MTB Riva Trigoso Punta baffe – U turiun

Punta baffe – U turiun

Ricominciamo con i conti in sospeso, quelli di un certo spessore. Stavolta l’obbiettivo è uno dei trail piu’ impegnativi della zona di Sestri Levante,o meglio nel caso specifico di Riva Trigoso. Parliamo di U turiun, conosciuto anche come Punta Baffe, un sentiero che avevo gia’ provato ad affrontare lo scorso autunno ma con scarsi risultati (50% a piedi …) .
Stavolta la mia forma fisica è migliore, la confidenza sul tecnico è risalita, dunque è giunta l’ora di cercare di fare i conti con questo tracciato.
Arrivarci è semplice, si pedala un pezzo di Aurelia in direzione Spezia, poi si stacca su una stradina a destra prima asfaltata poi sterrata, che sale senza troppi strappi. Si raggiunge uno slargo da cui la strada diventa singletrack, da qua è bene gia mettere le protezioni, e godersi il panoramico trail che ci porta verso punta Baffe.

baff3 start

(foto e video)

#nientedidifficile per adesso, solo uno splendido panorama sul mare. Solo questa tratta puo’ valere la salita.

baff p

Arrivati al bivio per “U Turiun“, si vede subito che le cose cambiano: il trail inizia a scendere tortuoso , scassato , con qualche pietra mobile, e linee da scegliere bene.
Molti passaggi sono di difficile interpretazione, e da sola la prudenza la fa da padrona, scendendo quando le cose si complicano troppo e non esitando a mettere un piede a terra se necessario. Fatto sta che stavolta sono rimasta comunque molto più in sella rispetto al primo tentativo, e gia’ questo è un grosso passo avanti. Le pendenze non sono comunque mai elevatissime, non ci sono tratti esposti o ripidi estremi , è solo tutto molto molto scassato e a tratti scavato con terreno raramente regolare, il che rende difficile il ridurre la velocita’ in maniera sicura … le asperita’ obbligano a cercare il rotolamento, e non sempre questo è ancora fattibile x me in sicurezza … il video vale piu’ di 1000 descrizioni.

video

rock mtb

Lo scassato poi lascia spazio ad un breve collegamento su sterratone, fino all’inizio dell’ultima sezione dove il genere cambia un po’.
Dopo una partenza facile e flow, le pendenze aumentano e il trail diventa da guidare con cautela a velocita’ controllata su fondo abbastanza breccioloso e dall’aderenza non perfetta, curve spondate ma ripide, qualche salto per chi se la sente. Certo rispetto a quanto visto prima è una passeggiata.

vid finale

Stanca ma comunque soddisfatta ritrovo l’asfalto fino a Riva Trigoso. Un trail molto impegnativo con cui i conti non sono ancora finiti, ogni volta che torno qua c è sempre da migliorare e imparare.
Un ultimo appunto – vale anche x altre locations – è da fare a Trailforks e/o a chi ha inserito i trail della zona. U Turiun NON PUO’ essere segnalato come blu. Minimo è black diamond, se non double black diamond.
Chi usa l’app e non conosce la zona potrebbe trovarsi leggermente spaesato da questa valutazione …. non oso immaginare cosa sia allora una “nera” per chi ha effettuato l’inserimento in trailforks …

relive

Relive ‘Punta baffe 2019’

traccia

MTB: Sestri sentiero sant’anna Video

Il “sant’Anna” è uno dei classici percorsi enduro di Sestri Levante. Ne abbiamo gia’ parlato un po’ di tempo fa, e questa è la terza volta che lo affronto (la seconda con la Specy). Finalmente lo ho chiuso completamente in sella. In rete ci sono tantissimi video di questa tratta, spesso con protagonisti pro o comunque rider di un certo livello. La mia prospettiva non sara’ di certo veloce, ma permette di ammirare la spettacolarita’ del paesaggio e la difficoltà di alcuni tratti rocciosi. Buona visione a bordo della Stumpjumper verdina !

Per informazioni ulteriori sul giro e sul sentiero, traccia gps e relive, vi rimando al vecchio articolo 😉 


pub

MTB: Sestri Levante con la Specy

Sestri … enduro dream …

Lo abbiamo gia’ appurato in altri giri : la specy ama le pietre, meglio se fisse. “Copiare” qualunque cosa pare essere la sua specialita’.

Questo mini anomalo weekend infrasettimanale ligure aveva uno scopo: portare la Specy a Sestri, e passare dove la Slayer si era fermata.

Detto, fatto, si sale su per San Bernardo senza particolari difficolta. Sono decisamente piu’ allenata rispetto a quando ho fatto lo stesso giro con la Slayer, e la salita resta molto agevole finche’ siamo su asfalto. Durante il tracciato conosco Maurizio, un simpatico e gentile “elettrico” che si offre di farmi da guida (e di prestarmi il fast permettendomi di risolvere rapidamente una foratura).

san bernardo specy san bernardo

Comincia la discesa, il terreno e’ parecchio rovinato dall’acqua, e l’avere davanti qualcuno che mi fa vedere le linee e’ davvero un grande aiuto. La specy trita, schiaccia, copia. Un autentico rullo compressore, il cui limite arriva solo dalle mie skill.
Per chi non conoscesse il posto, stiamo parlando di un percorso enduro con la E maiuscola, prevalentemente naturale fatto di roccia, roba che probabilmente un comune mortale a piedi non immaginerebbe come terreno ideale per scendere in bici. E invece il divertimento e’ assicurato, si impara a scegliere le linee giuste, a passare dove non pensi che una bici possa passare. Il tutto aiutato da spazi mai stretti e mai esposti, cosa che garantisce una certa sicurezza e permette di “osare” anche a chi come me non e’ un pro e non ha molta dimestichezza con questi tipi di terreni. Con le linee giuste anche le pietre diventano flow, cosa che non credevo possibile.


Big Bike Sale - 468x60

Solo due passaggi molto rovinati dall’erosione mi hanno imposto di scendere, ma piu’ per mia sicurezza che per altro.
Senza dimenticare che anche qua le “condizioni al contorno” sono notevoli, con un panorama sul Golfo del Tigullio che vale il passaggio,
indipendentemente da come si affrontera’ poi il trail.

sestri enduro 1 sestri 2 sestri 3 sestri 4

L’avere un rider davanti che sa adeguare la sua velocita’ alla mia e che conosce bene il tracciato e’ una gran cosa, credo infatti che da sola qualche problemino in piu’ lo avrei avuto 🙂 .

Concludendo, per il poco che lo conosco Sestri Levante resta un baluardo dell’Enduro, una location che qualunque biker dovrebbe prima o poi visitare. Se si impara a girare sulle rocce liguri, si puo’ andare ovunque …
Ringrazio ancora Maurizio per le dritte e la pazienza, sperando di tornare presto in Liguria, provando magari anche altri trails .

Relive :

Traccia GPS GPX:

 


pub

 

MTB: sestri levante enduro

Sestri Levante, Liguria.
Credo che chiunque si interessi alla mtb ne abbia almeno sentito parlare e/o visto qualche foto o video sui principali portali web italiani. Per quanto mi riguarda era da un po’ che volevo provare a fare almeno un pezzo della superenduro di cui si fa tanto parlare. L’occasione dopo tanti anni di tornare in Liguria con #slayerina e’ si e’ presentata con questo breve ponte: tempo buono e mare piatto han fatto si che si verificassero le condizioni per provare questo benedetto giro. Premetto che saranno passati almeno 6 anni se non di piu’ dall’ultima volta che ho portato #slayerina a sgambettare in Liguria, e i miei ricordi erano ormai vaghi e confusi.

Big Bike Sale - 468x60

L’unico ricordo concreto e’ che le salite liguri sono ripide.
Tra google e facebook riesco a rimediare una traccia affidabile da un amico. Carico su mytrails, e a guardarla non sembra #nientedidifficile,
insomma 100 mt in piu’ di monte cavo per salire su questo collinotto chiamato monte Costello, a quota 500 mt slm.
La salita e’ per l’80% su asfalto, con qualche rampa nella prima parte fino a localita’ San Bernardo, ma nulla di preoccupante, io vado
piano, molto piano ma vado. L’ultima parte, con qualche tornante su sterrato nel bosco di castagni, e’ decisamente piu’ impestata ma mai
da dover andare a spinta insomma fattibilissima anche per le mie gambine. Ci metto circa 1h e 35 minuti ad arrivare in cima, compresa una sosta per bere e una sosta foto … Prendo fiato e mi faccio spiegare da alcuni ragazzi com’e’ la discesa. Mi dicono di stare attenta ad un paio di bivi, chiedo se posso seguirli almeno a fino a dove non posso sbagliare.
Capisco subito che non sara’ ne Montecavo ne Formello ne qualunque bikepark a me noto, ne robe tipo il cotolivier in Valsusa.
Qua e’ un susseguirsi di sassi, pietre, pietroni, il sentiero non e’ mai stretto, ma e’ molto scassato ed e’ importantissimo mantenere la
linea. E sopratutto e’ – teoricamente – importante conoscere la linea. E qui casca l’asino piu’ di una volta.
Considerando la mia schiena ancora convalescente e il fatto di non avere il casco integrale e la pettorina/paraschiena (ma salire fin su con quella roba appresso non sarebbe stato semplice) decido di non rischiare e di scendere a piedi quando le linee si fanno complesse.
In compenso il panorama e’ notevole, e il giro vale solo per la vista sul golfo di Sestri levante. Il resto sono dettagli tecnici.


sestri6
sestri5 sestri4 sestri3 sestri2 sestri1

iosestri

Questo tipo di trails e’ stancante anche in discesa, e mette a dura prova gambe, braccia, forcella e ammo. E’ il vero test per la Pike,che si dimostra eccellente su questo terreno, e nuovamente apprezzo la precisione e sicurezza fornita dal mozzo a perno passante.
Mai una caduta per infossamento dell’anteriore. Invece le frequenti sollecitazioni mi fanno perdere il quick release posteriore in una caduta, per altro stupida causata dalla presenza di pedoni sul trail. Risistemo tutto e riparto. Il mio prossimo telaio (se e quando mai arrivera’) avra’ solo perni passanti pure al posteriore.
Per l’ultima parte del tracciato mi viene consigliato un percorso piu’ semplice, ma sempre pieno di sassi sassini sassetti pietre e pietroni.

Finalmente raggiungo l’asfalto, e la mia schiena chiede tregua. Nel complesso giro molto bello, panoramico, con un clima praticamente estivo.
Consigliato ha chi ha un buon livello tecnico, e rigorosamente con una full.
Dovessi rifarlo mi piacerebbe poterlo fare con qualcuno piu’ esperto di me su questo tipo di terreni che mi sappia indicarela via migliore nei passaggi tecnici. Di seguito mappa e …. traccia gps scaricabile 😉

mappasestri

DOWNLOAD GPX SESTRI ENDURO