Come usare Relive senza Strava

Come usare l’app Relive.cc senza installare Strava (MTB, GPS)

NB: Ad oggi, 13-07-2019 Relive non funziona piu’ con Strava.

E’ possibile pero’ caricare file gpx direttamente su relive passando dal seguente URL :

https://www.relive.cc/settings/import

Restano valide le procedure di esportazione in GPS per mytrails spiegate successivamente.

Relive, la simpatica app/servizio che vi fa rivedere il vostro giro in bike in 3d su grafica stile google earth, funziona solo con Strava e altri servizi di activity tracking. Purtroppo usare Strava come app di tracking sul telefono non e’ sempre il massimo, visti i limiti della versione base, che si limita solo a tracciare la nostra attivita’ senza permetterci di seguire una traccia altrui e senza funzionalita’ cartografiche. Questo e’ molto limitante se stiamo sperimentando giri nuovi.
Come si puo’ fare quindi ad avere comunque il nostro filmato relive ?
L’operazione e’ relativamente semplice, e’ consigliato utilizzare un computer, ma con un po’ di pazienza si riesce anche a fare tutto
da cellulare android.

relive home

1) Registriamoci su Strava ( www.strava.com ) . Il mio consiglio e’ di usare un nickname e non il vostro nominativo, infatti strava e’una delle fonti usate dai ladri specializzati per individuare biciclette da rubare. Sempre a tal proposito consiglio di compilare solo i campi obbligatori del profilo. Vi consiglio di registrarvi con l’opzione “use my email“/”usa email” e di non collegare l’account a facebook o a google, sempre per ragioni di privacy.
Vi consiglio di effettuare questo passaggio da computer. Se proprio volete usare lo smartphone, impostate il browser in modalita’ desktop
(opzioni chrome -> require desktop site)

strava email

stava phone

2) Da cellulare, scarichiamo l’app relive.cc dal play store. Registriamoci (1) e scegliamo “login with strava (2)” . A questo punto verremo reindirizzati sulla pagina mobile di strava, effettuiamo il login ignorando gli inviti ad installare la app. Ci si puo’ anche semplicemente registrare su relive.cc senza installare alcuna app, il limite di questo e’ che non potremo aggiungere foto ai nostri relive video.

relive play store

releive.cc registrazione

3) A questi punti siamo pronti a creare il primo relive. Se usiamo mytrails, le tracce in formato GPX sono in $_STORAGE/mytrails/GPX dove $_STORAGE puo’ essere o la memoria interna o l’sdcard del telefono. Possiamo accedere a questa cartella dal gestore file del nostro smartphone
(se non ne abbiamo uno installiamolo dal play store, ad esempio possiamo prendere ES file explorer) . Individuiamo la traccia di cui vogliamo fare il relive video. Possiamo operare in due modi: o copiare la traccia sul computer (via bluetooth, email, telegram o come preferite) o fare tutto da cellulare. cartella gpx

EDIT : con l’update alla versione 2.1 di mytrails, non si riesce piu’ ad usare il file gpx copiandolo o caricandolo direttamente dal file system del telefono in quanto questo risulta corrotto. Bisogna prima esportare il file direttamente da mytrails, menu tracce , selezionare il file da esportare (tenere premuto sullo schermo per farlo diventare evidenziato) , premere il pulsantino in alto a destra con i 3 puntini e scegliere salva traccia. A questo punto nel mio caso mi viene proposto di salvare su google drive, ma le possibilità potrebbero cambiare da telefono a telefono. 

strava xport
In entrambi i casi (telefono o pc) dovremo poi andare su strava.com , accedere con le nostre credenziali e scegliere upload activity/carica attivita’.
Scegliamo poi file (archivio), e carichiamo il nostro archivio GPX . Nel caso di versione nuova di mytrails dovremo recuperare il file GPX da google drive o altra location in cui è stato salvato. 

Strava elaborera’ il file ritrovando mappa, segmenti, altimetria.
Diamo un nome al giro e accertiamoci che la visibilita’ sia pubblica. Se operiamo da cellulare, stiamo attenti ad usare il sito desktop
(dalla versione mobile strava non lascia fare quasi niente e cerca di costringerti ad usare l’app) . Se ,sempre da cellulare dovessimo
incorrere in errori di permessi di accesso al filesystem del telefono, possiamo bypassare uploadando il file gpx su google drive oppure
provare a modificare i permessi di chrome o cambiare browser. Al momento questo errore lo ho riscontrato solo sui telefoni samsung recenti.



strava gpx strava upload

strava upload mobile

4) Una volta salvato il file su strava, l’app relive ci inviera’ una notifica. Apriamo l’app , anche qua dovremo dare un nome al nostro video e poi potreemo aggiungere fino a 10 foto al relive. Diamo l’ok e relive iniziera’ l’elaborazione. Al termine del processo riceveremo un’altra notifica e anche una mail con il nostro bel video pronto , tipo questo :

https://www.relive.cc/view/1131965799

Buon divertimento e buone pedalate 😉


pub

 

GPS su Android : guida rapida per non perdersi in MTB

Il GPS (global positioning system) e’ stato il sistema che mi ha permesso di riprendere a pedalare senza conoscere percorsi in zona e/o disporre di amici bikers volenterosi di fare da guida. Non ho un gran senso dell’orientamento, quindi vi posso assicurare che se lo uso io lo puo’ usare chiunque.

Come funziona e cosa serve ? In questo articolo utilizzeremo uno smartphone Android e l’app MyTrails, e ovviamente la traccia GPS che ci interessa in formato GPX.

Black Friday - 300x250

Trovare le tracce non e’ difficile. Certo dobbiamo avere almeno una vaga idea di dove vogliamo andare. Ad esempio sul sito di MTB Formello trovate quelle dei simpatici e facili trails enduro Scoiattolo, Cinghiale e Volpe, per la Liguria su PortofinoBike ci sono alcune tracce delle prove speciali della gara di SuperEnduro, tornando qua a pochi km da Roma e in particolare al mio amato Montecavo la cosa e’ stata un po’ + complessa, e vi offro io la traccia del Giuliana + 3 + piccola variante , che e’ una buona base di partenza per chi vuole divertirsi in modalita’ #salgoperscendere sull’antennuto montarozzo.

In primis pero’ dobbiamo installare MyTrails : lo trovate sul play store qua.  Le tracce possiamo scaricarle direttamente sul telefono oppure copiarle dal computer al telefono in bluetooth o come preferiamo, l’importante e’ che il file abbia estensione .GPX . Una volta che scarichiamo – o apriamo dal cellulare un file GPX Mytrails chiedera’ immediatamente di dargli un nome e importarlo.

screenshot_2016-11-18-14-09-15

Nell’esempio sto usando la traccia di montecavo, quindi daro’ un nome di conseguenza. Ora MyTrails ci fa vedere la traccia, e se abbiamo la posizione attiva (e siamo in zona) ci mostrera’ la nosra posizione con un pallino rosso nei confronti della traccia.  Automaticamente, sempre se abbiamo la posizione attiva l’app comincera’ a registrare i nostri spostamenti, generando una nuova traccia di un altro colore. Guardando sullo schermo possiamo capire la nostra posizione nei confronti della traccia, e di conseguenza riuscire a seguire la strada giusta.

screenshot_2016-11-18-14-12-35

Di default mytrails utilizza le mappe militari IGM. Vi consiglio dal menu mappa (disegnino mappa in alto alla vostra dx) di usare openhiking map, al momento la piu’ adatta alla bike tra quelle disponibili.

screenshot_2016-11-18-14-13-25

durante il giro oltre che vedere la nostra posizione possiamo anche accedere alle statistiche, in cu ci viene indicata velocita’ istantanea, media, km percorsi e dislivello.

screenshot_2016-11-18-14-13-53


A fine giro dobbiamo salvare la nostra traccia, spingendo il bottone rosso “stop”. Mytrails ci chiedera’ un nome e salvera’ la traccia in locale sul telefono.

screenshot_2016-11-18-14-14-29

Se vogliamo possiamo poi copiarla su computer e usare strumenti di analisi piu’ precisi per vedere il nostro percorso (ad esempio l’app gpx viewver per il browser google chrome, o lo stesso Google Earth).


Black Friday - 468x60