno,
sentiero mai pericoloso hanno fatto la loro, ma le curve le abbiamo fatte io e la biciona verdina …

Un grandissimo ringraziamento va ad Angela, super Ragazza Freeride senza paura, che ha condiviso com me questo giro ed è coraggiosamente sempre stata avanti . Speriamo di ritrovarci presto sui trail 😉

Traccia versione Monginevro


MTB: Traversata Valle Stretta Nevache

Dalla Valle Stretta a Nevache passando per il lago Thures

L’ispirazione per questo giro nasce da una traccia vista su vtt-brianconnais, sito francese che offre svariate idee per giri vicino al confine … Del resto nella “valle che resiste”  l’enduro non esiste , o meglio al di fuori di quanto concerne i bikepark è difficile trovare informazioni e tracce aggiornate e sicure sulla ciclabilita’ in discesa dei tanti trail esistenti.

Con il lago thures e il sentiero d’accesso da risalire rigorosamente a spingismo , avevo gia’ fatto conoscenza tanti anni fa, percorrendo una variante di questo giro ma con discesa piu’ breve sul colle della Scala.

Stavolta invece l’obbiettivo è lo scollinamento su versante Francese, con eventuale pickup in caso di maltempo …… Sempre su vtt-brianconnais un video lascia ben sperare in una discesa che dovrebbe valere la fatica della salita: in soldoni 400 mt di dislivello positivo in 3 km tutti da fare a spinta, lungo un sentiero raramente pedalabile, non tanto per le pendenze, quanto per le frequenti radici … sentiero che potrebbe essere carino in discesa, ma questa è un’altra storia da affrontare magari fuori stagione, essendo il trail frequentatissimo da escursionisti sia italiani che Francesi.

spingismo 1 spingismo 2

Dopo 1h e 10 minuti di fatica, raggiungiamo finalmente la splendida piana del lago Thures, che fa bella mostra di se , riflettendo nella sua limpida acqua le alture circostanti e le nuvole che iniziano minacciose a poplare il cielo …

nuvoloni 1 nuvoloni 2

Non solo nuvole … ahimè il cielo inizia anche a tuonare, ma la voglia di completare il giro è alta … Si iniziano ad attraversare le praterie su un scorrevole e veloce singletrack, lungo cui il telefono riprende segnale e riesco ad organizzare il pickup in macchina con i miei sul versante Francese. Il singletrack facile e tranquillo attraversa un colle, e da qua la musica cambia … lasciando spazio ad un infinita’ di tornanti su fondo smosso a tratti esposto.

curva esposta

Non ci sono parole per descrivere la bellezza di questo trail non facile, tutto da guidare, a tratti esposto e con terreno a volte ostico, pendenze mai estreme ma una bella serie di tornanti a gomito fortunatamente non troppo stretti … Il video vale piu’ di 1000 parole …..

Verso il fondovalle l’ultima difficolta’ è data da un guado, che affronto ormai sotto la pioggia battente. Guado la cui osticita’ non è causata dall’acqua, ma dal “salto” tra la strada e il letto del fiume, non indifferente, che mi costringe ad uno scivolone lungo una ripida rampa argillosa di difficile accesso (non cicalbile in maniera alcuna) …. ultimi metri su uno stradotto ormai largo e compatto, sempre sotto la pioggia, fino al termine dell’avventura in un piccolo slargo accessibile alle auto in cui mi aspetta la mitica Panda 4×4 .

Un giro che merita, che rimarrebbe comunque fattibile (meteo e tempistiche permettendo…)  anche come anello sul Colle della Scala (si aggiungono circa 200 mt d+ di tranquillo asfalto) che in tal caso aggiungerebbe un’altro simpatico singletrack a mezzacosta in discesa, oltre che ulteriori possibilita’ di allungo integrandolo nel precedente giro in Valle Stretta.

Concludo con il Relive, mentre per la traccia vi lascio a quella di VTT Brianconnais(giro num 47) … ultima nota, molto probabilmente – meglio se fuori stagione – gli elettrici potrebbero effettuare il giro in senso opposto, pedalandolo al 100% ….

Relive ‘Laghi thures traversata’