Mtb: Civitavecchia la bestia nera …..

La bestia nera and more ….

Ovvero rotella alto, granata intermedio e basso, ed  appunto la bestia nera: sono stati i trail protagonisti del raduno pre natalizio che ha coinvolto i gruppi dei local Sbroccati (i creatori e manutentori dei trail di Civitavecchia ) , bicinatura e alcuni altri amici tra cui gli elettrici già compagni di altre avventure Guido e Giuseppe .

Ho gia avuto modo in passato di parlare della bellezza della zona e dei rispettivi sentieri, ma stavolta saliremo per un precorso alternativo, un pelo più lungo ma più scorrevole. Arrivo in cima per ultima, tanto per cambiare. Anche se il gruppo è fondamentalmente muscolare il livello è alto, il che mi fa presagire che per le risalite successive sarà meglio farsi aiutare da Giuseppe e la sua e bike .

Ripetitori

Il primo trail previsto è il Rotella alto, già conosciuto. Presenta una nuova variante molto tecnica che preferisco evitare. Proseguiamo con Granata, che conoscevo solo in parte. Questo è un trail che alterna qualche parte più flow ad altre più pedalate, con un immancabile rockgarden.

Rockgarden granata

Si risale senza pause …. Ed è proprio il senza pause che impone il cavo da traino sulla rampa che dalla valle del marangone risale ai ripetitori. Riconquistata (si fa per dire) la vetta inizia il pezzo forte del programma ovvero la Bestia Nera. La parte alta inizia con un buon flow e alcuni salti , tutti evitabili, si chiude con un rockgarden e un faticoso rilancio.

Rotella top

Nella seconda parte, si inizia a ballare : passaggi su roccia di ogni genere più o meno semplici , insomma un giusto preludio a quanto mi aspetta a breve in Liguria. I freni e le sospensioni da poco revisionate fanno il loro lavoro, ritrovo la confidenza smarrita grazie anche al supporto del gruppo, ed ecco che la specy ritrova il piacere di affrontare dei bei roccioni .

Bestia nera rock

Video

Globalmente, mi reputo soddisfatta di come ho superato alcuni passaggi non proprio banali… Il trail si conclude con un divertente guado che poi ci riporta all ultima risalita

video

il giro si conclude con un tracciato inedito, la prova speciale 4 della gara di due anni fa … Niente di difficile , un veloce stracotto con qualche tratta scassata che conferma il buon lavoro fatto sulle sospensioni.

Stanca e provata più che altro dall intensità del giro, completo anche io il giro … Molto molto bello da ripetere senza fretta , con la salita classica o dal cancello rosso. Soddisfatta delle mie performance e invitata a fermarmi al pranzo organizzato dai locals Sbroccati , ben accetto la mangiata conclusiva.

Civitavecchia si conferma un ottima location per migliorarsi senza andare troppo lontano, conto di tornarci più spesso ora che il mio confiidence level è quasi tornato al top.

Grazie a tutti per la compagnia e la pazienza, e come sempre speciale menzione va a Marco di bicinatura per le bellissime foto.

Relive

Relive ‘Ripetitori sbroccati’

Per la traccia vi rimando ai giri in zona precedenti

 

MTB : monte Pellecchia

Monte Pellecchia, hardcore Spingismo .

Si avvicina il fine settimana …. Finalmente il meteo è buono, e ho voglia di fare un giro nuovo. La proposta per il weekend degli amici di bicinatura è il “monte” Pellecchia, 1300 mt slm , 750 d+ di cui la metà circa a spingismo . Complice il mio desiderio di mettermi alla prova nell ordine di riprendere anche con lo snowboard alpinismo quest inverno, decido che il suddetto giro si può fare.

La giornata non inizia nel migliore dei modi: la posizione di partenza viene mal interpretata da Google , che mi manda su un improbabile sterrata ….

Lost

Il telefono non prende, ma incrociando la traccia con la posizione il gps mi fa capire che siamo fuori mano. Quasi convinta di non recuperare il gruppo reimposto il navigatore con destinazione monteflavio, e riesco a recuperare il gruppo anticipando in macchina 1km circa di salita.

Finalmente siamo in sella, e ci apprestiamo a salire su una comoda sterrata fino ad una radura. Da qua si iniziamo ad alternare piccoli saliscendi in singletrack a tratte a spinta. Il contesto è comunque molto piacevole.

Up 1

Updue

Uprew

Purtoppo nel giro di poco le cose cambiano, e ci apprestiamo ad affrontare lo spingismo, quello vero. Trattasi di inerpicarsi su una cresta dal fondo erboso/pietre fisse, con pendenze importanti ove saltuariamente tocca sollevare la bici. In circa un ora di fatica abbastanza pesante per gambe e braccia si raggiunge la vetta, contrassegnata dall’immancabile croce. Il panorama è stupendo, in lontananza si scorge addirittura qualche vetta innevata.

Pellecchia to top Pellecchia rock Pellecchia skiline Way to top Creste pellecchia

La fatica non è ancora conclusa, per arrivare alla meritata discesa tocca un saliscendi, o meglio sali e spingi, su altre due crestine, reso più piacevole da qualche divertente discesetta su fondo misto erba pietre fisse.

Me

Rocks kiaz

Raggiunta l’ultima cresta ovvero la cima del monte Pellecchia si riprende fiato godendoci il panorama e ci si prepara alla conquistata discesa

Rock Way Snow far Pellecchia to Kiaz cross

Le foto rendono più di 1000 parole … Quel che non esprimono è l estrema fatica fatta x arrivare lassù . Ma finalmente si scende .

La discesa fa parte, almeno nel primo segmento, del #diversamentescorrevole , resa ancora più impervia dall ampia presenza di foglie che coprono la linea. Tutto sommato riesco a difendermi tranne che in qualche passaggio più angusto e smosso. Un fondo non facile ma comunque gestibile , effettuabile in sella al 90% con la mia attuale tecnica. Un grosso aiuto ė arrivato dai nuovi freni shimano xt m8000, che con le loro piccole leve ed un ottima modularita’ si sono dimostrati ottimi x pesi leggeri e mani piccole. Finalmente uso il freno com un dito anche sul tecnico, con conseguente miglioramento del controllo della direzionalita’ del mezzo.

Down the leaves

Conclusa la prima fase di discesa ci aspetta un breve ma faticoso rilancio pedalato, per poi imboccare l’ultimo singletrack , flow su fondo breccioloso, divertente ma purtroppo breve. Dopo un ultimo pezzo su sterrata carrabile ritroviamo l abitato di monteflavio ed un km più avanti ritrovo il mio inseparabile qubo.

End

Conclusioni: un giro “all mouuntain” non per tutti, dove nella forma mentis deve prevalere l interesse a raggiungere la panoramica vetta, piuttosto che l aspetto di effettiva ciclabilita’ . Mettiamoci anche che la discesa non era in condizioni ottimali e ciò, almeno per la mia personale opinione, ha limitato un po’ la componente del puro divertimento . Per fare un doveroso paragone con il mondo del backcountry, snowalp e skialp, è come quando si cerca e spera di trovare powder e poi ti ritrovi a ravanare su tracciato o neve trasformata. In ogni caso per gli amanti della natura e delle location selvagge e fuori dalle rotte è una meta da considerare. Un ultima nota positiva riguarda il miglioramento del mio confiidence level , che dopo l infortunio mi aveva parecchio frenato sul tecnico scassato. Oggi di questo non posso lamentarmi ….

Grazie come sempre x le foto on bike a Marco di bicinatura .

Relive

Relive ‘Pellicchia hardcore’

Traccia

 

 

MTB: Tecnica – il BunnyHop

Bunnyhop questo sconosciuto !!

Lo ammetto, è da quando vado in mtb, quindi da davvero tanto tempo, 25 anni almeno che desideravo riuscire ad imparare a saltare un ostacolo
con entrambe le ruote senza l’ausilio di denti(kicker) o rampe .
La suddetta skill prende il nome di bunnyhop (salto del coniglio) , cercando su google e youtube troviamo quintali di video che tentano di spiegare come arrivarci, ma nel mio caso gran parte di questi sono stati di poca utilita’ pratica.
Dunque dato che credo che altri/e riders al mondo abbiano le mie stesse difficoltà, provo a spiegarvi come ci sono recentemente arrivata.

Facciamo una premessa : questo howto puo’ funzionare nel caso in cui il vostro scoglio (come nel mio caso) sia l’incapacita’ di alzare singolarmente la ruota posteriore senza aiuto dei freni (rear wheel lift). Nel caso in cui la suddetta manovra vi riesca, probabimente uno dei tanti howto classici risolvera’ il vostro problema piu’ velocemente e efficacemente del mio.
Se invece come me proprio non riuscite a capire come tirare su quella maledetta ruota, provate a seguire il mio percorso.
Nella seconda e terza fase (volendo anche nella prima) potrebbero tornarvi utili birilli (vanno bene anche bicchieri di plastica, e astine per crearvi l’ostacolo. Aggiungo che un prerequisito è avere un minimo di confidenza con i salti, sopratutto di tipo step up (panettone)

Fase 1 – Manualalziamo la ruota davanti. Mettiamoci fin da subito in testa che dovremo alzarla almeno il doppio dell’ostacolo che dovremo cercare di superare. Per aiutarci comprimiamo la forcella caricando il peso, poi distendiamo braccia e gambe sbilanciandoci all’indietro. Non dobbiamo necessariamente sforzarci di restare in equilibrio a lungo, la cosa importante è alzare il piu’ possbile la ruota. Si tratta di guadagnare elevazione. Per aiutarci, possiamo costruire un ostacolo a ponticello e sforzaci di abbatterlo con la ruota anteriore.

manual

Fase 2 – dente.  Alla base della realizzazione del bunnyhop c’è il saper saltare staccando entrambe le ruote su un panettone o step-up.
L’approccio a questo tipo di struttura vi aiutera’ a capire come spostare i pesi in aria. Da qua per portare il tutto sul “flat”, sara’ solo una questione di esasperazione e velocizzazione dei movimenti.
Quindi, troviamo un piccolo dente o un panettoncino, e sforziamoci di saltare staccando entrambe le ruote e atterrando a ruote pari o al massimo prima con l’anteriore (senza esasperare) … Carichiamo le sospensioni approcciando il dente, e appena sentiamo la ruota davanti staccare assecondiamo la parabola spostando il peso centralmente-anteriormente. Questo movimento viene abbastnza naturale a meno di non fare errori quali il rimanere col peso arretrato.

Fase 2b dente con ostacolo
Per complicarci la vita e esasperare il movimento, mettiamo un ostacolo oltre il dente, leggermente piu’ alto dello stesso.
L’obbiettivo è saltare l’ostacolo, atterrando sempre a ruote pari o leggermente prima sulla ruota davanti.
Questo esercizio per me è stato la chiave di volta per riuscire a sollevare in aria il posteriore in maniera adeguata e fare in automatico tutti quei bei movimenti a me incomprensibili (tipo gira le punte arpiona i pedali) spiegati nei vari tutorial su youtube …
Quindi provare provare provare finchè istintivamente supererete l’asticella senza farla cadere 🙂

Fase 3 – Flatland !!

Proviamo ora a riprodurre tutto su un terreno pianeggiante. Costruiamo un piccolo ostacolo, nel mio caso ho usato i birilli bassi (i cosiddetti cinesini) e un asticella. Possono andare bene anche i bicchierini del caffè.
Avendo saltato l’asticella con il dente, dovremmo aver acquisito la memoria muscolare necessaria a fare “nostro” il movimento.
La chiave è, dopo aver capito la base, ripetere ripetere ripetere !!!!
Prendiamo dunque una discreta rincorsa, che ci permetta di smettere di pedalare alcuni metri prima dell’ostacolo e approcciare il sollevamento dell’anteriore. Una volta che abbiamo la sensazione di essere con la ruota davanti ben sopra l’ostacolo, richiamiamo il posteriore dando un colpo di reni (punte dei piedi verso il basso) e spostando il peso verso l’anteriore. Per esasperare l’idea e per farvi capire la sensazione che io ho cercato è quella che si puo’ avere tentando di fare una capriola (o meglio una verticale) su un ostacolo piu’ alto
del terreno. Mentalmente puo’ aiutare anche l’idea di “fare un tuffo di testa da bordo vasca con la bici”.
Sono tutti collegamenti con altre discipline che possono aiutare a trovare la propria strategia. Si tratta di un movimento di non facile schematizzazione, un po’ come l’ollie con lo skateboard, quindi ripeto, la chiave è provare provare provare.

Ora vi chiederete: perchè ho voluto provare tanto il bunnyhop e scriverci addirittura un articolo sopra ?
Beh, da un po’ avevo in programma di iscrivermi al corso per maestri di MTB Fci di primo livello, e il bunnyhop è uno dei requisiti per la
selezione. Selezione che ieri 27/10/2018 ho superato con successo intraprendendo questa nuova avventura 😉
Per la riuscita del tutto è stato fondamentale l’aiuto dei ragazzi della Oneleven MTB School nella struttura dell’AllPark Roma. Senza l’aiuto dell’istruttore Dario (l’idea di mettere un ostacolo piu’alto del dente – che è stata la chiave di volta – è sua) questo percorso sarebbe stato molto piu’ lento e complesso.

22-11-2018 –  edit: il lavoro continua in ottica esame  finale tm1 ….insistendo sono riuscita a saltare un tronco … la tecnica è ancora grezza, c’è da lavorare ma abbiamo un buon punto di partenza 😉

 

View this post on Instagram

 

#bunnyhop #improving #mtbschool #way2tm1 #mtb #enduromtb #vtt #vttenduro #not4normals #bicionaverdina

A post shared by KiaZ Chiara (@kiazsurfbike) on

Buona pratica a tutti !!!

MTB: Morra Ferogna

Morra Ferogna, l’infernet “de noi artri” … (o quasi)

Morra Ferogna è un’altro trail che da tempo osservavo tra quelli proposti da Bicinatura, un giro AM sui 20 km/800 d+ range 600-1400 mt slm con salita in prevalenza su asfalto anche se non esente da rampe, ed una discesa su trail AM naturale di media difficolta’.
La zona è quella dei Simbruini, gia’ meta di miei altri giri. La partenza dovrebbe essere da Subiaco, ma problemi di orario mi hanno fatto optare per salire in macchina fino a Monte Livata, dove ho incontrato i ragazzi di Bicinatura.

l1vata

Da qua abbiamo ancora una breve, pedalabilissima e panoramica salita su sterrato, che tagliando il monte a mezzacosta ci porta all’imbocco del trail,
in prossimita’ di uno splendido altipiano.

k1az stradottofoto by bicinatura

altopìano morra 1

gruppofoto by bicinatura

Si parte con un rockgarden super tecnico, da me evitato, che risulta essere poi l’unica vera difficolta’ del trail .
Dopodiche’ tornantini piu’ o meno stretti, che a tratti ricordano il singletrack de l’infernet, qualche rockgarden e qualche passaggio
angusto, ma mai niente che non si possa fare. Non manca il flow, sopratutto nella parte conclusiva … parte conclusiva con cui prendo
un po’ troppa confidenza con conseguente caduta e nuova botta al ginocchio infortunato (Vedi Prarotto)



Dopo qualche istante per fortuna il dolore si riduce e riesco a tornare in sella. Ho perso molta sicurezza, e per non peggiorare le cose scendo nell’ultimo passaggio un po’ ostico.
Raggiungo l’asfalto sana e salva o quasi, ma il ginocchio è ancora indolenzito … non me la sento di pedalare la risalita (circa 700 d+ su 12km) e riesco a farmi accompagnare a riprendere il Qubo a Livata.

Qua trovate un video del giro giusto x capire un po’ di cosa parliamo … 

https://www.facebook.com/1564808144/posts/10216992032624082/

Concludendo, un giro da rifare conquistandolo a pedali, magari con un po’ piu’ di calma per metabolizzare meglio alcune linee … siamo
di fronte ad un trail naturale a cui comunque non mancano parti flow e qualche sezione a pietre fisse liguria like, il tutto condito da
un buon numero di divertenti tornantini.

Da rifare e approfondire.

Relive solo discesa

Relive ‘Discesa morra ferogna’

Per la traccia e altre infos rimando a bicinatura :
http://www.bicinatura.it/index.php/2018/05/15/mora-ferogna/

Ringrazio come sempre tutti i ragazzi con cui ho girato e che hanno avuto la pazienza di aspettarmi, e in particolare Jacopo che ha accompagnato me e i ragazzi del Doblo’ che mi hanno portato su la bici.

Al prossimo giro birra offerta per tutti 😉

Col Saurel e lago dei 7 colori da Sagnalonga

Col Saurel e lago dei 7 Colori

…..
nulla di nuovo per la destinazione del giro, gia’ raggiunta lo scorso anno con il classico giro della Clavierissima da Monginevro/Gondrand.

Per quest’anno l’idea era di replicare ma con salita e discesa dal vesante italiano, ovvero Bousson,strada del Lago Nero, Sagnalonga, Colle Bercia, Col Saurel, lago 7 Colori, Capanna Mautino, discesa per il trail gia’ esplorato in un precedente giro.
Partendo da Bousson sono circa 950 d+, che io ho scontato a 600 guadagnando la parte piu’ scassata grazie alla panda 4×4 dei miei.
Preciso che la scelta di guadagnare quota in macchina è dovuto al tempo instabile di questo agosto, che mi ha costretto ad optare spesso e volentieri per giri piu’ brevi del previsto.
Lasciata la strada del lago Nero, si continua mezzacosta con saliscendi tranquilli ottimi per scaldare le gambe (o per riprendere fiato
nel caso partiti dal basso) fino a SagnaLonga, il tutto attraversando freschi boschi di larici dai quali si intravedono come sempre paesaggi notevoli … si incrocia anche un piccolo laghetto i cui riflessi meritano una foto.

pozza

Da SagnaLonga si sale, sempre tranquilli, lungo una strada che d’inverno è una pista verde, fino al Colle Bercia. Mi fa un certo effetto
rivedere d’estate posti che ho sempre conosciuto in versione invernale, compresi i paravalanghe da cui inizia un noto taglio fuoripista …
Si guadagna facilmente il colle Bercia, dove inaspettatamente trovo una fontana da cui ricaricare acqua. inutile dire che da qua in su la vista su Dormillouse, Pic de Rochebroune, Fournier, Giassez la fa da padrona.

rochbrun saur3l rochb1 b3rc14

Si prosegue verso il Saurel, da qua il fondo peggiora e arriva anche qualche rampa, tutto comunque pedalabile tranne una breve rampa dal fondo
smosso … Scolliniamo il Saurel e memorizziamo la palina che indica il trail di discesa.

Discesa e foto di rito al gia’ noto lago dei 7 colori, risalita a spingismo fino al colle e siamo pronti ad imboccare il singletrack.

m3 lago 7 colors lago 7 col

Come da aspettative, eccoci di fronte ad un bel flow trail che scende tra le praterie con ampie curve e poche difficolta’ … terreno un pelo
brecciolino ma con una discreta tenuta, anche se addirittura la perdita di tenuta diventa divertente in certe circostanze … uniche  cose a cui prestare attenzione sono le immancabili canaline tipiche dei natural trails oltre che gli escursionisti in salita, poco abituati alle presenza delle bici . L’ultima sezione che si imbocca dopo aver attraversato lo sterratone che sale da Capanna Mautino è un po’ piu’ tecnica, e si chiude con un divertente step-up su cui staccare le ruote proprio dietro al rifugio.

maut1no lago saur3l

Dopo una brevissima pausa decido di allungare il giro inserendo un breve anello attorno al lago di Fontana Fredda, a circa 1.5 km dalla Capanna Mautino … Un paio di rampe ci introducono su un singletrack quasi pianeggiante che costeggia il laghetto, qua non c’è niente di tecnico, ma un panorama di alta montagna come pochi altri ….

fontana fr3dda fontana fr3dda1



Rientriamo alla Capanna Mautino girando attorno al laghetto e da qua impostiamo la discesa del rientro, seguendo per un po’ il percorso
della Clavierissima per poi tagliare verso Bousson, sul trail gia’ percorso in precedenza, molto naturale con qualche sezione tecnica gudata
nella prima parte, poi flow nei prati per concludere con qualche tratta un po’ cuocifreni ma sempre floweggiante

Giro apprezzabile a 360, sia per la location che x i trail percorsi, un pelo meno impegnativo nella prima discesa rispettto alla versione Monginevro-Val Gimont

Relive –>

Relive ‘Saurel versante it’


Traccia –>

MTB: Capanna Mautino

Capanna Mautino – anello da Bousson

Ancora una volta in alta Valsusa, e a sto giro ci resteremo per 3 settimane, quanto basta per girare in lungo e in largo su nuovi e vecchi trail.

Cominciamo con un giro apparentemente corto e facile, in zona Lago NeroMonti della Luna. Trattasi di una versione ridotta di una traccia alternativa per il Col saurel, limitando il giro a poco meno di 700 mt d+ , piu’ che sufficenti a riprendere confidenza con il terreno alpino, ben diverso da quello appenninico.

La salita fino al Lago Nero la abbiamo gia’ conosciuta un mesetto fa : 7 km noiosi quanto bastano con un fondo instabile e breccioloso duro da digerire. Mai pendenze eccessive, tutto pedalbile, ma non propriamente scorrevole. Anche il clima, decisamente caldo per il range di quota (1400-2000) non concilia la pedalata, che procede scattosa e non esente da soste.

In compenso, come sempre il panorama sul lago e la sua conca ha sempre il suo perchè .

lago nero 3 lago nero 2 lago nero 1

Dal lago Nero si guadagnano ancora circa 70 mt d+ con una mezz’ora di spingismo, fino alla Capanna Mautino. Anche da qui la vista sul Fournier e col Begino ricompensa della fatica.

capanna mautino

Finalmente, dopo 8km totali di salita e 670 d+  si inizia a percorrere dei singletrack . Si attacca con un mezzacosta saliscendi parte della marathon Clavierissima, un po’ spaccafiato ma piacevole, panoramico e comunque divertente. Il fondo è molto secco e presenta qualche antipatica pietra mobile, ma nel complesso #nientedidifficile.

bivio

Incrociamo un bivio da cui inizia la discesa vera e propria, verso la strada di collegamento a SagnaLonga. Il sentiero attacca con una pendenza costante mai eccessiva, terreno sempre molto secco e a volte sporco, linee multiple da scegliere, qualche passaggio su radici. Tutto molto da guidare e da leggere le linee, su trail naturale senza sponde o altre amenita’.

trail dh

Il trail attraversa poi nuovamente la strada di sagnalonga , e da qua cambia genere. I boschi lasciano spazio ad ampie praterie, in cui la traccia – che in origine doveva essere una double o una trattorabile – spesso scompare o quasi, e ci costringe ad un divertente freeride in erba alta, il tutto condito da panorami non indifferenti da cui non farsi distrarre troppo 😉

trail 2 trail prati pratoni

Si alterna ancora qualche parte piu’ stretta nei boschi ad altre in cui destreggiarsi tra erba alta e ortiche, concludendo nella strada di salita.

Manca ancora un’ultima parte che risulta purtoppo molto sporca, consiglio di evitarla e di seguire la traccia di salita sulla larga sterrata.

Concludendo, una discesa lunga (6km circa ), varia, sempre naturale e mai troppo complessa. Un giro all-mountain facile senza eccessi ne in salita ne in discesa, ottimo per chi si avvicina o deve riprendere confidenza con la disciplina.

Relive

Relive ‘Capanna mautino’

Traccia

 

Origins – Origini

Non si dimenticano e non si cambiano

All’alba degli anta, in un annata che ha visto molti cambiamenti sul profilo lavoratvo, mi ritrovo a sfogliare a ritroso il mio profilo facebook (facebook.com/kiazsurf ) ritrovando foto di momenti perduti, che adesso come non mai sogno di ritrovare e rivivere ….

snow origins

il mondo cambia … non di certo in meglio … si guarda indietro … si guarda una serie di scelte
il surf … un sogno divenuto realta’, che ora per tanti motivi è rimasto un po’ li … tra acciacchi fisici e possibilita’ limitate di decidere del proprio tempo, crescita esponenziale dei praticanti sta lasciando nuovamente il posto alle mie vere origini.

snow jump

Non si puo’ negare … se cresci sui monti questo ti segna.
Magari per un po’ neghi, rifiuti, vuoi scappare, vuoi conoscere l’elemento liquido ….

elemento liquido che dopo 11 anni ti porta al capolinea, perchè quello che potevi fare lo hai fatto …
a 40 anni non hai piu’ voglia di sgomitare.
A 40 anni preferisci rincorrere il silenzio piuttosto che le onde, anche perchè ormai le onde semi deserte sono un utopia ….

Ricompare lei … con le sue ruote e i suoi pedali … la mia biciclettina … un mezzo eclettico che unisce esplorazione, avventura,
adrenalina e perchè no – fitness …

slay4r

Grazie a Slayerina prima e poi alla Specy ho ritrovato le mie origini …
quelle origini che hanno un elemento ben preciso : la neve, lo snowboard, il backcountry.

bc

Dopo tutto è solo acqua gelata, ma è il meglio dei due mondi. Lo snowboard mi ha portato ad apprezzare la montagna non solo come elemento
da sfruttare in senso gravity, ma per tutto quello che circonda. Ma la neve non è eterna, l’evoluzione delle mountain bike han permesso di ritrovare anche d’estate alcuni concetti -quali il #salgoperscendere – tipici degli sport invernali.

Il concetto di freeride in senso lato è quanto piu’ mi appartiene. Che si tratti di tavola o di bici, di neve o di trails, c’è sempre una linea … e volendo si puo’ anche staccare da terra … interpretare il terreno.

Nel surf il freeride non esiste. Il surf mi ha dato tanto, mi ha insegnato la pazienza.

Ma il tempo passa, e non ci si puo’ permettere di aspettare.
Sono fatta per stare all’aria aperta.
Muoversi è necessario per poter continuare a farlo il piu’ lungo possibile.
Il surf specie in italia non puo’ essere uno sport unico specie da grandi, necessita di una buona preparazione atletica che è difficile mantenere da adulti senza doversi rivolgere ad una palestra. Ma le palestre e la noiosa ripetitivita’ non fanno per me.

Meglio pedalare.
O, se possibile, inerpicarsi tavola a spalle alla ricerca di neve perfetta.

La pazienza è finita. Mountails are my playgrounds, le montagne sono il mio parco giochi … Gravity and my legs are my engine, gravita’
e gambe sono il mio motore.

Anche i trails si “surfano”. Surfing trails is possible.

That’s it … that’s all … ready to get back in my mountains for a while … Pronta per tornare sulle mie montagne per un po’.

MTB Tornimparte 2018

Tornimparte – il Casello

Il rientro al mio attuale mondo reale, ovvero Roma e le difficolta’ che il vivere nella Capitale implica d’estate per un’amante dell’aria fresca e dei monti, è sempre un semi trauma. Aggiungiamoci il ginocchio (piccolo infortunio durante il mio breve break in Val Susa) che non è ancora stabile a complicare le cose e a limitare le scelte … Scelta che cade su Tornimparte, location gia’ esplorata lo scorso autunno  , che offre un range di quota 1000-1500, non il massimo certo, ma si sa, sugli Appennini è difficile trovare flow trail in quota raggiungibili pedalando. Stavolta ci limiteremo al solo trail “Casello“, che offre ben 4 km di discesa abbondanti, con una prima parte molto flow interrotta da qualche breve rockgarden, e un ultima parte con stretti tornantini poco graditi alle mie attuali capacita’ e forma fisica. IIl breve ma divertente giro si sviluppa con circa 500 mt d+, con una salita che prevede un breve tratto di asfalto (2 km) e poi una piacevole e panoramica sterrata lungo la quale troviamo due fonti , ottima cosa per rinfrescarsi dal caldo che si è fatto sentire malgrado l’altitudine.

fontana

Consigliato anche a chi non ama i tornanti, la prima parte è davvero flow e piacevole per tutti.

Relive :

Relive ‘Casello Tornimparte’

Per la traccia vi rimando a quella del precedente articolo

MTB: Lago Nero enduro

Il sentiero misterioso … enduro in zona lago Nero (alta Valsusa – Val di thures)

Nella “valle che resiste” dove l’enduro non esiste, o meglio non è cosi’ praticato e conosciuto come tale location meriterebbe  ogni tanto bisogna uscire dagli schemi e azzardare, fidarsi dell’istinto, delle carte e di chi questa montagna la conosce anche se non da biker.
Gia’ da tempo la zona del lago Nero stava nel repertorio delle possibili esplorazioni, ma data la scarsita’ di tracce o la limitazione di queste a giri palesemente xc su noiosi sterrati avevo sempre rimandato per paura di dover rientrare dalla traccia di salita.

Stavolta un qualcosa salta fuori dal sito gpsies, una traccia che dovrebbe prevedere una discesa su singletrack dal Col Begino verso il  lago Nero , zona di prati abbastanza aperta, ben nota d’inverno a skialpers e snowalpers o backcountry riders che dirsi voglia.

Conoscendo le mie gambe e le pendenze in gioco decido di modificare il percorso optando per salire dalla strada sterrata carrabile che sale da Bousson al lago nero anziche’ da Chabaud in val di Thures … i miei lontani ricordi di backcountry rider mi fanno tornare in mente la pendenza non particolarmente dolce della prima tratta di quel pendio … quindi ben venga il classico sterratone.

val di thuras

Come tante altre sterrate dell’alta Valle, anche questa sale dolce e si lascia pedalare, il fondo lascia un po’ a desiderare data
la prevalenza di brecciolino , ma senza troppe rogne arriviamo al lago Nero, quota 2020 circa.

lago nero

Lo scuro piccolo bacino ha un’aspetto diverso da quello invernale, fatico a riconoscere il circondario che anni fa “surfavo” in snowboard.
Inoltre le recinzioni elettrificate verso le praterie da cui dovrebbe svilupparsi la discesa lasciano presagire un possibile rischio di  non percorribilita’ della traccia. Inoltre i tempi di percorrenza sono stati piu’ lunghi di quelli stimati, quindi comincio a ragionare su percorsi alternativi. Una cosa è certa, fa freddo e conviene allontanarsi dalla conca del lago, ripercorrendo la strada a ritroso fino al bivio che dovrebbe portare al collegamento sull’altro versante della valle. Un brevissimo taglio in singletrack naturale , e  dal ponte inaspettatamente si ricomincia a salire, senza troppa pendenza ma con il solito fondo antipatico che nel giro di alcuni metri si trasforma in pietra fissa simil mulattiera, tanto scomoda da farmi optare per lo spingismo malgrado la pendenza non importante.

chaberton spingismo

Finalmente si arriva al quadrivio, siamo nuovamente risaliti poco sopra i 2000, e tocca prendere una decisione.

quadrivio

Scartando a priori la salita verso il colle Begino, le opzioni di discesa diventano due :

1) Scendere lungo la strada sassosa verso Chabaud ed eventualmente inserire qualche breve taglio su sentiero, e poi percorrere tutta la
sterrata lungo il torrente fino a ritrovare la macchina.
2) Dal quadrivio stacca un singletrack. Sulla cartografia di mytrails è nominato Sentiero dei Forestali. Ha un aspetto non molto invitante,
stretto ma comunque curato … potrebbe essere una sola (fregatura per chi legge da fuori Roma) pazzesca o il trail del secolo …

c’è un solo modo per saperlo … andare a vedere … quindi si sceglie la 2.

L’angusto singletrack inizia con un paio di stretti ma ancora fattibili tornantini , poi un pezzo piu’ scassato ma fattibile che faccio a
piedi perchè vagamente esposto e da sola … a seguire un lungo mezzacosta in leggera discesa stretto ed esposto, senza troppe difficolta’ ma
che richiede cautela e attenzione pena la caduta nel burrone … il trail poi comincia fortunatamente ad aprirsi, offrendo una parte
simpaticamente flow, con ampie curve, le pendenze sono un po’ piu’ accentuate a tratti, ma finalmente non c’è piu’ il burrone quindi
si prosegue con un po’ di piacevole scorrevolezza.

Siamo circa a meta’ traccia o poco piu’. Il pendio si inasprisce nuovamente, e il trail inizia ad andare giu’ a serpentina, sempre  esposto ma con traversi fattibili in sella.
Questione diversa è per i tornanti che diventano sempre piu’ stretti e che necessiterebbero la piena padronanza del nosepress
padronanza che ovviamente io non ho e che mi costringe a scendere a quasi ogni curva, complice anche il recente infortunio e il ginocchio non ancora perfettamente stabile.

trail 1 tornantino

L’ultima parte per fortuna si addolcisce, riusciamo a fare qualche curvetta, e per concludere una parte flow ci riconduce sulla strada sterrata che, costeggiando il fiume, riporta sani e salvi a Bousson e quindi alla macchina

Concludendo, una gita avventurosa con 700 d+ che mi ha fatto scoprire un interessantissimo anche se tortuoso sentiero, ma un indubbia palestra
per imparare a fare i conti con tecnica e paure. Una cosa è certa , che per fare trail non esplicitamente bike oriented il nosepress va imparato, e va imparato in maniera sicura. Deve diventare un automatismo. Solo cosi’ finalmente potro’ godermi appieno questo tipo  di trail, molto frequenti in contesti alpini e non solo.

In bikepark sono buoni tutti !!!

Traccia – Fornita a proprio rischio e pericolo. Come descritto il sentiero non è facile, ha delle affinita’ con il singetrack de l’infernet aggiungendo pero’ il non trascurbile fattore esposizione. La sottoscritta declina ogni responsabilita’ legata all’utilizzo, ognuno deve essere ben cosciente del proprio livello/limiti 


video relive

Relive ‘Lago nero enduro’

MTB Sestrieres Col basset sentiero Bordin

MTB Sestrieres Col basset sentiero Bordin
(e varianti … )

Siamo ormai a praticamente una settimana dall’infortunio, il ginocchio ha dato segnali positivi di discreta stabilita’, quindi si torna a
pedalare su trails naturali. Visto il caldo decido di salire in quota, con un breve giro che dal colle del Sestrieres sale fino al col Basset su comoda strada militare, per poi ridiscendere via singletrack.

bordin 1 bordin 2 bordin 3 bordin 4

La strada che dal Sestriere conduce al Col Basset è scorrevole e tranquilla, con un buon fondo, si lascia pedalare tutta senza spingismo e senza strappi, regalando una vista sempre notevole che rende ancora piu’ motivante e piacevole la salita di 6.5 km circa che ci porta fino a quasi 2500 di quota. In cima l’aria fredda si fa sentire, ma il sole scalda, e trovo riparo dietro alla vecchia stazione della cabinovia per prendere fiato e prepararmi alla discesa.

basset 1 basset 2 basset 3 basset 4

Discesa che parte con uno stretto singletrack naturale, non particolarmente difficile ma che richiede un minimo di attenzione per non incastrarsi nelle frequenti canaline … Il fondo è buono, a tratti un po’ secco, qualche pietra vagante e qualche tratta lievemente esposta impone la dovuta cautela, considerato anche il recente incidente.

A post shared by KiaZ Chiara (@kiazsurfbike) on

single 2

Giungiamo all’incrocio con il noto sentiero Bordin, un singletrack mezzacosta che attraversando un bosco di larici ci condurra’ verso la zona degli “champlas” senza farci perdere quota. Attraversiamo ad un tratto la pista di downhill del Fraiteve, ma basta allungare lo sguardo per capire che al momento non è cosa fattibile. Dunque si prosegue, sempre su tranquillo mezzacosta, fino ad un bivio a cui conviene stare bassi in modo da perdere un po’ di quota. Da qua in teoria incroceremo un’altra strada per tornare a Sestrieres.

Fortuna vuole pero’ che lungo la noiosa doppia traccia in discesa, noto a sinistra un sentiero che si addentra tra i larici. Un rapido check al GPS mi fa capire che ovunque vada non mi perdero’, alla peggio portera’ verso valle. Il trail è contrassegnato da segnali di spray sugli alberi , e viste le ampie curve pare palesemente un trail costruito per le bici. Purtoppo il giochino dura poco , e a breve si rincrocia l’asfalto che ci riportera’ senza difficolta’ a Sestriere.

sestriervs

Un giro in quota, senza difficolta’ eccessive, adatto con la dovuta cautela anche a frontini, con panorami eccezionali e sentieri divertenti.
Insomma il giusto approccio per recuperare da un infortunio mantenendo alti sia la sicurezza che il divertimento 😉

Relive

Relive ‘Col basset sentiero bordin’

Traccia