MTB: Tecnica – il BunnyHop

Bunnyhop questo sconosciuto !!

Lo ammetto, è da quando vado in mtb, quindi da davvero tanto tempo, 25 anni almeno che desideravo riuscire ad imparare a saltare un ostacolo
con entrambe le ruote senza l’ausilio di denti(kicker) o rampe .
La suddetta skill prende il nome di bunnyhop (salto del coniglio) , cercando su google e youtube troviamo quintali di video che tentano di spiegare come arrivarci, ma nel mio caso gran parte di questi sono stati di poca utilita’ pratica.
Dunque dato che credo che altri/e riders al mondo abbiano le mie stesse difficoltà, provo a spiegarvi come ci sono recentemente arrivata.

Facciamo una premessa : questo howto puo’ funzionare nel caso in cui il vostro scoglio (come nel mio caso) sia l’incapacita’ di alzare singolarmente la ruota posteriore senza aiuto dei freni (rear wheel lift). Nel caso in cui la suddetta manovra vi riesca, probabimente uno dei tanti howto classici risolvera’ il vostro problema piu’ velocemente e efficacemente del mio.
Se invece come me proprio non riuscite a capire come tirare su quella maledetta ruota, provate a seguire il mio percorso.
Nella seconda e terza fase (volendo anche nella prima) potrebbero tornarvi utili birilli (vanno bene anche bicchieri di plastica, e astine per crearvi l’ostacolo. Aggiungo che un prerequisito è avere un minimo di confidenza con i salti, sopratutto di tipo step up (panettone)

Fase 1 – Manualalziamo la ruota davanti. Mettiamoci fin da subito in testa che dovremo alzarla almeno il doppio dell’ostacolo che dovremo cercare di superare. Per aiutarci comprimiamo la forcella caricando il peso, poi distendiamo braccia e gambe sbilanciandoci all’indietro. Non dobbiamo necessariamente sforzarci di restare in equilibrio a lungo, la cosa importante è alzare il piu’ possbile la ruota. Si tratta di guadagnare elevazione. Per aiutarci, possiamo costruire un ostacolo a ponticello e sforzaci di abbatterlo con la ruota anteriore.

manual

Fase 2 – dente.  Alla base della realizzazione del bunnyhop c’è il saper saltare staccando entrambe le ruote su un panettone o step-up.
L’approccio a questo tipo di struttura vi aiutera’ a capire come spostare i pesi in aria. Da qua per portare il tutto sul “flat”, sara’ solo una questione di esasperazione e velocizzazione dei movimenti.
Quindi, troviamo un piccolo dente o un panettoncino, e sforziamoci di saltare staccando entrambe le ruote e atterrando a ruote pari o al massimo prima con l’anteriore (senza esasperare) … Carichiamo le sospensioni approcciando il dente, e appena sentiamo la ruota davanti staccare assecondiamo la parabola spostando il peso centralmente-anteriormente. Questo movimento viene abbastnza naturale a meno di non fare errori quali il rimanere col peso arretrato.

Fase 2b dente con ostacolo
Per complicarci la vita e esasperare il movimento, mettiamo un ostacolo oltre il dente, leggermente piu’ alto dello stesso.
L’obbiettivo è saltare l’ostacolo, atterrando sempre a ruote pari o leggermente prima sulla ruota davanti.
Questo esercizio per me è stato la chiave di volta per riuscire a sollevare in aria il posteriore in maniera adeguata e fare in automatico tutti quei bei movimenti a me incomprensibili (tipo gira le punte arpiona i pedali) spiegati nei vari tutorial su youtube …
Quindi provare provare provare finchè istintivamente supererete l’asticella senza farla cadere 🙂

Fase 3 – Flatland !!

Proviamo ora a riprodurre tutto su un terreno pianeggiante. Costruiamo un piccolo ostacolo, nel mio caso ho usato i birilli bassi (i cosiddetti cinesini) e un asticella. Possono andare bene anche i bicchierini del caffè.
Avendo saltato l’asticella con il dente, dovremmo aver acquisito la memoria muscolare necessaria a fare “nostro” il movimento.
La chiave è, dopo aver capito la base, ripetere ripetere ripetere !!!!
Prendiamo dunque una discreta rincorsa, che ci permetta di smettere di pedalare alcuni metri prima dell’ostacolo e approcciare il sollevamento dell’anteriore. Una volta che abbiamo la sensazione di essere con la ruota davanti ben sopra l’ostacolo, richiamiamo il posteriore dando un colpo di reni (punte dei piedi verso il basso) e spostando il peso verso l’anteriore. Per esasperare l’idea e per farvi capire la sensazione che io ho cercato è quella che si puo’ avere tentando di fare una capriola (o meglio una verticale) su un ostacolo piu’ alto
del terreno. Mentalmente puo’ aiutare anche l’idea di “fare un tuffo di testa da bordo vasca con la bici”.
Sono tutti collegamenti con altre discipline che possono aiutare a trovare la propria strategia. Si tratta di un movimento di non facile schematizzazione, un po’ come l’ollie con lo skateboard, quindi ripeto, la chiave è provare provare provare.

Ora vi chiederete: perchè ho voluto provare tanto il bunnyhop e scriverci addirittura un articolo sopra ?
Beh, da un po’ avevo in programma di iscrivermi al corso per maestri di MTB Fci di primo livello, e il bunnyhop è uno dei requisiti per la
selezione. Selezione che ieri 27/10/2018 ho superato con successo intraprendendo questa nuova avventura 😉
Per la riuscita del tutto è stato fondamentale l’aiuto dei ragazzi della Oneleven MTB School nella struttura dell’AllPark Roma. Senza l’aiuto dell’istruttore Dario (l’idea di mettere un ostacolo piu’alto del dente – che è stata la chiave di volta – è sua) questo percorso sarebbe stato molto piu’ lento e complesso.

Buona pratica a tutti !!!

Bikepark vs elettrica in Valsusa

Bikepark vs elettrica in Valsusa
… tra passato, presente e futuro della MTB

Questa vuole essere una riflessione di ampio spettro, scritta in un giorno piovoso agli sgoccioli del mio summer break in alta val Susa
in alcuni precedenti scritti ho definito ironicamente questa location al confine con la Franciala valle che resiste dove l’enduro non esiste“, riferendomi principalmente al fatto che la reperibilita’ di informazioni relative a trail con caratteristiche “enduro” è  davvero scarsa, eccezion fatta per qualche “classica” dal dislivello gia’ importante.
Malgrado in passato (2014 l’ultimo evento di rilievo) la ValSusa e in particolare Sauze d’oulx siano stati teatro di importanti manifestazioni quali la superenduro, ad oggi non è facile, sopratutto per un ipotetico “foresto”, scovare giri “salgoperscendere“, ovvero in cui la discesa è “il premio” per il dislivello maturato, rischiando di fossilizzarsi nei due bikepark superstiti (Bardonecchia e Sauze) dove, sopratutto a Bardonecchia, è stato fatto un gran lavoro, ma continua comunque a mancare quell’add-on pedalato in grado di completare l’offerta per elettrici o per chi comunque vuole alternare qualche pedalata alle seggiovie.

Abbiamo detto gran lavoro a Bardo, sintetizziamo un po’ la situazione. Ci ho girato con le #ragazzefreeride e da sola. Vengono dichiarati
85 km di percorsi free-ride, ma secondo me se la cifra viene dimezzata è gia’ tanto. Parliamo cmq di 9 trail serviti da 2 seggiovie:

Zona Campo Smith-Pian del Sole
In ordine di difficolta’:

9D : flow trail per tutti, frontini inclusi, tante curve spondate qualche panettone e un ampia zona tra i prati dove lasciare correre .. #nientedidifficile. Definito rosso ma direi piu’ che altro blu
15D : il trail storico di Campo Smith, migliorato negli anni sopratutto come scorrevolezza.. Lo preferivo quando era piu’ grezzo e richiedeva una guida un po’ piu’ precisa … adesso, passerelle in legno e saltino a parte, lo trovo semplicemente un cuocifreni, almeno per il mio stile di guida
16D : Parallelo al 15 troviamo il 16. Piu’ ripido e tecnico, ma comunque artificiale, tutto spondato ma costruito da movimenti terra. Include alcuni ripidi abbastanza impegnativi e un paio di S strettine ma spondate. C’e’ anche un passaggio molto tecnico su un roccione con uscita su un ripido, passaggio che, se avesse avuto un uscita meno impegnativa avrei azzardato, ma il contesto in cui è inserito non ispira sicurezza. Ciliegina sulla torta e’ la simpatica struttura tipo northsore in legno, con wallride e rampa in uscita. Dal punto di vista tecnico, con il terreno giusto questo trail è quello che offre di piu’.
12D : simile al 16, ma non offre le strutture in legno. Anche qua troviamo alcune S abbastanza ripide non semplicissime.
14D : Trail enduro vero e proprio, naturale. Inizia come un classico sentiero nei boschi, poi due difficili ripidi in sequenza su cui ogni errore non è perdonabile. Consigliato solo agli amanti del genere. Diciamo che questa e’ una vera “nera”. 

turn northshore jump2 jump1

Zona Melezet-Chesal, sempre in ordine di difficolta’.

27D : lunghissimo flow trail, parte con qualche insidia (mezzacosta sui ghiaini un pochino esposto) ma poi diventa un bel sentiero flow, con tante sponde lungo e divertente. Trail completamente “man made” con movimento terra (leggi bobcat), si snoda lungo la pista olimpica. Anche questo è fattibile anche con una front con la dovuta cautela.

24D : Tra Melezet e Les Arnauds, si fa strada uno degli ultimi arrivati .. Anche il 24 D è man made, un tutto sponde che attacca un po’ ripido ma che lascia ampio respiro sopratutto nella parte finale, spaziando tra boschi e prati. Trail di livello medio con curve di diverso raggio, ottimo per migliorare nella tecnica di curva 😉

25D : Il primo nato in zona melezet, mantiene ancora discretamente la componente naturale che aveva un tempo. Anch’esso migliorato negli anni , parte con un bel flow su terreno abbastanza naturale, poi diventa piu’ tecnico con un paio di ripidi da prendere con attenzione, per tornare flow nella parte finale.
26D : altra new entry. Simile al 25, ma un po’ piu’ ripido e tecnico, abbastanza enduristico come genere, alternando parti piu’ scorrevoli a discreti ripidi. Anche questo e’ una bella palestra per fare i conti con un certo tipo di pendenze.

Tutto molto bello …. poco naturale (14d a parte) ma bello e divertente soprautto in compagnia (tnx #ragazzefreeride) ; inoltre è l’unico park in zona che prevede una linea facile (9D) adatta anche a chi prova per la prima volta la mtb gravity …. eh si perchè Sauze, che resta il mio preferito per tipologia dei trails, comunque non è per tutti, e alcuni punti nelle parti basse potrebbero essere per niente intuitivi e scoraggiare un ipotetico/a principiante. Per il resto i trail sono tutti di livello medio, abbastanza naturali ad eccezione di tippy’s witch e offrono un bel mix di flow naturale con qualche elemento tecnico ma sempre fattibili per tutti (anzi come ripidi direi piu’ ripidi a bardo) …

sauzejump

Detto questo … ma se ho un elettrica da enduro e non voglio pagare lo skipass cosa posso fare in alta Valsusa ?
Premesso che sia a Sauze che a Bardo si puo’ – piu o meno agevolmente – risalire pedalando le linee dei park questo lascia un po’ il tempo che trova , si puo’ fare un paio di volte (io stessa che pedalo #conlemiegmbe senza motore lo ho fatto a volte quando tempo e/o fantasia sono limitati) ma poi appunto lascia il tempo che trova … se ci spostiamo pochi km oltre il confine andando in Francia nel Brianconnais troveremo tutt’altra situazione e offerta … dove alle linee dei park si integrano trail naturali e itinerari segnati di diversa difficolta’ che contemplano sia semplici anelli nel fondovalle che cose piu’ impegnative , senza necessariamente superare i 1000 d+ e introdurre elemvnti di “cicloalpinismo” quali lunghe tratte in portage.
Ho tirato fuori l’elettrica perchè, turisticamente parlando, volenti o nolenti il futuro sta li.  Tralasciando gli agonisti di ogni disciplina, gli amanti dell’AM estremo/cicloalpinismo che qua possono trovare un discreto repertorio, ci sara’ sempre di piu’ un concentrato di “sunday bikerselettrici che non cerca soltanto la passeggiata panoramica senza fatica (… tipicamente l’offerta dei noleggi ebike con guida è questa …) ma anche qualcosa con cui divertirsi nella guida, sia essa in discesa o in percorsi misti.

A Sauze ci sarebbe tutta la parte alta ben adattabile ad un uso elettrico (Rocce nere, Supersauze alta , e altre se ne potrebbero aprire)
A Bardonecchia si potrebbe creare/ripristinare qualcosa sul versante Jafferau oltre che meglio segnalare un paio di altri giretti a quote medio-basse …. Per non parlare di zone non servite da impianti, come tutto il Cotolivier, dove qualcuno che prova ad inventariare e tracciare
qualcosa c’è …ma spostandoci di poco ci sarebbe tanto tanto tanto ancora … tipo il divertentissimo trail dimenticato di Sansicario … anche li ci sarebbe margine per ulteriori linee …..  e tanto ci sarebbe ancora …

sansìcarìo Strutture abbandonate …

Nel post olimpico (estate 2006 e anni a venire fin circa al 2012 indicativamente) la MTB ma sopratutto lo sviluppo dei bikepark, tra i primi in italia, ha aiutato la Valsusa a farsi conoscere un po’ anche d’estate andando oltre il turismo delle seconde case a cui è troppo legata … 

Adesso da una parte l’offerta turistica dei park si è ampliata con soluzioni molto piu’ interessanti per gli amanti del genere, dall’altra per essere competitivi serve budget … quindi non bisogna solo focalizzarsi sulla presenza delle seggiovie, trovando un’offerta per una categoria di bikers molto ampia, in gran parte elettrica, che puo’ e vuole divertirsi sui sentieri anche senza risalite meccanizzate ……

C’è da meditare e ci sarebbe tanto da fare …

MTB: test reggisella telescopico su Front

Del reggisella telescopico ne abbiamo gia’ parlato evidenziando l’estrema utilita‘ dell’accessorio in questione e del come puo’ semplificare notevolmente la vita e la guida della mountain bike, sopratutto ai comuni mortali. E oggi infatti voglio lasciare spazio all’opinione di Mike, amico da poco avvicinatosi alla MTB con una front Specy Stumpjumper montata con alcuni accorgimenti per renderla un po’ piu’ “cattiva” e non disdegnare anche la discesa. Tra le customizzazioni infatti spiccano pedali flat, dischi da 200 / 185 , manubrio largo (780 mm) con rise e ovviamente reggisella telescopico KS.

stumpjumper 2013

La prima uscita con questo setup e’ stata fatta a Formello, i cui sentieri ben si adattano anche ad una front incattivita grazie ai frequenti rilanci specie sui trail Cinghiale e Volpe.  Ecco il feedback di Mike riguardo al suo giochino:


pub
Se molti ritengono che questo accessorio abbia cambiato radicalmente il modo di andare in MTB e se in tanti hanno apprezzato questo prodotto, non posso che essere pienamente d’accordo. Oggi ho provato per la prima volta il tubo reggi sella telescopico sulla mia Spacy e devo dire che son bastati una manciata di secondi per capirne l’enorme vantaggio che ne deriva. La mia Stumpjumper front ha tutte le carte in regola per essere una bici performante e divertente. Alcune uscite precedenti mi han fatto apprezzare questa bicicletta nonostante non mi considero un biker e non ho mai avuto troppo feeling con questo mezzo. In effetti una buona bici ti mette in condizione di divertirti e se poi i giusti consigli e il giusto meccanico fanno la loro parte, ecco che il divertimento è assicurato. Oggi il mio KS ha fatto la differenza in quel di Veio Bike Park. Il posto merita e si adatta bene a chi come me non ha una grande esperienza ciclistica in fuori strada. Salite e discese si alternano a continui rilanci e il tubo sella telescopico dà quella marcia in più. Il comando al manubrio è reattivo sia in estensione che in contrazione e sopratutto in salita si sente la differenza in qunato la postura più alta agevola lo spostamento in avanti e migliora la trazione e la precisione di guida. Altra nota degna di menzione è il fatto che il reggisella telescopico KS ha un’ ampiezza tale per cui agendo sul comando si riesce ad ottimizzare l’escursione e quindi non si ha una sola posizione ( basso / alto ) ma si buò scegliere l’altezza ottimale per ogni track.
Esteticamente poi è una bomba: il cavo di comando non arriva fin sotto il sellino ma si ferma poco dopo il collarino e rende il tutto pulito e lineare con un look accattivante e minimalista anche se il passaggio dei cavi e’ esterno. 
In conclusione devo ammettere che prima era una gran rottura doversi fermare per regolare l’estensione del tubo sotto sella e ora basta una leggera pressione del pollice sinistro sull’apposito trigger e in un battito di ciglia si ottiene la perfetta regolazione della sella. Amo le salite e sicuramente questo accessorio fa la differenza permettando una regolazione precisa dell’altezza e adeguata alla tecnicita’ del percorso, mentre in discesa una volta abbassato è pressoché perfetto agevolando il fuorisella e diventa superlativo nella gestione dei rilanci dove basta rialzaro per non perdere velocita’…. .quindi promosso a pieni voti anche da uno che tutto pensava, piuttosto che appassionarsi alla MTB. 

mike1 mike2

Credo che a questi punti, a meno che uno non faccia percorsi prettamente pianeggianti (o prettamente AM con lunghe salite e conseguenti lunghe discese senza necessita’ di frequenti cambi di stance) il reggisella telescopico sia d’obbligo per ottimizzare performance e divertimento. Ad ulteriore prova ricordiamo che la medaglia d’argento femminile olimpica di Rio ha corso con una front dotata di reggisella telescopico … e se siete interessati all’acquisto di uno di questi prodotti (vi consiglio di evitare quelli troppo economici e di optare per un modello a passaggio cavo esterno se vi cimenterete nel montaggio in maniera autonoma) potete anche approfittare dell’offerta del nostro parthner PROBIKE : inserendo il codice SALDI5 avrete un ulteriore 5% sugli articoli gia’ in saldo

pub

In conclusione, per chi pensa che la front non sia abbastanza divertente, vi faccio vedere come se la cava dietro a #slayerina sul track Cinghiale di Formello :

Les2alpes full day : parte 2, bikepark !

Scendo dallo Jandri … stanca ma soddisfatta delle performance sulla neve (che potete leggere nella prima parte del report) mi trascino con i pesanti hardboots fino alla macchina, dove c’e’ #slayerina che mi aspetta. Un brevie break, e si cambia divisa. Via la giacca e i pantaloni da snow, su pantaloncini, protezioni da bike e casco integrale. Monto la ruota anteriore con il perno passante e #Slayerina e’ pronta a questa nuova e incognita esperienza.

slayerina2alpes

Incognita si, perche’ anche i Bikepark si sono evoluti nel tempo, e non e’ assolutamente detto che tutti i tracciati siano idonei ad una bici fondamentalmente da all-mountain. Ma leviamoci il dubbio subito. Decido di puntare al settore de le Diable, che sulla carta dovrebbe essere il piu’ idoneo ad un livello intermedio.
A dire il vero le prime difficolta’ le incontro con la seggiovia: i Francesi hanno messo a punto un sistema di carico che pare non tenere conto del fatto che ci possono essere donne e bambini che magari usano ancora bici con ruote da 26 (o peggio da 24 nel caso di un ragazzino, ricordiamo che gli standard attuali per gli adulti sono 27.5 o 29…).

accrocchio malefico

Il congegno,che vedete in foto implica di alzare la bici dal manubrio e spingerla dentro l’attacco giallo. Gia’ … peccato che io sono alta 160 , che la mia bici e’ corta e che avrei dovuto sollevare solo di braccia la bici di ben 20 cm per arrivare al gancio … il tutto con la seggiovia in lento movimento …. Fortunatamente dopo un po’ di strilli in un mix tra italiano inglese e francse sono riuscita a farmi aiutare, e a portare su il mo mezzo agricolo … e sempre per fortuna lo sgancio e’ molto piu’ facile dell’aggancio.

Finalmente si scende quindi. Dato che e’ abbastanza noto il fatto che non sempre il livello di difficolta’ indicato in Francia corrisponda al vero e visto il precedente con la seggiovia decido di provare prima la pista verde.

#Nientedidifficile come volevasi dimostrare, solo qualche tratto un po’ bucato dalle frenate, scorrevole con paraboliche e qualche rilancio, seconda parte nel bosco piu’ divertente e panorama grandioso, per un totale di circa 30 min di discesa comprese le soste per foto andando pianino.

verde4 verde3 verde2 verde1

Arrivo in fondo abbastanza stanca, le buche da frenata comunque a me dan tanto fastidio, e la molla della forka forse un po’ dura non e’ il massimo per questo tipo di run. Malgrado tutto decido di riprovare, cambiando traccia e sperando di avere meno problemi con il sistema di carico. Stessa solfa o quasi, ma per fortuna stavolta ci vanno meno imprecazioni per ricevere aiuto.

PANO_verde

Per la seconda run opto per una blu, che prende il nome dall’omonimo impianto, Diable. La pista e’ leggermente piu’ ripida con tornati piu’ frequenti, la guida diventa piu’ lenta e le buche per fortuna sono di meno, e da subito il tracciato pare essere divertente, con una serie di panettoni, step up e rilanci che riescono a far staccare saltuariamente le ruote alla slayer anche se presi a velocita’ moderata. Di questa run vi propongo il video della parte centrale, la piu’ divertente.



Pista un po’ piu’ veloce che concludo in “soli” 20 minuti. Ma le gambe visto lo sforzo fatto in mattinata iniziano a dare segni di cedimento, e decido di andare a provare il divertentissimo pump track in asfalto prima di partire.

IMG_20160822_155854

Verdetto finale: Les2Alpes, anche rivisto a 38 anni , ha sempre qualche ricordo positivo da lasciare. L’esperienza in ghiacciaio in snow alpino ha risvegliato un vecchio demone, quello della velocita’ su pista, e il bikepark mi ha fatto venir voglia di tornarci per esplorare i tanti altri trails disponibili, anche se ammetto di preferire sentieri naturali non esplicitamente costruiti per la mtb. Indubbiamente e’ un ottima locationper chi vuole provare le discipline gravity della mtb anche da livello 0 (la verde la fa chiunque sappia stare in piedi su una bici)
Il panorama e’ notevole, ma passa da un mix di natura e opere umane che lascia un po’ interdetti, ma ci sono posti in cui l’urbanizzazione e’ peggiore. La quantita’ di surf & bike shop e’ tendente a infinito, e a fine stagione si possono anche trovare occasioni interessanti. Idem per i locali anche se mangiare e’ rimasto in media caro come un tempo, quindi nel caso di soggiorni prolungati consiglio la formula residence.
Non so se e quando mi si ripresentera’ la possibilita’ di tornarci, e proprio per questo sono estremamente soddisfatta del mio big day.

Bardonecchia Bikepark: giochiamo a fare i criceti ? (video)

Lo devo ammettere, sono stati proprio i bikepark a farmi avvicinare al mondo della mtb, dandomi nell’ormai lontano 2007 la possibilita’ di imparare a guidare la bici su sentieri singletrack e passaggi anche tecnici, permettendomi poi in seguito di passare ad un orientamento piu’all mountain e apprezzando appieno le discese conquistate pedalando. Ma torniamo al discorso del girare su sentieri costruiti ad-hoc e utilizzare risalite meccanizzate: Bardonecchia e’ stato il primo bikepark in cui ho iniziato a confrontarmi con le discese vere, e mi fa sempre piacere farci un sopralluogo almeno una volta all’anno. Concentrato nella zona tra Campo Smith e Melezet, le due seggiovie permettono di “fare i criceti” (ovvero di girare ripetutamente sullo stesso percorso, come appunto il criceto nella ruota) su un totale di 8 percorsi piu’ un paio di collegamenti.

Le prime discese quest’anno sono state un po’ ostiche, la Slayer non e’ una bici da downhill e soffre tanto le buche causate dalle frenate dei “bicioni”. Lato campo Smith non c’e’ molto da dire, se non che in realta’ il percorso dicharato piu’ semplice, la 9D dichiarata la piu’ facile in realta’ diventa antipatica per le tante buche, meglio la classica e diretta 15D, che con quel po’ di pendenza in piu’ costringe anche le bici da DH ad andare un po’ piu’ fluide con conseguente meno scavi. Discorso simile per la 16, un po’ piu’ tecnica e lenta tutta nel bosco con un passaggio su passerelle un po’ strano ma divertente.

Spostandosi verso Melezet le cose cambiano un po’. I percorsi sono piu’ lunghi. Risalendo in seggiovia si nota subito il nuovo 27D, anche qua … dichiarato rosso, ma e’ dinuovo una traccia molto stop and go, che sarebbe anche carina se non fosse che #slayerina e la sottoscritta non amano le buche. Molto, molto molto meglio invece le tracce verso lo skilift del Bosco, in particolare il 25D, tutto tornantini , lento con qualche passeggio tecnco e rilancio, divertente nel bosco, molto vario molto adatto ad una bici da AM/enduro come la mia. Non lo ricordavo cosi’ bello, forse e’ stato migliorato nel tempo … lunghissimo almeno alla mia velocita’, un buon 15 minuti di discesa. Altra simpatica sorpresa il nuovo 24D, che de facto segue una traccia che si fa d’inverno in neve fresca con lo snow. Molto flow anche questo con qualche rilancio, peccato non aver avuto il tempo di rifarlo.

Nel video qua sotto che ho fatto ieri vedete alcune parti (quelle con le passerelle) del 15 e del 16D , e alcuni pezzi del 25D di melezet … giusto per dare un idea di cosa stiamo parlando …..


bardonecchia bikepark 2016 slow ride from WhyBeNormal KiaZ on Vimeo.

Insomma un bel pomeriggio di discese, per consolidare la tecnica e sentirsi piu’ sicuri. Credo che i bikepark siano comunque un buon sistema per promovere la mtb e permettere l’avvicinamento a queste discipline a chi e’ attratto magari in primis dalla componente adrenalinica, e non ha l’allenamento di base per permettersi di risalire in tranquillita’ senza distruggersi. Ricordiamoci che anche la discesa e’ impegnativa (si possono bruciare fino a 400 kcal/ora girando in bikepark) e che sopratutto richiede una buona prontezza di riflessi, cosa che non sempre si ha dopo una lunga salita ….

Per info su Bardonecchia Bikepark : www.bardonecchiaski.com  Dowload mappa bikepark qua