La Specy verdina …. eccola ….

GreenSpecyStumpy … eccola …

e’ giunta l’ora di far entrare ufficialmente anche lei nel “parco giocattoli per bambini cresciuti“.

Con me da Agosto 2017, nata nel mio box, non e’ stato amore a prima vista ma stiamo iniziando a piacerci parecchio a vicenda.

specy box

Partiamo dal come e’ montata:

Telaio: Stumpjumper FSR evo carbon 2015 taglia S
Forka : Fox 34 da 160 (su ALLTRICKS)
Ammo : Fox float Kashima incluso con il telaio, 140 mm travel
Freni : Sram GUIDE (mercatino mtbmag), dischi da 203. 
Ruote : Fulcrum Red Power 27,5(da CRC)
Gomme : Bontrager 2,5 front 2,25 rear, le cambiero' presto (regalo) 
Trasmissione : Mix Sram : deragliatore e comando NX, guarnitura GX 30t per movimento centrale PressFit 30, pignoni 11-42 (sto valutando update), questa presa in negozio per non sbagliare con i nuovi standard su MC e pignoni. 
Manubrio : Race Face (da CRC che gia' montavo sulla slayer) evolve 780 mm , attacco da 60. 
Sella : selle italia (sempre dalla slayer) 
Reggisella telescopico di serie specy command post

specy fiori

Ai non addetti ai lavori questi numeretti non diranno un granche’.
E’ piu’ interessante parlare delle sensazioni e soddisfazioni che mi sta dando questa biciclettona verdina.

Il primo impatto non e’ stato dei migliori, sia in salita per il passaggio ad un diametro superiore e monocorona che ha reso un po’ meno agile il rapporto corto (sto valutando eventuali modifiche alla trasmissione, budget permettendo) , sia in discesa, dove e’ stato subito piacevole l’approccio con le nuove geometrie in presenza di salti e grossi scaloni, ma un po’ piu’ difficile invece l’approccio con lo stretto e il tecnico lento e le curve di precisione in generale. Il tutto e’ un po’ dovuto alle geometrie moderne che impongono una guida piu’ spostata verso l’avantreno e une posizione piu’ centrale sul tecnico. Sto pian piano risolvendo anche questo tipo di problematiche grazie ad un Maestro di MTB (si, sto prendendo lezioni) che mi sta impostando la giusta tecnica.
Dove la specy comunque supera abissalmente la Slayer e’ sulle pietre fisse. Tra la Liguria e Civitavecchia la “biciona” ha ben fatto vedere di che pasta e’ fatta e qual’e’ il suo terreno preferito, facendo diventare flow sentieri che con la Slayer risultavano parecchio ostici.
E’ una bici che diverte e permette di osare, anche sui salti, dove stacca bene anche a velocita’ ridotte, rimandendo bilanciatissima  in aria. Sensazione di perdere i pedali dimenticata. E nell’atterraggio le sospensioni fanno egregiamente il loro lavoro.

salto portofino

specy jump

Insomma, salire sulla specy mi fa tornare ragazzina, mi fa dimenticare i miei acciacchi anche nei salti (cosa che invece altri sport come skate, snow, e in parte pure surf mi fan ben ricordare) e su trail giocosi e flow come quelli di Formello mi sembra di essere tornata
ad avere 12 anni e l’atala zompafossi, con la differenza che questa e’ molto piu’ sicura e facile.

stp down

La mtb ha questo di bello … le moderne tecnologie hanno permesso di costruire mezzi con sospensioni ottimali, permettendo di abbattere molto alcuni limiti che in altre attivita’ eta’ e traumi regressi possono limitare . Certo, i conti con le cadute ci saranno sempre e comunque, qualche livido e sbucciatura e’ all’ordine del giorno, ma io continuo ad andarne fiera, esattamente come quando avevo 12 anni . L’importante e’ affrontare percorsi e ostacoli con la dovuta conoscenza delle proprie skill e dei propri limiti.

Quindi … benvenuta “#BicionaVerdina” o #greenstumpy , ho deciso di chiamarti cosi’ !!!
Ci divertiremo un sacco assieme, abbiamo tanti giri da fare e posti da scoprire … e sopratutto sassi da schiacciare !!!

 



 

MTB: Monte di Portofino

Premessa : la circolazione in mtb sul monte di Portofino e’ stata per lungo tempo interdetta, tant’e’ che si trattava di una meta che all’inizio della programmazione di questo mini bike trip nel Levante Ligure non avevo nemmeno preso in considerazione. E invece da qualche anno a questa parte l’accesso al parco del Monte di Portofino e’ consentito anche se regolamentato: nei giorni festivi e’ consigliabile farsi accompagnare da una guida , come ho deciso di fare io, rivolgendomi a PortofinoBike .

Malgrado l’esistenza di tracce gps (i percorsi della gara nazionale di Enduro svoltasi )Ho optato per l'”investimento guida” per essere sicura di divertirmi, di non perdermi e di non rischiare di fare troppo dislivello negativo con conseguente rischio del ricadere nello “scendopersalire” , che su asfalto da Santa Margherita e’ tutt’altro che divertente.

img_20161101_093507

E quindi eccoci qua, Slayerina pronta, appuntamento a Ruta alle 10 con Beppe che sara’ la mia guida.

Tempo per un caffe’ e partiamo, arrampicandoci sull’asfalto che porta fino all’ormai semi-abbandonato hotel Portofino Kulm, niente di complesso … saliamo ancora per i sentieri pedonali, fino a raggiungere l’imbocco della prova speciale “i mulini” della gara Enduro.

Questa prima discesa presenta alcuni tratti tecnici complessi per il mio livello, e altri piu’ scorrevoli e divertenti. Con piu’ tempo a disposizione avrei potuto sicuramente studiare meglio alcuni passaggi e tentarli senza correre rischi.
Si risale poi a piedi lungo un sentiero pedonale, teoricamente pedalabile, pendenza simil-via-sacra (chi sa-sa- #montecavo …) e fondo migliore ma le mie gambe poco gradiscono le rampe e quindi si spinge … e Beppe mi fa presente che anche nella gara questo trasferimento era previsto a spinta.
Finalmente partiamo per il trail “Pollone” : e qua comincio a divertirmi a dovere … traccia divertente, con qualche pezzo un po’ piu’ tecnico ma tutta fattibile, ottima per migliorare e imparare, e con una bella parte panoramica

img_20161101_121159 img_20161101_170818 img_20161101_164913 img_20161101_121152

Il meteo purtroppo non aiuta, ma l’importante e’ divertrsi.
Sono soddisfatta del mio riding e di aver scoperto nuovi trails e nuovi spunti tecnci su cui riflettere: in primis il come affrontare i ripidoni, puo’ sembrare strano ma vero il “culo indietro” fa perdere controllo, impedendo all’anteriore di lavorare correttamente. Bisonga imparare a portare il peso anche davanti, facendo in modo che la ruota possa rotolare e non andare in blocco. Non sara’ facile padroneggiare questa tecnica, ma faro’ di tutto per riuscirci … senza cappottoni ovviamente !!

Un ultima parte di singletrack, un po’ troppo xc a volte palloso a mezza costa ci riporta alla “civilta'” … in localita’ San Lorenzo, da dove si riprende per un breve tratto l’Aurelia fino al parcheggio.

tracciaportofino

La traccia da un idea solo indicativa del giro, in alcuni tratti e’ incompleta ed e’ stata raccordata a mano. Giro molto bello, vario, ottimo per migliorare. Terreno piu’ che discreto malgrado l’umidita’. E ultimo e non meno importante l’idea di portare la “vecchia” gomma maxxis anteriore al posteriore ha funzionato.

Purtroppo ora tocca rientrare … Dopo questo giro e quello di Sestri #Montecavo mi sembrera’ il giro dell’isolato …

Ringrazio ancora Beppe la mia guida che pazientemente si e’ adeguato al mio ritmo da bradipo 😉 , permettendomi di divertirmi e migliorare senza sentirmi il tappo di turno.

Speriamo di ritornare presto a girare in questa splendida Terra che e’ la Liguria.


Big Bike Sale - 468x60

MTB: Front o Full ? #Slayerina vs #Verdina29

Front o Full ? Questa e’ la tipica domanda che si pongono quasi tutti coloro che stanno per acquistare la loro prima mountain bike. Su questo argomento si trovano miliardi di articoli e di opinioni, oggi cerchero’ di parlarvi del mio pensiero riguardo i due mezzi facendo riferimento per la front ad una 29′ entry level con qualche piccolo upgrade e come full ovviamente a #Slayerina.

Cominciamo dal “frontino“. La bici che sto testando in questi giorni e’ una Bianchi Kuma 29 taglia M , con un paio di upgrade a cui ne seguiranno altri. La prima cosa che cambia dal setup di serie e’ il manubrio, un Race Face Riser bello largo (780 mm) nato in realta’ per bici da freeride/dh, ma in grado di dare una posizione piu’ eretta e quindi piu’ confortevole e stabile anche su una front “teoricamente” da cross country, specie se si ha problemi di schiena. Altro upgrade degno di nota anche se “economico” sono i pedali flat in composito (tipo questi) indispensabili per chi come me non ama i sistemi a sgancio rapido.

img_20161015_152114 img_20161015_143809

La geometria di questa 29 e’ mediamente slopata, ovvero con il tubo orizzontale abbastanza inclinato e una posizione di guida che tende all’arretrata. Questo permette di avere una migliore maneggevolezza e precisione di guida. I ruotoni da 29 sono molto d’aiuto nello sconnesso e quasi non fanno rimpiangere l’ammortizzatore posteriore … quasi … La bici si e’ comportata benone sia in un singletrack in leggera discesa senza particolari difficolta’ che su un breve tratto ripido, ovviamente moderando bene velocita’ e freni.

Per il momento i punti deboli di questa bici sono la forcella (una suntour da 100 di escursione entry level) e i freni, che pur essendo dei shimano deore idraulici dimostrano precisione e potenza limitate se paragonate agli avid juicy 5 della mia Slayer.  Insomma, se uno non esagera ci si diverte anche con una front , a patto di evitare tratti eccessivamente tecnici e scassati. A chi consigliare una front, meglio se da 29 (puo’ sembrare strano, ma le ruotone aiutano tanto) dunque ? A chi non ha le idee chiare, a chi ha come primo obbiettivo il fitness,a chi sa di non dover affrontare dislivelli verticali eccessivi e gira in zone massimo collinari, e ovviamente a chi ha un budget limitato ma vuole restare sul nuovo per sicurezza. Anche se pure su questo argomento ci sarebbe molto da approfondire in quanto spesso le front di “marca” come appunto quella testata sono, a parita’ di prezzo, montate con componenti qualitativamente piu’ bassi rispetto ad un equivalente di brand meno noti o distribuiti solo online.

Shimano - 468x60

Per quanto riguarda invece la full (biammortizzata): #Slayerina ormai sta con me da 8 anni, e comincia ad avere una “certa”, ma si difende ancora bene.

E’ una 26, e posso assicurarvi che se siete piccoletti/e la 26 va piu’ che bene. Inoltre adesso e’ facile trovare bici usate piu’ che dignitose per avvicinarsi all’enduro/freeride a prezzi accettabili. Il nuovo invece, tranne qualche eccezione online piuttosto rara tipo CRC in periodo di saldi, ha prezzi spesso improponibili per chi e’ alla prima bici e ha le idee confuse. Per cercare di fare un minimo di chiarezza, la full puo’ essere d’obbligo se:

  • Sapete gia’ che quel che vi interessa e’ scendere, e quando salite salite per scendere .
  • Avete problemi di schiena .

Inoltre, SE vi capita spesso di fare percorsi misti con rilanci e saliscendi scendisali, mettete anche ben in conto un bel reggisella telescopico…

In tutti i restanti casi il mio consiglio e’ di iniziare con un bel frontino magari da 29 😉

PS : sono una sunday biker, con orientamento all’enduro/AM/freeride fatto just4fun, solo per divertirsi al massimo. I miei consigli sono da prendere in funzione di questo e non sono da considerarsi assoluti.